--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Mobilità e rischio isolamento Tuscia, interviene il presidente della consulta studentesca Luca Scutigliani

“Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Viterbo - Luca Scutigliani

Viterbo – Luca Scutigliani

Tre Croci - La stazione dei treni

Tre Croci – La stazione dei treni

Viterbo - La nuova aula magna e gli studenti dell'Itt Leonardo Da Vinci

Viterbo – Un’assemblea studentesca

Passaggio a livello

Passaggio a livello

Un treno

Un treno

Viterbo – Quando parliamo di trasporto pubblico e pendolarismo nella nostra provincia non possiamo fare a meno di parlare di pendolarismo studentesco. Infatti, la stragrande maggioranza dei 12.500 studenti delle scuole superiori raggiunge tutti i giorni la propria scuola con un treno o un autobus.

Pare che gli studenti siano gran parte del flusso di pendolari che assorbe il sistema di trasporto regionale e la gran parte delle corse dei pullman della Cotral, per esempio, esistono solo in virtù delle necessità scolastiche. Per uno studente l’efficienza del sistema di trasporto è strettamente legata alla possibilità di raggiungere i luoghi di istruzione e quindi alla possibilità di adempiere al proprio sacrosanto diritto a studiare. 

Un sistema di trasporto efficace è il primo di una lunga serie di condizioni indispensabili per garantire il diritto allo studio e là dove presenta le sue lacune se ne percepiscono immediatamente gli effetti. Per esempio, secondo dati Istat, il tasso di abbandono scolastico è più elevato tra gli abitanti dei piccoli comuni della provincia dove I collegamenti sono scarsi e scadenti.

In genere chi nasce in uno dei tanti piccoli comuni di questa provincia si trova ben presto a fare i conti con il sistema di trasporto pubblico perché, non esistendo sempre collegamenti efficienti si è portati a scegliere il proprio indirizzo di studi non tanto in virtù delle proprie inclinazioni personali ma a seconda di quanto un istituto sia o meno raggiungibile.

Per fare un esempio uno studente di Bassano Romano sceglierà più facilmente di andare al Liceo Linguistico di Bassano piuttosto che affrontare un viaggio quotidiano di un’ora e venti minuti tra andata e ritorno per raggiungere il più vicinoLiceo Classico, oppure uno studente di Civita Castellana, per frequentare un Istituto Agrario, sarà quasi obbligatoriamente costretto a trasferirsi altrove. Ovviamente questa situazione genera una enorme disparità in termini di opportunità tra gli studenti che vivono in una delle poche città e quelli che invece abitano nella stragrande maggioranza di piccoli comuni della provincia.

Gli studenti pendolari sono costretti anche a farsi carico della discrasia che spesso sussiste tra gli orari di pullman e treni e quelli di ingresso e uscita da scuola. È infatti frequente trovare studenti costretti a ingressi in ritardo o uscite anticipate a causa di orari sragionati e insensati che non tengono conto delle esigenze degli studenti. 

Un altro esempio riguarda invece i molti studenti a cui è privato il diritto a prendere parte alle attività integrative che la propria scuola offre nel pomeriggio. Questo perché non esistono corse che possano riportare gli studenti a casa nel pomeriggio. Tutto questo si ripercuote direttamente sugli studenti che, per responsabilità non proprie, sono costretti a rinunciare a parte delle lezioni o alle attività integrative. Nei casi peggiori gli studenti sono addirittura vittime di provvedimenti disciplinari causati dagli eccessivi ingressi in ritardo. Insomma, una situazione al limite dell’assurdo che genera forti occasioni di disuguaglianza e che sarebbe facilmente risolvibile semplicemente riorganizzando gli orari di pullman e treni.

Tra tutti, il caso che al momento merita la maggiore attenzione è quello del liceo Midossi di Vignanello dove, a seguito della soppressione di alcune corse della linea ferroviaria gestita da ATAC, gli studenti sono costretti a forti ritardi e uscite anticipare. Pensate che gli studenti provenienti da Faleri sono addirittura costretti a rimanere a Vignanello fino alle 16:00 del pomeriggio perché non esistono mezzi che li possano riportare a casa prima. Una situazione vergognosa, indegna, profondamente lesiva del diritto degli studenti a frequentare le lezioni e a vivere una quotidianità serena.

Un’altra stortura che caratterizza il nostro sistema di trasporto regionale è il sistema tariffario. Ad oggi la suddivisione della regione in zone tariffarie avviene a cerchi concentrici. Quindi la prima zona coincide con il territorio della città di Roma mentre le zone restanti assumono la forma di cerchi concentrici intorno alla capitale arrivando al paradosso per cui acquistando un abbonamento che copre la città di Viterbo acquisto necessariamente un abbonamento valido anche a Latina e Rieti.

Questo sistema tariffario riflette un sistema di trasporto regionale fortemente romacentrico che dimostra tutta la sua inadeguatezza quando analizziamo linee che non giacciono sulle direttrici di collegamento con Roma.

Per esempio, uno studente che da Capranica va a scuola a Viterbo dovrà acquistare un abbonamento a due zone spendendo il doppio di un suo collega che proviene invece da Fabrica di Roma che pur essendo distante quanto Capranica necessita di un abbonamento a una singola zona. Pensate che addirittura l’abbonamento per latratta Civitavecchia-Viterbo costa la metà rispetto alla ben più breve tratta Capranica-Viterbo.

La causa di questo paradossale cortocircuito è l’assenza di un sistema di abbonamenti a chilometraggio e la conseguenza è un incompressibile aumento dei prezzi di alcuni specifici abbonamenti a discapito delle famiglie che già affrontano ingenti spese per permetterci di accedere al sistema di istruzione.

Secondo l’Istat ogni famiglia spende ogni anno in media 1130 euro per l’acquisto di libri, materiale didattico e per i trasporti dei propri figli. Una cifra senza dubbioingente che non tutte le famiglie possono sostenere e che denatura l’istruzionepubblica da diritto universale a esperienza appannaggio di una fetta di società sempre minore.

Per questo penso che il riconoscimento del diritto allo studio debba passare necessariamente anche per la gratuità del sistema di trasporto scolastico. 

Un altro problema che affligge la quotidianità di molti studenti è la mancanza di integrazione tra i sistemi di trasporto pubblico locale e il sistema di trasporto pubblico regionale. Come è noto le tre grandi aziende regionali, Ferrovie dello Stato, Cotral e Atac, condividono lo stesso sistema tariffario permettendo l’utilizzo dello stesso abbonamento sui mezzi delle tre aziende. La stessa cosa purtroppo non vale per i sistemi di trasporto locale, per lo più a gestione comunale. La cosa costringe molti studenti a dover acquistare due abbonamenti differenti e a moltiplicare quindi i costi del trasporto pubblico.

Purtroppo, ad oggi non esiste nemmeno l’intenzione politica di integrare il sistema di trasporto regionale con i diversi sistemi locali, per questo serve una proposta concreta sulla quale sfidare la Regione, perché solo attraverso una totale integrazione dei sistemi potremo ottenere un sistema di trasporto più efficiente.

Ogni studente pendolare spende al giorno una media tra trenta minuti e un ora sui mezzi che moltiplicati per le 200 giornate di un anno scolastico sono un tempo di vita considerevole. Quando parliamo di trasporto pubblico dobbiamo sempre considerare che stiamo parlando di tempo di vita. Efficientare il sistema di trasporto velocizzando I collegamenti e aumentando il comfort per gli utenti significa prima di tutto incidere sulla qualità della vita delle persone. Per questo affrontare il tema del pendolarismo non è scontato né tantomeno banale.

Negli ultimi anni abbiamo affrontato numerose volte il tema del pendolarismo studentesco, sempre collaborando con gli studenti dell’Università e con il contributo del Sindacato degli Studenti Medi con il quale stiamo conducendo proprio in questi giorni una azione vertenziale nei confronti della Cotral. In passato abbiamo raggiunto diversi risultati. Abbiamo ottenuto la reintroduzione di diverse corse studentesche vittime della spending review e abbiamo seguito da vicino il processo di rinnovamento della azienda Cotral che ha portato un sensibile miglioramento del servizio.

Penso che oggi sia arrivato il momento di progredire nella battaglia pendolare aprendo nuovi livelli di contrattazione. Non possiamo più permetterci di mirare solo alla riorganizzazione delle corse studentesche. Dobbiamo di riprogettare l’intero sistema di trasporto pubblico rivedendo i sistemi tariffari, richiedendo un impegno concreto nell’integrazione dei sistemi locali e soprattutto richiedendo a gran voce il potenziamento infrastrutturale delle linee linee di collegamento esistenti e la progettazione delle nuove linee di collegamento necessarie.

Luca Scutigliani

Presidente della Consulta Provinciale degli Studenti di Viterbo

 


Condividi la notizia:
2 dicembre, 2019

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  2. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  3. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  4. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  5. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  6. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  7. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  8. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  9. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  10. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  11. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  12. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  13. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  14. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  15. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  16. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  17. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  18. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  19. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  20. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  21. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  22. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  23. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  24. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  25. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  26. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  27. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  28. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  29. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  30. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  31. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  32. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR