--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Rami Torkhani, tunisino di seconda generazione, è diventato dottore in scienze infermieristiche - FOTO E VIDEO

“I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore…”

di Daniele Camilli

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Viterbo – Quando, qualcuno, qualche anno fa, diceva “il nuovo che avanza” probabilmente non pensava a questo. E questo, invece, è veramente “nuovo”. Ma un “mondo nuovo”. Magari, anche più bello del precedente.

Via Saffi, Viterbo. Qualche settimana fa. Due scoperte. Una, vabbè, chi scrive, non lo sapeva. S’ammette l’ignoranza. La facoltà di medicina e odontoiatria dell’università degli studi La Sapienza di Roma ha una sede anche nella città dei papi. Corso di laurea in infermieristica. E la discussione della tesi si fa nella sala Benedetti di Palazzo Gentili. Dove sta la Provincia.


Viterbo - La famiglia di Rami Torkhani

Viterbo – La famiglia di Rami Torkhani


La seconda scoperta è ancor più bella. La laurea di un giovane ragazzo, Rami Torkhani. Poco più che ventenne. Tunisino. Seconda generazione di immigrati in Italia. Figlio di Imen Jendoubi e Mostafa Torkhani. “Pazienti affetti da malattie rare ad interessamento renale”, il titolo della tesi. Corso di laurea in infermieristica.


Viterbo - Rami Torkhani

Viterbo – Rami Torkhani


“Sono felicissimo per il risultato raggiunto – dice Rami Torkhani -. Non è stato semplice. I sacrifici sono stati tanti. Ringrazio i miei genitori. La mia famiglia. Con tutto il cuore”. Non aggiunge altro. Si mette l’alloro in testa e va a festeggiare, con tutti quanti gli altri colleghi. L’inizio di una nuova vita. In un paese che è il vostro tanto quanto il suo.


Viterbo - Imen Jendoubi

Viterbo – Imen Jendoubi


In sala ci sono i parenti. Il padre, la madre, la sorella, lo zio. L’associazione culturale islamica di via Garbini con la vice presidente Nadra Arafa. Si abbracciano. Rami prende il volto della madre, e le bacia la fronte e la mano. Qualcuno piange. Come succedeva fino a qualche anno fa, quando a laurearsi erano i figli di contadini, braccianti e operai. E l’emozione era enorme, con i padri che magari abbracciavano per la prima volta i figli. Tanta era la distanza tra di loro, nel quotidiano. Ma in quel momento, in quel preciso istante della vita, la soddisfazione era enorme. Riscatto sociale. Per “i capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi…”. Così sta scritto all’articolo 34 della Costituzione italiana. Conquista costata cara. 


Viterbo - Mostafa Torkhani

Viterbo – Mostafa Torkhani


I genitori di Rami Torkhani, per lavorare, sono andati a vivere in Francia. Rami è rimasto in Italia, a Viterbo. Sono lavoratori, operai e manovali. Avere un figlio laureato è un orgoglio. E quando viene proclamato dottore, l’applauso si sente da fuori. E scoppiano in lacrime. Nel pomeriggio la festa in moschea. E una preghiera di ringraziamento e buon auspicio, recitata da un ragazzo. Giovanissimo anche lui. Una lezione. Rami Torkhani. Il mondo nuovo che avanza. Come un partigiano, dopo la Liberazione.

Daniele Camilli


 Multimedia – Fotogallery: La laurea di Rami Torkhani – Video: Un mondo nuovo che avanza


Condividi la notizia:
3 dicembre, 2019

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  2. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  3. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  4. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  5. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  6. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  7. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  8. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  9. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  10. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  11. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  12. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  13. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  14. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  15. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  16. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  17. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  18. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  19. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  20. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  21. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  22. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  23. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  24. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  25. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  26. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  27. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  28. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  29. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  30. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  31. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  32. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR