--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Giovedì mattina appuntamento davanti all'ingresso del palazzo con l'autoemoteca dell'Avis

Il tribunale lancia la campagna di donazione del sangue

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Viterbo - Maria Rosaria Covelli

Viterbo – Maria Rosaria Covelli

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Giovedì 5 dicembre, davanti al palazzo di giustizia di Viterbo, sarà presente l’autoemoteca a disposizione di tutti coloro che vorranno donare il proprio sangue.

L’iniziativa, promossa dal tribunale di Viterbo, dalla presidente Maria Rosaria Covelli, cui hanno immediatamente aderito il procuratore della Repubblica, Paolo Auriemma, nonché il consiglio dell’Ordine degli avvocati di Viterbo con il presidente Marco Prosperoni, è un modo  per trasmettere alla comunità il messaggio di “solidarietà sociale” espressamente previsto dall’articolo 2 della nostra carta costituzionale.

Notevole la partecipazione del personale amministrativo, a partire dal dirigente Paolo Stavagna. Magistrati, avvocati, personale amministrativo e polizia giudiziaria daranno dunque il loro apporto alla encomiabile missione dell’Avis comunale di Viterbo, sempre attenta a garantire alti livelli di raccolta del sangue per far fronte a tutte le esigenze sanitarie locali e non.

La donazione, aperta a chiunque voglia compiere il nobile gesto di dare un pochino di sé stesso agli altri, è stata preceduta,  giovedì 28 novembre, da una conferenza informativa, particolarmente partecipata, tenutasi nell’aula di Corte d’assise. Alla conferenza ha preso la parola la presidente del tribunale, che ha spiegato come è nata l’idea di questa giornata di donazione e l’importanza del sangue come bene non riproducibile in laboratorio che, con una donazione volontaria e anonima, può salvare la  vita delle persone  che in primo soccorso, o a causa di incidenti o patologie, o in sede di interventi chirurgici, ne hanno essenziale bisogno. La presidente ha ringraziato i rappresentanti dell’Avis,  Antonio Usai, Maurizio Todini, il primario del centro trasfusionale e tutti i presenti.

Hanno poi preso la parola Chiara Capezzuto per la procura della Repubblica, che ha sottolineato la rilevanza dell’iniziativa per il territorio, auspicando  partecipazione al gesto di solidarietà a tutela della salute collettiva, e Stefano Brenciaglia, in rappresentanza dell’Ordine degli avvocati di Viterbo, che ha ricordato la fattiva e costante partecipazione degli avvocati del foro viterbese, e il bel messaggio culturale dell’iniziativa.  

Antonio Usai, per l’Avis comunale di Viterbo, ha illustrato l’attività sul territorio dell’Avis e ringraziato per la promozione dell’evento e per la attenta partecipazione. Silvia Da Ros, primario del Centro trasfusionale di Viterbo, ha spiegato le modalità operative. In particolare, ha indicato le principali cause di esclusione dalla donazione, ha rassicurato sulla massima attenzione che viene sempre rivolta alla sicurezza per il donatore, l’utilità anche per quest’ultimo del conseguente screening e ha risposto alle domande dei presenti. Sono stati distribuiti anche opuscoli informativi.

A questo punto l’invito è per giovedì 5 dicembre davanti al tribunale di Viterbo, per donare il proprio sangue a beneficio di tutta la popolazione viterbese. 

Tribunale di Viterbo


Condividi la notizia:
3 dicembre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR