Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bilanci 2019 - Silvia Somigli, segretaria generale Uil Scuola, parla dell'azione del sindacato: "Grazie a chi ogni giorno ci dà fiducia chiedendoci di essere al loro fianco"

“Pronti per nuove battaglie e per tutelare i diritti di chi, col suo lavoro, assicura un futuro al paese”

di Paola Pierdomenico
Condividi la notizia:

 
Silvia Somigli e Pino Turi

Silvia Somigli e Pino Turi

Silvia Somigli (Uil scuola) insieme ai precari

Silvia Somigli (Uil scuola) insieme ai precari

Silvia Somigli

Silvia Somigli

Uil scuola Viterbo

Uil scuola Viterbo

Viterbo – “La scuola contribuisce alla tenuta della democrazia del paese. Siamo pronti per un nuovo anno pieno di battaglie, vittorie e tutela dei diritti di chi, col suo lavoro, assicura un futuro al paese”. Silvia Somigli, segretaria generale Uil Scuola Viterbo e responsabile della segreteria organizzativa regionale Uil Scuola Lazio, traccia un bilancio dell’anno giunto ormai al termine. Soddisfatta che l’azione portata avanti dal sindacato è riconosciuta e apprezzata da chi, come Somigli sottolinea, continua ogni giorno ad accordargli fiducia. 

Il 2019 è stato un anno intenso che si chiude con le dimissioni del ministro dell’Istruzione Fioramonti.
“Il cambio al vertice del ministero – spiega Somigli – non fa venire meno le questioni, che sono all’attenzione del neo ministro: corsi di abilitazione che tengano conto dell’esperienza sul campo del personale precario, il riconoscimento e valorizzazione degli assistenti amministrativi facenti funzione eil rinnovo del Ccnl con un aumento stipendiale a tre cifre.

Al tempo stesso, lo sviluppo di un pensiero critico, l’autonomia di pensiero, sono quanto ci aspettiamo da una scuola che offra a tutti possibilità conoscenze libere e di qualità. La scuola ha un compito incredibile: riconoscere i talenti di tutti. Talenti diversi e unici e ogni persona, la cui identità è evidente, ha in sé l’opportunità di un apprendimento critico, a nostro parere, non misurabile solo dai test, ma favorito da un buon insegnante”.

Che modello di scuola porta avanti la Uil con la sua azione?
“Quello a cui pensiamo da sempre e al quale stiamo lavorando ogni giorno, perché è una vera e propria battaglia culturale, è un modello di scuola laica, statale, inclusiva, di qualità, perché si tratta di una funzione e non un servizio. La scuola è una comunità democratica e partecipativa che contribuisce alla tenuta della democrazia del paese ed accoglie tutti, anche gli ultimi. La scuola statale di questo paese è sotto attacco da tempo: dalla politica che vorrebbe controllarla, dai privati che vorrebbero sfruttarla, dalla società che la ostacola, dalle molteplici difficoltà dei cambiamenti imposti dalle nuove tecnologie.

Ha subìto negli ultimi decenni processi di riforme che hanno decisamente peggiorato il suo impianto. Trattata con le regole di un supermercato: scegli i tuoi studi, i tuoi insegnanti e decidi chi è bravo e chi no, decidi se aumentargli lo stipendio o diminuirlo. E l’hanno chiamata buona scuola. È doveroso fare in modo che la scuola assuma la funzione che gli è propria, quella di comunità educante. La vera buona scuola è quella che insegna il pensiero critico, quella che consente allo studente di farsi un’idea propria e, proprio per questo, di poter meglio competere nella società.                                                      

Un ruolo che la scuola di un paese moderno in continua evoluzione, deve svolgere, ma non lo può fare da sola serve solidarietà e supporto per un nuovo patto che rinnovi uno slancio e restituisca un ruolo alla scuola e ai suoi insegnanti che questo compito devono svolgere. Proprio quegli insegnanti, che meriterebbero la firma di un nuovo contratto, che non c’è stato per quasi dieci anni, che è stato rinnovato con il miraggio delle nuove elezioni e che ora è scaduto di nuovo. Sono proprio quegli insegnanti che raccolgono la fiducia degli italiani e per i quali la scuola è considerata al terzo posto tra le istituzioni che ricevono maggiore fiducia nel nostro paese. Noi dobbiamo continuare la nostra battaglia culturale quotidiana proprio da qui”.

Sul versante territoriale, la Uil Scuola di Viterbo cosa ha fatto?
“Ha lavorato con estrema volontà e perseveranza sia sul piano sindacale dei diritti e sia sul piano culturale. Anche l’Irase, ente accreditato dal Miur, ufficio studi della Uil Scuola, è un’opportunità culturale e professionale per tutti gli operatori. 

Penso anche alle tante iniziative offerte a tutto il territorio: dall’inaugurazione dell’anno scolastico con la banda della Mmarina militare Italiana, ai momenti culturali di Caffeina, ai convegni e corsi di formazione e alla partecipazione di progetti provinciali come “Scuola, movimento e sport”, “Concorso Internazionale di musica Città di Tarquinia, Progetto sul Femminicidio, Progetto Alvaro Bigiaretti, Progetto Un libro nelle scuole Casa Editrice Serena, solo per citarne alcuni, che hanno viste coinvolte, a turno, le scuole della provincia di Viterbo, proprio perché noi riteniamo che l’azione virtuosa di un Sindacato debba e possa esplicarsi mediante vari momenti di solidarietà professionale e culturale.

Riteniamo opportuno e doveroso dedicare la nostra attenzione anche ai dirigenti scolastici, che ultimamente stanno infoltendo l’area V della Uil Scuola di Viterbo. E di questo li ringraziamo per la fiducia che ci stanno accordando. Anche il personale Ata è oggetto di una nostra battaglia culturale quotidiana che stiamo rimarcando a tutti i livelli”.

Insomma, una bella squadra collaudata.
“A tutto il mio gruppo di lavoro operativo va il mio grazie per tutto ciò e tutto quanto di bello hanno saputo dare e donare a chiunque sia venuto nei nostri uffici. Ringrazio tutte le nostre Rsu, Ra e dirigenti sindacali, che con grande capacità portano con fierezza la bandiera della Uil Scuola in tutte le scuole. E un grazie d i cuore, a tutti coloro che, nel tempo, stanno dimostrando, sempre più, di saperci e volerci apprezzare per quanto riusciamo a dare a tutta la comunità educante della provincia di Viterbo. Siamo pronti per un nuovo anno pieno di battaglie, vittorie e tutela dei diritti di chi, col suo lavoro, assicura un futuro al paese. Auguri di cuore al direttore e a tutti i lettori di Tusciaweb”. 

Paola Pierdomenico


Condividi la notizia:
30 dicembre, 2019

Bilanci 2019 ... Gli articoli

  1. "Speriamo che la legge sulla rigenerazione trovi attuazione"
  2. In prima linea contro l'abolizione della prescrizione e parte civile contro la mafia...
  3. "Se continua così, questo territorio non va da nessuna parte..."
  4. "Export in crescita, la Tuscia fa anche meglio della media nazionale"
  5. "In due anni fondi dedicati per le politiche sociali aumentati di 15 milioni di euro"
  6. "L'avvocato ha un ruolo sociale, non è solo una questione di competenze professionali"
  7. "Un'utopia produrre senza gli agrofarmaci, bisogna ridurli"
  8. "Caporalato in crescita nella Tuscia, viene sfruttato chi si trova in condizioni di difficoltà"
  9. "Tiene l’export, bene tessile e agroalimentare, benissimo il turismo"
  10. "I nostri vini conquistano il mercato nazionale e l'olio è ancor più che extravergine"
  11. "Ormai arriviamo in stazione e ci chiediamo 'Chissà oggi cosa succederà?'"
  12. "La ex caserma dei vigili del fuoco per l'ampliamento dell'università"
  13. "Una parte di gioventù viterbese non sta crescendo nel migliore dei modi..."
  14. "Sogno che la Tuscia abbia un ruolo trainante per l’economia della Regione"
  15. "Mi piace mettere in risalto che oltre la metà degli avvocati viterbesi sono donne"
  16. Volley Life capolista, ma Antonucci frena: "La promozione è un surplus"
  17. "Aumenta l'export e le nostre imprese bio sono prime nel Lazio"
  18. "Dobbiamo educare alla genuinità: la mela perfetta non sempre è la migliore..."
  19. "Il lavoro di FdI in comune è costante, continuo, senza sosta e pancia a terra"
  20. Tusciaweb, un 2019 straordinario con 60 milioni di pagine lette
  21. “La squadra è decimata, per salvarsi bisognerà fare l'impossibile”
  22. "Viterbesi omertosi? Diciamo che sono riservati..."
  23. "Mi ricandido solo se portiamo a termine il programma"
  24. Romano: "Viterbese in serie B? Obiettivo concreto per il futuro"
  25. Boom di "Anche tu redattore", nel 2019 oltre mille segnalazioni pubblicate
  26. Quattro omicidi nel 2019 nella Tuscia
  27. "Con Paperonly vogliamo salvare dalla distruzione e poi valorizzare libri, cartoline e documenti"
  28. "I conti della Regione sono in ordine e vanno in continuo miglioramento"
  29. "Questa è la maggioranza delle parentele, delle tasse e di chi vuole un posto in comune"
  30. "Un 2019 pieno di scossoni, ma il food è in grande espansione"
  31. Un anno di Touring Club...
  32. Active network, secondo miglior attacco e zona playoff a un passo
  33. "L'amministrazione è ferma e impantanata, Viterbo deve decollare"
  34. "Sarà l'anno delle strade, dell'appalto dei rifiuti e delle assunzioni"
  35. La Vbc Polistampa ricarica le pile con tanta voglia di riscatto
  36. "Un 2019 da sogno con 16 vittorie e 3 titoli italiani"
  37. Union Viterbo rullo compressore, sette vittorie su sette e primo posto solitario
  38. E' una Viterbese "da ripresa", dieci gol e 11 punti dopo il 75'
  39. Per l'Ortoetruria un Natale da capolista, Matthew Pebole miglior marcatore
  40. Baschirotto il più presente, Tounkara il più falloso
  41. Viterbese, il giocatore dell'anno è Zhivko Atanasov
  42. "È stato un anno intenso e ricco di successi"
  43. "Il lavoro è la vittima più illustre dell’ultimo decennio"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR