--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Il governatore della Lombardia: "Si è vista una mobilitazione degna dei tempi andati per l'ultima ancora di salvezza"

Elezioni Emilia-Romagna, Fontana: “Il Pd ha portato al voto anche disabili e centenari”

Condividi la notizia:

Attilio Fontana

Attilio Fontana

Bologna – “Si è vista in tv gente di più di cento anni portata ai seggi, disabili accompagnati con i pulmini. Una mobilitazione degna dei tempi andati per salvare quel che resta di un’idea che ormai è svanita, per l’ultima ancora di salvezza”. È il giudizio del governatore della Lombardia, Attilio Fontana (Lega), sulle elezioni regionali in Emilia-Romagna, che hanno visto il successo del candidato del centrosinistra Stefano Bonaccini.

Secondo Fontana, la Lega non ha commesso errori nella corsa elettorale emiliana. “Se errore è riuscire ad arrivare al 42% in Emilia Romagna, ben vengano errori di questo genere. Ho sempre detto che per me era già un successo grande poter dire che si poteva combattere ad armi pari”.

Dura la reazione del vicesegretario del Pd, Andrea Orlando. “Disabili e anziani hanno diritto al voto quanto tutti gli altri cittadini, se un centenario va a votare è anche perché non vuole che torni l’odio, essendo stato, magari, testimone oculare di ciò che può provocare – scrive su Facebook -. Se un presidente di regione, in cui vivono disabili, anziani e molti cittadini che votano per un partito diverso dal suo, si produce in dichiarazione come questa, cessa di essere un uomo delle istituzioni e diventa soltanto un propagandista di partito”.


Condividi la notizia:
28 gennaio, 2020

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR