Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civitavecchia - Polizia - Non avrebbe rispettato le distanze minime dai luoghi sensibili - Denunciato un 48enne trovato con la coca nei pantaloni

Sigilli a un’attività di raccolta scommesse

Condividi la notizia:

Sigilli a un’attività di raccolta scommesse

Sigilli a un’attività di raccolta scommesse

Civitavecchia – La polizia denuncia un civitavecchiese e appone i sigilli a un’attività di raccolta scommesse nel corso di controlli straordinari del territorio. Sequestrate diverse dosi di cocaina.

“Nel corso di controlli straordinari – si legge in una nota – nel comune di Civitavecchia e di Ladispoli messi a punto dagli agenti della Polizia di Stato del commissariato Civitavecchia e dell’Ufficio Polizia di Frontiera presso lo Scalo Marittimo, un 48enne civitavecchiese, trovato con diverse dosi di cocaina nascoste nella tasca dei pantaloni, è stato denunciato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Durante la stessa attività, i poliziotti hanno notificato, al titolare di un’attività di raccolta scommesse nel comune di Ladispoli, un’ordinanza di chiusura dell’attività emessa dal questore di Roma Carmine Esposito.

L’esercizio pubblico – continua la nota – è risultato, infatti, non in regola con le norme che regolano le distanze tra i centri di raccolta scommesse e i siti tutelati dalla norma poiché frequentati da soggetti considerati vulnerabili quali “istituti scolastici di qualsiasi grado, centri giovanili o altri istituti frequentati principalmente dai giovani, centri anziani, strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o socio assistenziale o luoghi di culto parchi pubblici”.

Inoltre, dagli accertamenti svolti, è risultato che l’attività di raccolta scommesse veniva effettuata da una piattaforma la cui società di gestione non è riconosciuta dal Monopolio dello Stato”. 

Complessivamente sono stati controllati 22 veicoli, un esercizio commerciale e 100 persone. 


Condividi la notizia:
23 dicembre, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR