--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Bengasi Battisti spiega da cosa nasce l'idea della lista per le provinciali: "Considerarla espressione personalistica è il tentativo più becero per affossare idee e esperienze"

“Per i beni comuni vuole rappresentare sensibilità diffuse che presidiano il territorio”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Bengasi Battisti

Bengasi Battisti

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Considerare una lista espressione personalistica è il tentativo più becero per affossare idee e esperienze, è il vecchio e perenne tentativo di offuscare le libere proposte.

E’ il modo e per tentare di sottrarsi al confronto evitando di esprimere posizioni chiare su temi strategici per la nostra Provincia.

“Per i beni comuni” nasce dall’esigenza di rappresentare all’interno dell’ente provincia quelle sensibilità diffuse che presidiano il territorio e la sua integrità, che curano i luoghi e affermano diritti.

L’acqua pubblica, la tutela delle naturali vocazioni dei luoghi, l’agricoltura tipica e di qualità, una gestione corretta dei rifiuti fondata su riduzione e recupero, la conservazione e promozione del paesaggio, la lotta all’agrindustria, la messa al bando dell’erbicida glifosato, la tutela delle sorgente e dei laghi sono temi fondamentali per la vita delle persone e la provincia può svolgere un ruolo strategico anche aprendosi a quelle istanze che dal basso tentano di contaminare i luoghi decisionali.

In tanti anni di impegno ho potuto relazionarmi con tante straordinarie realtà che sostengono difficili vertenze territoriali per arginare interessi che sottraggono salute e bellezza, ho potuto condividere emozioni e delusioni, entusiasmo e saperi.

Ho capito quanto sia indispensabile un ponte che permetta alle comunità attive e ai cittadini consapevoli l’accesso alle istituzioni per arricchirle con le loro conoscenze in un cammino comune e consapevoli.

Con i consiglieri Valentini, Sciarra, Foderini, Cherchi e Stefanelli abbiamo accolto un appello, direi un piccolo sogno colmo del desiderio di rivitalizzare le istituzioni e di sostenere le resistenze ai pericolosi impianti geotermici, agli inquinanti metodi di monocoltura industriale e alla pessima gestione idrica di Talete. 

Chi tenta di emarginare idee reali e collettive riducendole da sogno a strumento di affermazione personale non solo commette un errore ma introduce grazie e strumentali preconcetti che limitano la democrazia e la partecipazione.

Bengasi Battisti
Per i beni comuni


Condividi la notizia:
1 dicembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR