Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Sono i dati dell'Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione

Il Lazio è la regione con il più alto quantitativo di rifiuti radioattivi a livello nazionale

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:

Roma – Nel Lazio c’è il più alto quantitativo di rifiuti radioattivi presenti ancora nelle installazioni nucleari costruite sul territorio. Oltre 9.200 metri cubi, vale a dire il 30% circa del totale nazionale, in 6 diversi impianti. Cinque in provincia di Roma e uno in provincia di Latina.

Per scoprirlo, con tanto di schede di dettaglio, basta consultare l’ultimo Inventario nazionale dei rifiuti radioattivi pubblicato a marzo dall’Isin, l’Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione, aggiornato al 31 dicembre 2017.

Nell’Inventario si trovano dati relativi a volumi, masse, caratteristiche fisiche, chimiche e radiologiche, caratteristiche dei contenitori e condizioni di stoccaggio dei rifiuti. Comprende anche il combustibile esaurito e le sorgenti dismesse. 


Isin - Fusti con rifiuti radioattivi

Isin – Fusti con rifiuti radioattivi


“Sulla base dei dati al 31 dicembre 2017 forniti dagli operatori – scrive l’Isin sul suo sito – il totale dei rifiuti radioattivi presenti nelle installazioni nucleari (italiane ndr), compresi quelli generati da attività di origine medica e industriale, è di circa 30 mila metri cubi. I rifiuti generati dallo smantellamento sono prevalentemente di attività bassa o molto bassa; quelli che rientreranno in Italia nei prossimi anni, derivanti dalle operazioni di riprocessamento in Inghilterra e in Francia del combustibile irraggiato, ammontano rispettivamente a circa 40 metri cubi di alta attività e circa 35 metri cubi di media attività. Bisogna considerare, inoltre, che continueranno ad essere prodotti i rifiuti derivanti dalle applicazioni mediche e industriali, per i quali si stima un produzione annua di circa 300 metri cubi”.

Le regioni, oltre al Lazio, dove si trovano ancora rifiuti radioattivi sono la Lombardia (5875 metri cubi, 19,26% del totale nazionale), il Piemonte (5101 metri cubi, 19,26%), l’Emilia Romagna (3211 metri cubi, 10,53%), la Basilicata (3150 metri cubi, 10,33%), la Campania (2913 metri cubi, 9,55%) e la Puglia (1007 metri cubi, 3,30%).

Gli impianti con rifiuti nel Lazio sono in tutto 6. Il primo si trova a Borgo Sabotino in provincia di Latina. “La centrale nucleare di Latina – spiega Isin – della potenza di 210 MWe (705 MWt), iniziò il suo esercizio commerciale nel gennaio del 1964, con una produzione elettrica complessiva alla data del suo arresto definitivo pari a 26 miliardi di KWh. L’esercizio della centrale cessò in via definitiva nel 1987. Fino al 2004 tra le attività più significative svolte presso la Centrale si evidenziano il trasferimento del combustibile nucleare esaurito a Sellafield (Regno Unito), per il relativo riprocessamento, lo smantellamento delle macchine di carico e scarico del combustibile e dei sistemi ausiliari del circuito primario, la rimozione di materiali coibenti e di parti del circuito primario (condotte di ingresso e by-pass) e la supercompattazione di circa 1500 fusti da 220 l contenenti rifiuti radioattivi tecnologici a bassa attività”.


Isin - La centrale di Borgo Sabotino a Latina

Isin – La centrale di Borgo Sabotino a Latina


Gli altri impianti si trovano tutti a Roma, al centro ricerche Casaccia, il più grande complesso di laboratori ed impianti dell’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, vicino al lago di Bracciano. 

“Nato come centro multidisciplinare a supporto di un programma complesso, il programma italiano di ricerca e sviluppo nel settore dell’utilizzazione pacifica dell’energia nucleare, il Centro ricerche Casaccia – riporta il sito internet dell’Enea – ha mantenuto nel corso degli anni, e con le varie leggi di riforma dell’Enea, la sua caratteristica di centro di ricerca, sviluppo, applicazione e trasferimento di tecnologie innovative. Attualmente ospita giornalmente circa 1000 dipendenti, impegnati in particolare sui temi legati a efficienza energetica, fonti rinnovabili, fissione nucleare, ambiente e clima, sicurezza e salute, nuove tecnologie, nuovi materiali, sviluppo sostenibile, innovazione del sistema agro-industriale, ricerca di sistema elettrico, nonché sulle attività di logistica del Programma nazionale ricerche in Antartide”.

Nel centro operano anche “le società Nucleco – prosegue il sito Enea – per la raccolta, trattamento e deposito provvisorio di rifiuti radioattivi a media e bassa intensità, e Sogin, responsabile della gestione e della messa in sicurezza degli impianti legati al ciclo del combustibile nucleare”.

I 5 impianti del centro Casaccia riguardano infine il Laboratorio operazioni calde (Opec), l’impianto plutonio, il complesso per il trattamento, condizionamento, deposito e smaltimento rifiuti radioattivi, il reattore di ricerca Tapiro e il reattore di ricerca Triga Rc1.


Isin - L'impianto plutonio della Casaccia

Isin – L’impianto plutonio della Casaccia


Anche i principali operatori nazionali nel campo della gestione dei rifiuti radioattivi sono in tutto 5. Sogin spa, Deposito Avogadro spa, Enea, Nucleco e Centro comune di ricerca (Ispra-Va) della Commissione Europea. 


Isin - Riepilogo per Regione – Rifiuti radioattivi, sorgenti dismesse e combustibile esaurito

Isin – Riepilogo per Regione – Rifiuti radioattivi, sorgenti dismesse e combustibile esaurito


“In Italia – commenta ancora Isin – sono presenti anche altri operatori, principalmente società private che provvedono alla raccolta e allo stoccaggio provvisorio di rifiuti radioattivi a bassa attività provenienti da attività di ricerca, industriali, medico-ospedaliere e da organismi universitari che gestiscono piccoli reattori di ricerca. E’ opportuno segnalare inoltre il Reattore di ricerca Rts-1 ‘Galileo Galilei’ del Centro interforze studi per le applicazioni militari (Cisam) presso Pisa, appartenente all’amministrazione della Difesa. Si tratta di un reattore di ricerca del tipo a piscina, moderato e raffreddato ad acqua leggera (potenza max: 5 MW). Il reattore è stato spento definitivamente nel 1980 ed è attualmente in fase di decommissioning; nel 1986 sono stati allontanati dall’impianto tutti gli elementi combustibili irraggiati. E’ stato allontanato anche il combustibile fresco. In tale impianto sono presenti rifiuti radioattivi le cui attività di gestione sono svolte nell’ambito dell’amministrazione della Difesa”.


Isin - Inventario rifiuti radioattivi e sorgenti dismesse per impianto

Isin – Inventario rifiuti radioattivi e sorgenti dismesse per impianto


Infine quello che potrebbe essere il vero problema. A sottolinearlo è sempre l’Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione. “Parte di tali rifiuti sono stati condizionati e, per la parte restante, sono in corso o programmate operazioni di condizionamento. In tale contesto, l’Isin ha più volte formulato e ribadito in varie sedi quali sono gli obiettivi fondamentali da perseguire nella gestione dei rifiuti radioattivi, in particolare nel lungo termine, cercando di sensibilizzare le amministrazioni competenti a intraprendere azioni adeguate per giungere in tempi rapidi alla realizzazione di un deposito nazionale che consenta di ospitare in condizioni di massima sicurezza i rifiuti radioattivi ancora detenuti nei diversi impianti nonché i rifiuti generati dal riprocessamento all’estero del combustibile irraggiato destinati a tornare in Italia”.

Daniele Camilli


L’inventario nazionale dei rifiuti radioattivi


Condividi la notizia:
28 dicembre, 2019

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. "Chemical city, la conservazione dei materiali era compromessa già nel 1963..."
  2. "Chemical city, trovato ordigno bellico nell'area militare del lago di Vico"
  3. "Vogliamo sapere la verità sulla Chemical city del lago di Vico"
  4. Chemical city, centinaia di documenti militari bruciati e altri buttati in giro per tutta l'area
  5. Calci, sputi e sgabellate, la vita del poliziotto nel carcere di Mammagialla...
  6. "Gli orari della ferrovia Roma nord stanno distruggendo l'istituto agrario"
  7. Il comune si schiera contro il consumo di suolo e il fotovoltaico a terra
  8. Discarica di Cinelli, adesso c'è pure un lago d'acqua con auto e roulotte abbandonate
  9. Chemical city, tubature da cui esce liquido nero e carotaggi lasciati sul terreno
  10. “Un tavolo contro il caporalato e lo sfruttamento dei braccianti”
  11. "Non ha solo la bellezza, ma anche il carattere..."
  12. "Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna non hanno espresso lamentele, soltanto aspirano alla libertà... "
  13. "Lo sterminio degli omosessuali è sempre stato un olocausto di serie B"
  14. "Una splendida pagina di dignità culturale..."
  15. "Sotto piazza San Lorenzo ci sono cunicoli, sepolture e... una cripta"
  16. "Se mia figlia sposasse uno come lui io sarei il padre più felice della terra"
  17. Farnese pneumatici, il tribunale ha respinto la richiesta di concordato... si va verso il fallimento?
  18. "La scuola italiana è ancora una scuola di classe"
  19. "Natale, quest'anno la gente è meno della metà..."
  20. "La religione è una forza per costruire la pace"
  21. "Cotral, Cotral... vaffanculo!"
  22. Degrado, una piccola discarica e plastica andata a fuoco... lo stato di salute dell'ex Ospedale grande degli infermi
  23. Don Franco, il prete che ha fatto il "miracolo" in Senegal...
  24. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  25. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  26. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  27. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  28. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  29. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  30. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  31. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  32. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  33. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  34. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  35. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  36. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  37. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  38. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  39. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  40. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  41. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  42. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  43. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  44. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  45. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  46. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  47. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  48. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  49. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  50. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  51. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  52. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  53. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  54. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  55. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  56. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR