Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Intervista di bilancio del 2019 al presidente di Confagricoltura Remo Parenti

“I nostri vini conquistano il mercato nazionale e l’olio è ancor più che extravergine”

di Francesca Buzzi

Condividi la notizia:

[DTDinfo id=”adsenseinterno”]

Remo Parenti

Remo Parenti

Viterbo – Risultati negativi, in fatto di numeri, per quasi tutte le raccolte. Produzioni messe a dura prova dal continuo e disastroso cambiamento climatico. Danni da fauna selvatica. E poi la discussione sull’utilizzo dei fitofarmaci e la possibilità (o meglio il rischio) che a Tarquinia venga costruito un inceneritore.

Con tutto questo, e non solo, ha dovuto fare i conti nel 2019 la Confagricoltura nella persona del suo presidente Remo Parenti. E con tutto questo, e non solo, dovrà confrontarsi di nuovo nel 2020.

Ma la qualità, specie di alcune eccellenze della Tuscia, è inarrivabile.

Presidente Parenti ci può tracciare un bilancio del 2019?
“Il bilancio dell’agricoltura del 2019 è stato pesantemente condizionato dal costante cambiamento climatico al quale stiamo tutti assistendo. La siccità in primavera, poi settimane di pioggia torrenziale, un’estate con picchi estremi di caldo e umidità e un autunno che in pratica si è spostato di due mesi ed è stato più piovoso che mai. Basti pensare che in tutto l’anno sono caduti più di mille millimetri di acqua, 400 dei quali soltanto tra novembre e dicembre. Solo se gli agricoltori prendono atto di questa situazione critica riusciranno a salvarsi e ad andare avanti”.

Cosa dovrebbero fare allora gli agricoltori per affrontare il problema e tentare di dominarlo il più possibile?
“La prima cosa è proteggere il terreno dai cambiamenti climatici. La conservazione del suolo è fondamentale e le lavorazioni e le operazioni colturali si devono organizzare di conseguenza. Le semine, ad esempio, dovrebbero essere fatte nei momenti meno piovosi e mai troppo in profondità. Ciò che finora andava seminato in autunno va posticipato, probabilmente di un paio di mesi circa, dopo i periodi di piogge frequenti. Mentre il terreno è preferibile non lavorarlo quasi per niente, come si fa in Val Padana e nelle grandi pianure del Centro America. Poi, ma questo è più complesso e difficile da organizzare in poco tempo, si deve trovare il modo di creare dei bacini per farvi confluire l’acqua piovana che nei periodi di forti acquazzoni scorre via impetuosa al mare, per poi riutilizzarla per irrigare. Insomma una serie di piccoli accorgimenti che possono evitare grandi disastri alle colture”.

Tornando alle produzioni, quali sono i numeri del 2019 per quanto riguarda le colture nel Viterbese?
“Purtroppo, come già detto, registriamo cali in ogni settore. Le nocciole sono andate giù del 50% con qualche resa migliore nella zona di Ronciglione e una perdita invece piuttosto forte nella Valle del Tevere. La produzione dei cereali è stata medio bassa. In Maremma le cose sono andate un po’ meglio delle altre zone con l’orzo e il grano tenero che trainano il settore, mentre il grano duro ha fatto più fatica. Le castagne e i marroni, invece, sono finalmente in ripresa rispetto agli scorsi anni. Possiamo dire che dopo dieci anni dal proliferare del cinipide ora le cose vanno meglio. Le piante sono però ancora molto deboli, ma il Torymus (l’agente biologico che contrasta il cinipide ndr) sta facendo i suoi effetti. Restano però anche per le castagne i danni dovuti al cambiamento climatico probabilmente accentuato dal fatto che le piante sono deboli in partenza”.

E i due nettari locali d’eccellenza, olio e vino, come sono andati?
“Le uve si sono “fermate” a circa un -30%, compensato però da un’ottima qualità del vino della Tuscia che, anno dopo anno, si sta facendo spazio in Italia e all’estero sul piano commerciale. Finalmente il mondo si sta accorgendo di quanto valgono i nostri vini. Anche l’olio, stando ai numeri, è in perdita del 30-50% con una stranissima situazione a macchia di leopardo: ci sono stati alcuni terreni in cui la produzione è stata piena e altri, magari ad appena due chilometri di distanza, quasi a secco. Molto ha influito senza dubbio la gelata dello scorso febbraio. La qualità, comunque, è sempre eccellente, al punto che davvero, ormai, definire il nostro olio “solo” extravergine è fin troppo poco”.

Su tutto questo, che si tratti di colture o di allevamenti, incombono i danni da fauna selvatica. Cosa è stato fatto e quanto è ancora preoccupante?
“I danni da fauna selvatica sono un enorme problema che è sempre in crescita. Il cinghiale, che è quello che crea più conseguenze disastrose, peggiora ogni anno in maniera esponenziale. Gli incidenti aumentano, gli agricoltori hanno paura di andare in mezzo ai loro campi per il rischio di essere aggrediti. Servono soluzioni concrete che non stanno arrivando. Serve buonsenso e una programmazione degli interventi di cattura o abbattimento. Non parliamo poi del risarcimento a chi ha subìto danni: siamo ancora in attesa di incassare i soldi del 2014”.

Un altro tema scottante che ha animato i dibattiti del mondo agricolo è quello sui fitofarmaci. Fanno bene o fanno male alle coltivazioni? Si è arrivati a un punto d’incontro?
“Sui fitofarmaci devo dire che la situazione stava sfuggendo di mano. Io, per conto di Confagricoltura, ho provato pormi da mediatore parlando con tutti: con i sindaci dei territori interessati, con il presidente del biodistretto Famiano Crucianelli, con gli stessi imprenditori agricoli. Ora mi pare che si sia imboccata la giusta direzione. Basta con la contrapposizione netta tra ambientalisti e agricoltori. Non è una guerra, non servono barricate, serve, invece, una via di incontro, una sintesi”.

Poi, anche se al momento si tratta solo di un progetto, c’è all’orizzonte la costruzione di un inceneritore a Tarquinia. Come accogliete questa possibilità?
“Un inceneritore non può essere certo visto come un’opera positiva. Le polveri cadrebbero nelle prossimità del sito e ce le ritroveremmo tutte nelle nostre colture. Il fatto è che dovremmo tutti provare a impegnarci e a lavorare affinché ci sia davvero un’economia circolare. Si deve cambiare paradigma, si deve riciclare il più possibile e produrre meno immondizia. Altrimenti tutto sarà un’immondizia”.

Insomma i problemi cui la categoria deve fare fronte sono molteplici. La politica vi è d’aiuto?
“Devo dire che finalmente a mio parere sì. Il ministro Bellanova, accolta subito dopo la sua nomina da una serie di sterili e stupide polemiche sul suo aspetto fisico e sul suo modo di vestire, si sta dimostrando molto competente. Non avrà titoli universitari, ma questo nel suo caso è anche un valore aggiunto: si vede che è stata dall’altra parte della barricata. Lei sì che ha vissuto l’agricoltura. E le decisione che prende lo confermano”.

Francesca Buzzi


Condividi la notizia:
7 gennaio, 2020

Bilanci 2019 ... Gli articoli

  1. "Speriamo che la legge sulla rigenerazione trovi attuazione"
  2. In prima linea contro l'abolizione della prescrizione e parte civile contro la mafia...
  3. "Se continua così, questo territorio non va da nessuna parte..."
  4. "Export in crescita, la Tuscia fa anche meglio della media nazionale"
  5. "In due anni fondi dedicati per le politiche sociali aumentati di 15 milioni di euro"
  6. "L'avvocato ha un ruolo sociale, non è solo una questione di competenze professionali"
  7. "Un'utopia produrre senza gli agrofarmaci, bisogna ridurli"
  8. "Caporalato in crescita nella Tuscia, viene sfruttato chi si trova in condizioni di difficoltà"
  9. "Tiene l’export, bene tessile e agroalimentare, benissimo il turismo"
  10. "Ormai arriviamo in stazione e ci chiediamo 'Chissà oggi cosa succederà?'"
  11. "La ex caserma dei vigili del fuoco per l'ampliamento dell'università"
  12. "Una parte di gioventù viterbese non sta crescendo nel migliore dei modi..."
  13. "Sogno che la Tuscia abbia un ruolo trainante per l’economia della Regione"
  14. "Mi piace mettere in risalto che oltre la metà degli avvocati viterbesi sono donne"
  15. Volley Life capolista, ma Antonucci frena: "La promozione è un surplus"
  16. "Aumenta l'export e le nostre imprese bio sono prime nel Lazio"
  17. "Dobbiamo educare alla genuinità: la mela perfetta non sempre è la migliore..."
  18. "Il lavoro di FdI in comune è costante, continuo, senza sosta e pancia a terra"
  19. Tusciaweb, un 2019 straordinario con 60 milioni di pagine lette
  20. “La squadra è decimata, per salvarsi bisognerà fare l'impossibile”
  21. "Viterbesi omertosi? Diciamo che sono riservati..."
  22. "Mi ricandido solo se portiamo a termine il programma"
  23. Romano: "Viterbese in serie B? Obiettivo concreto per il futuro"
  24. Boom di "Anche tu redattore", nel 2019 oltre mille segnalazioni pubblicate
  25. Quattro omicidi nel 2019 nella Tuscia
  26. "Con Paperonly vogliamo salvare dalla distruzione e poi valorizzare libri, cartoline e documenti"
  27. "I conti della Regione sono in ordine e vanno in continuo miglioramento"
  28. "Questa è la maggioranza delle parentele, delle tasse e di chi vuole un posto in comune"
  29. "Pronti per nuove battaglie e per tutelare i diritti di chi, col suo lavoro, assicura un futuro al paese"
  30. "Un 2019 pieno di scossoni, ma il food è in grande espansione"
  31. Un anno di Touring Club...
  32. Active network, secondo miglior attacco e zona playoff a un passo
  33. "L'amministrazione è ferma e impantanata, Viterbo deve decollare"
  34. "Sarà l'anno delle strade, dell'appalto dei rifiuti e delle assunzioni"
  35. La Vbc Polistampa ricarica le pile con tanta voglia di riscatto
  36. "Un 2019 da sogno con 16 vittorie e 3 titoli italiani"
  37. Union Viterbo rullo compressore, sette vittorie su sette e primo posto solitario
  38. E' una Viterbese "da ripresa", dieci gol e 11 punti dopo il 75'
  39. Per l'Ortoetruria un Natale da capolista, Matthew Pebole miglior marcatore
  40. Baschirotto il più presente, Tounkara il più falloso
  41. Viterbese, il giocatore dell'anno è Zhivko Atanasov
  42. "È stato un anno intenso e ricco di successi"
  43. "Il lavoro è la vittima più illustre dell’ultimo decennio"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR