Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Alfonso Antoniozzi durante l'incontro Homocausto organizzato dall'Altro circolo in occasione della Giornata della memoria - FOTO E VIDEO

“Lo sterminio degli omosessuali è sempre stato un olocausto di serie B”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo – “Lo sterminio degli omosessuali è sempre stato un olocausto di serie B”. E poi. “Mi chiamo Alfonso Antoniozzi, sono nato nel 1964 e sono omosessuale”. Antoniozzi è un cantante lirico. A livello internazionale. Consigliere comunale di Viterbo 2020. “Ma oggi – ha poi aggiunto (ieri ndr) – sono quello che sono. E sto qui. Sono Alfonso Antoniozzi. Omosessuale”.

L’iniziativa, disertata dalle istituzioni, è stata organizzata dall’Altro circolo-Centro culturale di iniziativa Omosessuale e dall’associazione fondazione Luciano Massimo Consoli. Per ricordare la Giornata della Memoria e lo sterminio degli omosessuali. Raccontato nelle installazioni fotografiche a Palazzo Anselmi in via Saffi a Viterbo. In sala, a spiegare a un gruppo di ragazzi lo sterminio degli omosessuali, Alba Montori della Fondazione Luciano Massimo Consoli, Peppe Sini del Centro di ricerca per la pace e i diritti umani, Luca Di Sciullo del Centro Studi e Ricerche Idos e Alfonso Antoniozzi.


Viterbo - Alfonso Antoniozzi

Viterbo – Alfonso Antoniozzi


“Quando io ero ragazzo – ha raccontato Antoniozzi – ti facevano sentire sbagliato. Ti imponevano di nasconderti. Le persone che ti volevano più bene ti dicevano ‘sposati, trovati una moglie e poi fatti gli affari tuoi’. Io devo ringraziare per tutto il lavoro fatto da persone della mia età e da tutte quelle che si sono succedute. Perché hanno avuto il coraggio di dire ‘io sono quello che sono'”.


Viterbo - Il ricordo dello sterminio degli omosessuali - Palazzo Anselmi

Viterbo – Il ricordo dello sterminio degli omosessuali – Palazzo Anselmi


Una generazione, quella di Antoniozzi, che ha attraversato il lento e silenzioso sterminio dell’Aids durante tutti gli anni ottanta e novanta. Durante i quali gli omosessuali sono stati di fatto additati come veri e propri untori. Ma è stata anche la prima generazione che si è ribellata con forza a tutto questo. E lo ha fatto orgogliosamente. Alzando la testa. Lottando. Rivendicando diritti e conquistandone di nuovi. A vantaggio di tutti. 


Viterbo - Alfonso Antoniozzi

Viterbo – Alfonso Antoniozzi


“Forse queste parole vi suonano lontane, ma fate molta attenzione – ha detto Antoniozzi – perché quello che io ho vissuto quando ero ragazzo è figlio di questa mentalità qui. La mentalità dello sterminio. E se vi state dicendo che questo non potrà mai più accadere… ragazzi fate molta attenzione. Fate attenzione ai piccoli episodi di bullismo che ricevono col tempo la benedizione di una nazione e di chi ci governa. Io non ho un amico che non sia stato bullizzato perché omosessuale e disgraziatamente non ho un amico che non sia stato pestato. Voi siete il futuro di questa nazione, e dovete controllare questi piccoli episodi”. 


Viterbo - Il ricordo dello sterminio degli omosessuali - Palazzo Anselmi

Viterbo – Il ricordo dello sterminio degli omosessuali – Palazzo Anselmi


“Voi dovete scegliere in questo momento da che parte volete stare – ha concluso Alfonso Antoniozzi -. Perché una società più giusta per tutti noi dipende da voi. Lo sterminio degli omosessuali è sempre stato un olocausto di serie B. Per tanto tempo non se n’è parlato”.

Al netto delle differenze di idee politiche, al netto delle differenze religiose, al netto di tutto quello che voi pensate… combattete l’idea finché volete, ma non combattete mai gli omosessuali, le lesbiche, i transessuali, i comunisti. Perché ogni persona fa storia a sé. E in ogni gruppo ci sono persone degne della nostra stima o disistima, indipendentemente da quello che è il loro credo, colore, religione e orientamento sessuale. Potete costruire un futuro migliore. Ogni giorno. Nei piccoli gesti. Affinché quanto è stato non si ripeta più, dipende solo da voi. Solo da noi”.

Daniele Camilli


Multimedia: Gallery: Viterbo celebra il giorno della memoria – La Giornata della memoria a Palazzo dei PrioriIl ricordo della Shoah in città – Video: La giornata della memoriaGiornata della memoria, il racconto di Salvatore Federici


Condividi la notizia:
28 gennaio, 2020

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. "Chemical city, la conservazione dei materiali era compromessa già nel 1963..."
  2. "Chemical city, trovato ordigno bellico nell'area militare del lago di Vico"
  3. "Vogliamo sapere la verità sulla Chemical city del lago di Vico"
  4. Chemical city, centinaia di documenti militari bruciati e altri buttati in giro per tutta l'area
  5. Calci, sputi e sgabellate, la vita del poliziotto nel carcere di Mammagialla...
  6. "Gli orari della ferrovia Roma nord stanno distruggendo l'istituto agrario"
  7. Il comune si schiera contro il consumo di suolo e il fotovoltaico a terra
  8. Discarica di Cinelli, adesso c'è pure un lago d'acqua con auto e roulotte abbandonate
  9. Chemical city, tubature da cui esce liquido nero e carotaggi lasciati sul terreno
  10. “Un tavolo contro il caporalato e lo sfruttamento dei braccianti”
  11. "Non ha solo la bellezza, ma anche il carattere..."
  12. "Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna non hanno espresso lamentele, soltanto aspirano alla libertà... "
  13. "Una splendida pagina di dignità culturale..."
  14. "Sotto piazza San Lorenzo ci sono cunicoli, sepolture e... una cripta"
  15. "Se mia figlia sposasse uno come lui io sarei il padre più felice della terra"
  16. Farnese pneumatici, il tribunale ha respinto la richiesta di concordato... si va verso il fallimento?
  17. Il Lazio è la regione con il più alto quantitativo di rifiuti radioattivi a livello nazionale
  18. "La scuola italiana è ancora una scuola di classe"
  19. "Natale, quest'anno la gente è meno della metà..."
  20. "La religione è una forza per costruire la pace"
  21. "Cotral, Cotral... vaffanculo!"
  22. Degrado, una piccola discarica e plastica andata a fuoco... lo stato di salute dell'ex Ospedale grande degli infermi
  23. Don Franco, il prete che ha fatto il "miracolo" in Senegal...
  24. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  25. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  26. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  27. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  28. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  29. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  30. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  31. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  32. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  33. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  34. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  35. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  36. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  37. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  38. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  39. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  40. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  41. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  42. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  43. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  44. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  45. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  46. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  47. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  48. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  49. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  50. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  51. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  52. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  53. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  54. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  55. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  56. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR