Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - E' l'immagine della Tuscia che emerge dalla classificazione dei comuni secondo le ecoregioni d'Italia fatta dall'Istat

Un po’ romana, un po’ maremmana… e pure un po’ toscana

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo – Tirrenica, appenninica, maremmana, toscana e romana. E’ l’immagine della Tuscia che viene fuori dalla classificazione dei comuni secondo le ecoregioni d’Italia pubblicata dall’Istat, l’istituto nazionale di statistica. Un punto di riferimento scientifico per un territorio, come quello della provincia di Viterbo, dove sono stati fatti, o stanno per esserlo, diversi investimenti in impianti fotovoltaici, eolico e geotermico. E dove, a sud, sta per essere completata la trasversale Orte-Civitavecchia e l’espansione dell’area metropolitana romana avanza anno dopo anno.

“Le ecoregioni, o regioni ecologiche – spiega l’Istat – sono porzioni più o meno ampie di territorio ecologicamente omogenee nelle quali specie e comunità naturali interagiscono in modo discreto con i caratteri fisici dell’ambiente. Rappresentano quindi zone con simili potenzialità ecosistemiche e costituiscono un quadro di riferimento territoriale e geografico ottimale per l’interpretazione dei processi ecologici, dei regimi di disturbo, della distribuzione spaziale della vegetazione e delle diverse tipologie di paesaggio”.


Tuscania - Maremma

Tuscania – Maremma


Le ecoregioni d’Italia sono state così organizzate in quattro diversi livelli. Due divisioni, 7 province, 11 sezioni e 33 sottosezioni). “I diversi livelli gerarchici – prosegue l’istituto di statistica – consentono di rappresentare e interpretare in chiave ecosistemica, con diverso grado di dettaglio e a diverse scale, la complessa articolazione di caratteri ambientali e usi del suolo che caratterizza il Paese, ponendosi come chiave di lettura complementare a quella basata sui tradizionali limiti amministrativi”.

La Tuscia si trova a cavallo tra le divisioni mediterranea e temperata, e fa parte sia della provincia tirrenica, sezione tirrenica centro-settentrionale, sottosezioni maremmana e romana, sia di quella appenninica, sezione appenninica centrale, sottosezione bacino toscano. Il comune di Viterbo rientra nella sottosezione del bacino Toscano.


Istat - Le ecoregioni d'Italia

Istat – Le ecoregioni d’Italia


“La divisione temperata – spiega il ministero dell’ambiente sul suo sito internet – presenta una vegetazione naturale prevalentemente forestale. Le aree naturali e semi-naturali rappresentano la tipologia di copertura più estesa (47,1%) insieme alle aree agricole (46,6%). Le superfici artificiali interessano il 4,7%, mentre zone umide e corpi idrici coprono rispettivamente lo 0,2% e 0,6% della divisione”.


Istat - Le ecoregioni d'Italia

Istat – Le ecoregioni d’Italia


La divisione mediterranea ha una vegetazione anch’essa prevalentemente forestale “con boschi – continua il ministero – di querce sempreverdi miste a caducifoglie grazie ad aridità estive non troppo pronunciate. Boschi e arbusteti esclusivamente dominati da specie sclerofille sempreverdi che caratterizzano solo una sottile fascia costiera lungo la penisola e penetrano significativamente all’interno solo in Sardegna e nel plateau pugliese. Le superfici agricole sono più estese delle aree naturali e semi-naturali (il 61,5% contro il 32,9%). Le superfici artificiali e le zone umide hanno la stessa importanza presentata nella divisione temperata, coprendo rispettivamente il 4,7% e lo 0,2%, mentre i corpi idrici sono relativamente più rappresentati con l’1,3%”.


Tuscania - Maremma

Maremma in Tuscia


Scendendo infine nel dettaglio delle sottosezioni, quella maremmana conta in tutta Italia 78 comuni, oltre 7 mila chilometri quadrati di superficie e una popolazione che supera il milione e 200 mila abitanti. La sottosezione toscana riguarda invece 291 comuni, 20.619 chilometri quadrati e tre milioni di persone. La sottosezione romana ha al suo interno 70 comuni, 4631 chilometri quadrati e una popolazione di 4 milioni e 300 mila abitanti.

Per maggiori informazioni, e vedere anche in quale sottosezione ricade il proprio comune, basta consultare il sito dell’Istat.

Daniele Camilli


Fotogallery: La maremma in Tuscia


Condividi la notizia:
9 dicembre, 2019

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. "Chemical city, la conservazione dei materiali era compromessa già nel 1963..."
  2. "Chemical city, trovato ordigno bellico nell'area militare del lago di Vico"
  3. "Vogliamo sapere la verità sulla Chemical city del lago di Vico"
  4. Chemical city, centinaia di documenti militari bruciati e altri buttati in giro per tutta l'area
  5. Calci, sputi e sgabellate, la vita del poliziotto nel carcere di Mammagialla...
  6. "Gli orari della ferrovia Roma nord stanno distruggendo l'istituto agrario"
  7. Il comune si schiera contro il consumo di suolo e il fotovoltaico a terra
  8. Discarica di Cinelli, adesso c'è pure un lago d'acqua con auto e roulotte abbandonate
  9. Chemical city, tubature da cui esce liquido nero e carotaggi lasciati sul terreno
  10. “Un tavolo contro il caporalato e lo sfruttamento dei braccianti”
  11. "Non ha solo la bellezza, ma anche il carattere..."
  12. "Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna non hanno espresso lamentele, soltanto aspirano alla libertà... "
  13. "Lo sterminio degli omosessuali è sempre stato un olocausto di serie B"
  14. "Una splendida pagina di dignità culturale..."
  15. "Sotto piazza San Lorenzo ci sono cunicoli, sepolture e... una cripta"
  16. "Se mia figlia sposasse uno come lui io sarei il padre più felice della terra"
  17. Farnese pneumatici, il tribunale ha respinto la richiesta di concordato... si va verso il fallimento?
  18. Il Lazio è la regione con il più alto quantitativo di rifiuti radioattivi a livello nazionale
  19. "La scuola italiana è ancora una scuola di classe"
  20. "Natale, quest'anno la gente è meno della metà..."
  21. "La religione è una forza per costruire la pace"
  22. "Cotral, Cotral... vaffanculo!"
  23. Degrado, una piccola discarica e plastica andata a fuoco... lo stato di salute dell'ex Ospedale grande degli infermi
  24. Don Franco, il prete che ha fatto il "miracolo" in Senegal...
  25. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  26. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  27. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  28. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  29. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  30. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  31. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  32. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  33. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  34. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  35. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  36. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  37. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  38. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  39. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  40. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  41. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  42. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  43. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  44. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  45. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  46. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  47. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  48. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  49. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  50. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  51. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  52. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  53. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  54. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  55. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  56. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR