Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Oriolo Romano - Parla Marino che conosceva bene Andrea Trifolelli, il ragazzo di 25 anni travolto ieri mattina dal treno - FOTO E VIDEO

“Se mia figlia sposasse uno come lui io sarei il padre più felice della terra”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo – Marino è sconvolto. Addosso c’ha una maglietta rossa, ed è corso subito al casello vicino alla stazione di Oriolo Romano dove qualche ora prima Andrea Trifolelli di 25 anni è stato travolto dal treno. Subito dopo Bassano. A poche centinaia di metri da Oriolo. Direzione Roma. Chilometro 54.

Marino chiede informazioni. Sul posto ci sono dirigenti delle ferrovie, carabinieri e polizia municipale. Andrea Trifolelli è morto sul colpo e le cause sono tutte da accertare. Marino, che si mette a piangere, quando tutti se ne sono andati, conosceva bene Andrea. L’ha visto crescere. In mezzo a mille difficoltà. Orfano, Andrea abitava a Oriolo con la sorella ma era originario di Soriano, dove oggi pomeriggio si svolgeranno i funerali.


Andrea Trifolelli

Andrea Trifolelli


Marino dà le spalle alle sbarre del passaggio a livello. Tirate di nuovo giù perché, poi, dopo, il treno ha ripreso la sua corsa verso la capitale. Come tutti i giorni. Portandosi dentro studenti e pendolari. Lavoratori e precari che quando scendono in stazione per andare in ufficio o chissà dove un pezzo di lavoro se lo sono già fatto. Il lavoro del pendolare.  

“Andrea – racconta Marino – faceva il netturbino. E alla sera il pizzettaro. Lavorava tutto il giorno. Sabato e domenica inclusi. Non so proprio cosa sia successo. Abitava proprio di fronte mia suocera. A Oriolo”.


Oriolo Romano - Travolto e ucciso dal treno

Oriolo Romano – Travolto e ucciso dal treno


Storie del quotidiano. Degne non solo di essere vissute, ma anche raccontate. Per i sacrifici e la fatica che le accompagnano. L’umanità di un ragazzo che ieri mattina ha perso la vita. Per ragioni che soltanto lui, oppure il destino, o le pure coincidenze e casualità sanno. Tuttavia, un’umanità dura da digerire. Fatta di sudore e tanta volontà di tirare avanti. Come tanti, della sua generazione. Come tanti, da queste parti travolte ormai da crisi e disoccupazione che con licenziamenti, precariato e sfruttamento miete vittime in continuazione. Ai confini della Tuscia. Sempre più hinterland piuttosto che rurale. 

Per Andrea Trifolelli si ipotizza il suicidio. Il ragazzo avrebbe infatti mandato messaggi alla sorella con i quali annunciava l’intenzione di togliersi la vita.


Oriolo Romano - Travolto e ucciso dal treno

Oriolo Romano – Travolto e ucciso dal treno


“Un ragazzo bello – prosegue il suo racconto Marino -. Più alto di noi. Alto uno e novanta. Un ragazzo bravo”. E poi aggiunge, stringendo pure i pugni. Arrabbiato. Come se volesse colpire qualcuno. “Guarda, porcoddinci, se mia figlia sposasse uno come lui io sarei il padre più felice della terra. Sai che era? Era uno spettacolo”.


Oriolo Romano - Travolto e ucciso dal treno

Oriolo Romano – Travolto e ucciso dal treno


Marino rilascia le dichiarazioni, ma non vuole essere fotografato. Né tantomeno il suo cognome sul giornale. “C’ho un’altra immagine. Per lavoro”, spiega. Questo però non vuol dire che teme per il suo lavoro. Semplicemente il lavoro che fa gli impedisce di farsi vedere che piange davanti a qualcuno o a una telecamera. Questa terra, come altre, impone anche questo. Farsi vedere solo per ciò che non si è. Anche quando si è nella più normale delle dimensioni umane.


Oriolo Romano - Travolto e ucciso dal treno

Oriolo Romano – Travolto e ucciso dal treno


“Andrea aveva sempre il sorriso sulle labbra – dice Marino -. Era educato. Una persona pulitissima. Bravo, bravo, bello come il sole. Noi gli volevamo bene. Un ragazzo d’oro. Viveva insieme alla sorella. Persona seria. Ragazzi come lui non ci stanno”.

L’importanza dell’educazione. Trasmessa a volte in modo doloroso. Per molti ragazzi una vera e propria forma di disciplina. In una terra, come altre, sempre più inquieta. 

“Una brava persona – conclude Marino -. Andrea era un bravo ragazzo. Con la sola voglia di lavorare. Che gli vuoi dire a un ragazzo così?”. Riposa in pace, fratello caro.

Daniele Camilli


Multimedia: Fotocronaca – Travolto e ucciso dal treno – Video: Il racconto di Marino – Ragazzo travolto e ucciso da un treno

Articoli: Andrea riposerà accanto ai genitori  – Ragazzo travolto e ucciso dal treno


Condividi la notizia:
11 gennaio, 2020

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. "Chemical city, la conservazione dei materiali era compromessa già nel 1963..."
  2. "Chemical city, trovato ordigno bellico nell'area militare del lago di Vico"
  3. "Vogliamo sapere la verità sulla Chemical city del lago di Vico"
  4. Chemical city, centinaia di documenti militari bruciati e altri buttati in giro per tutta l'area
  5. Calci, sputi e sgabellate, la vita del poliziotto nel carcere di Mammagialla...
  6. "Gli orari della ferrovia Roma nord stanno distruggendo l'istituto agrario"
  7. Il comune si schiera contro il consumo di suolo e il fotovoltaico a terra
  8. Discarica di Cinelli, adesso c'è pure un lago d'acqua con auto e roulotte abbandonate
  9. Chemical city, tubature da cui esce liquido nero e carotaggi lasciati sul terreno
  10. “Un tavolo contro il caporalato e lo sfruttamento dei braccianti”
  11. "Non ha solo la bellezza, ma anche il carattere..."
  12. "Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna non hanno espresso lamentele, soltanto aspirano alla libertà... "
  13. "Lo sterminio degli omosessuali è sempre stato un olocausto di serie B"
  14. "Una splendida pagina di dignità culturale..."
  15. "Sotto piazza San Lorenzo ci sono cunicoli, sepolture e... una cripta"
  16. Farnese pneumatici, il tribunale ha respinto la richiesta di concordato... si va verso il fallimento?
  17. Il Lazio è la regione con il più alto quantitativo di rifiuti radioattivi a livello nazionale
  18. "La scuola italiana è ancora una scuola di classe"
  19. "Natale, quest'anno la gente è meno della metà..."
  20. "La religione è una forza per costruire la pace"
  21. "Cotral, Cotral... vaffanculo!"
  22. Degrado, una piccola discarica e plastica andata a fuoco... lo stato di salute dell'ex Ospedale grande degli infermi
  23. Don Franco, il prete che ha fatto il "miracolo" in Senegal...
  24. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  25. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  26. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  27. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  28. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  29. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  30. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  31. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  32. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  33. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  34. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  35. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  36. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  37. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  38. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  39. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  40. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  41. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  42. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  43. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  44. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  45. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  46. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  47. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  48. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  49. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  50. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  51. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  52. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  53. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  54. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  55. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  56. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR