--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tarquinia - Il presidente dell'Anpi Ugo La Rosa esprime apprezzamento per la proposta del consigliere comunale Maurizio Conversini

“Soddisfazione per la cittadinanza onoraria a Liliana Segre e Lello Dell’Ariccia”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Tarquinia - Una panoramica

Tarquinia – Una panoramica

Tarquinia – Riceviamo e pubblichiamo – Intendo esprimere l’apprezzamento degli iscritti alla sezione Anpi di Tarquinia “10 giugno 1944” per la proposta del consigliere comunale Maurizio Conversini volta alla concessione della cittadinanza onoraria del nostro comune a Liliana Segre e Lello Dell’Ariccia, perché impegnati nel “mantenere vivo il ricordo del passato e contro ogni potere totalitario a prescindere da qualunque ideologia”, e alla disponibilità manifestata dal sindaco Sandro Giulivi sia alla concessione di detti riconoscimenti, sia all’invito ai medesimi per la cerimonia ufficiale di consegna.

Pensiamo sia superfluo ricordare la tragica storia personale e familiare vissuta dalla signora Segre e il suo attuale impegno nel portare la sua testimonianza nelle scuole, affinché la memoria di quel folle disegno criminale attuato dal nazismo non venga dimenticato o negato.

Analoga testimonianza viene fatta, nelle scuole o con il suo progetto “Memoria della Shoah”, da Lello Dell’Ariccia, scampato fortunosamente, ancora bambino, alla deportazione nei campi di concentramento, da cui non tornarono invece diversi suoi parenti meno fortunati, tra cui la nonna e una nipotina di sei anni.

Riteniamo estremamente positivo che venga sempre più largamente condiviso il rifiuto di qualsiasi ideologia di sopraffazione e che venga cancellata nella nostra società qualsiasi intolleranza, discriminazione o violenza sul prossimo per motivi religiosi, etnici, politici o sessuali. E ci auguriamo che, aldilà delle normali contrapposizioni politiche, il consiglio comunale sappia ritrovarsi unanime nella condivisione di valori comuni e nella concessione di questo importante riconoscimento ai due nostri connazionali, per la lunga e importante testimonianza, che essi portano nella nostra società, delle enormi sofferenze patite.

Ugo La Rosa

presidente Anpi sezione Tarquinia – “10 giugno 1944”

 


Condividi la notizia:
1 dicembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR