--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Omicidio Gianlorenzo - Mentre è caccia al supertestimone dell'accusa, la difesa insiste: "Nessuna prova contro Aldo Sassara"

“Non ha ucciso lui il cognato, quella mattina è andato col trattore in direzione opposta”

Condividi la notizia:

Angelo Gianlorenzo

Angelo Gianlorenzo

Tuscania – Omicidio Angelo Gianlorenzo – I Ris in località San Savino

I Ris in località San Savino

Tuscania - Omicidio Angelo Gianlorenzo - Aldo Sassara sul motorino mentre va in campagna - Per gli inquirenti indossa una camicia - Ore 6.32, via San Sebastiano (Capodimonte)

Capodimonte – Aldo Sassara sul motorino mentre va in campagna, alle ore 6.32 in via San Sebastiano

Il pm Massimiliano Siddi

Il pm Massimiliano Siddi

L'avvocato Marco Valerio Mazzatosta

L’avvocato Marco Valerio Mazzatosta, difensore col collega Danilo Scalabrelli

Viterbo – (sil.co.) – Omicidio di Angelo Gianlorenzo, riprenderà il prossimo 27 gennaio davanti alla corte d’assise del tribunale di Viterbo il processo a Aldo Sassara. 

Nel frattempo è caccia al supertestimone dell’accusa, un bracciante agricolo macedone che la mattina dell’omicidio, mentre stava dietro una siepe, sarebbe stato richiamato da urla provenienti dal terreno della vittima. Per ora se ne sarebbero perse le tracce.

Secondo uno dei testi sentiti lo scorso 16 dicembre, l’imputato non sarebbe però stato presente sul posto al momento dell’omicidio. “Lo ha visto uscire col trattore nella direzione opposta, rientrare col mezzo e ripartite col motorino – dicono i difensori – non sta emergendo alcuna prova contro Aldo Sassara, se non della sua estraneità al delitto”

Sassara è il 78enne accusato di avere fatto morire di crepacuore massacrandolo di botte il cognato 83enne, barbaramente ucciso il 14 agosto 2016 nelle campagne tra Marta e Tuscania, poco lontano dalle rive del lago di Bolsena affollate in quei giorni di vacanzieri in cerca di refrigerio al solleone, con temperature fino a 35 gradi.

Secondo la procura non può essere stato che lui, fin dall’inizio l’unico indagato, ad ammazzare la vittima nelle campagne isolate in località San Savino, dove entrambi, da anni in lite per questioni di eredità, possedevano due terreni adiacenti presso i quali si recavano tutti i giorni di buonora per governare il bestiame. 

Di certo c’è che l’imputato, la mattina dell’omicidio, è stato ripreso due volte dalle telecamere della videosorveglianza, all’andata e al ritorno, mentre passava in motorino sulla strada che porta alla scena del crimine. Ma secondo quanto riferito da uno dei testimoni sentiti all’ultima udienza del processo, lo scorso 16 dicembre, non sarebbe stato sulla scena del crimine al momento del delitto.

“L’ho visto alle 7,30 che chiudeva la catena del cancello della sua proprietà e usciva col trattore”, ha spiegato l’uomo, un agricoltore 51enne di Marta, che la mattina del 14 agosto 2016 lo ha incontrato sul posto ben tre volte. “Ha preso la strada asfaltata, dalla parte opposta a quella del terreno del cognato. Ho pensato che stesse andando a finire di arare in una località dove stava lavorando anche alcuni giorni prima”, ha proseguito il teste. “Poi l’ho visto tornare col trattore e andarsene col motorino, tra le 9,30 e le 10,30, non saprei dire l’ora esatta”, ha concluso.

Un giallo ancora da risolvere la morte dell’anziano agricoltore Gianlorenzo per i difensori Marco Valerio Mazzatosta e Danilo Scalabrelli, secondo i quali gli investigatori avrebbero dovuto cercare altrove.

“Solo indizi contro Sassara, ma nessuna prova”, dicono da sempre i due legali, appellandosi anche alle risultanze dei rilievi della scientifica. Niente sotto le unghie dell’imputato e della vittima, niente sotto i cingoli del trattore sequestrato al 77enne, niente sul famoso portachiavi dello scooter del 78enne nonostante le tracce compatibili col sangue abbiano lì per lì fatto pensare a una soluzione vicina del dilemma.

“Era davvero sangue, ma del nostro assistito, non del cognato, quindi non vuol dire niente”, hanno sottolineato in aula Scalabrelli e Mazzatosta, facendo notare al tribunale che a suo tempo furono sequestrati per quasi un anno solo il casale, le stalle e i mezzi dell’imputato. “Col bestiame dentro, fatto morire di fame, di sete e di stenti, mentre nessuna sequestro è stato effettuato della scena del delitto, dove è stato subito dato il è permesso di spostare gli animali e perfino di battere il terreno”, hanno detto anche all’ultima udienza.

Prova regina, per il pm Massimiliano Siddi, resta quel gilet tra il color panna e il nocciola indossato da Sassara la mattina presto mentre va in campagna sotto gli occhi delle  telecamere, ma non al ritorno, sempre spiato dalla videosorveglianza incrociata strada facendo. Un gilet cercato inutilmente dai carabinieri a casa di Sassara e nel fiume Marta dai militari del nucleo sommozzatori dell’arma.

Per l’accusa se ne sarebbero perse le tracce per via delle tracce compromettenti a carico dell’omicida. Per l’accusa, l’imputato se ne sarebbe disfatto dopo il delitto, prima di essere rintracciato e catturato al termine di una imponente caccia all’uomo. 


Condividi la notizia:
9 gennaio, 2020

Tuscania - Omicidio in campagna ... Gli articoli

  1. "Male non fare, paura non avere", si dichiara innocente il 76enne accusato di avere ucciso il cognato
  2. Accusato di avere ucciso il cognato, attesa per l'interrogatorio di Aldo Sassara
  3. "Se m'evono trovato la maglietta, da mo' che m'avevano arrestato"
  4. Omicidio Gianlorenzo, è il giorno della verità per il cognato accusato di averlo ucciso
  5. Omicidio Gianlorenzo, in aula il supertestimone rivela: "Voci di due uomini sul luogo del crimine..."
  6. Omicidio Gianlorenzo - Furgone sul luogo del delitto, è giallo
  7. Aldo Sassara sgridò la moglie: "Rifai la deficiente, tu chiacchieri troppo"
  8. "Aldo non è un fratello, ma una belva feroce. Pensammo avesse ucciso anche nostro padre"
  9. "Meno male che mio cognato è morto, uno di meno. Era un birbaccione, vaffanculo"
  10. "Gianlorenzo aveva il collo spezzato e tutte le costole rotte, ma è morto d'infarto"
  11. Due "interpreti" di dialetto martano per tradurre i soliloqui del presunto killer
  12. "Trenta-quaranta colpi che lui ansimava ancora ed era cosciente"
  13. "E' stata una morte violenta, ma nessun riscontro scientifico porta a Aldo Sassara"
  14. Omicidio Angelo Gianlorenzo, tocca ai primi testi dell'accusa
  15. "Il cognato incastrato dal suo soliloquio in macchina e dalla videosorveglianza"
  16. Agricoltore massacrato e ucciso nelle campagne di Tuscania, processo al cognato al via il 17 giugno
  17. "Contro di me non hanno niente" diceva tra sé Aldo Sassara intercettato in macchina...
  18. Omicidio di Angelo Gianlorenzo, rinviato a giudizio Aldo Sassara
  19. Omicidio di Tuscania, Aldo Sassara davanti al gup
  20. "Contro di me solo congetture, i colpevoli sono altrove"
  21. "L'ha ucciso, si è cambiato e ha fatto sparire i vestiti sporchi di sangue..."
  22. Omicidio di Tuscania, chiuse le indagini
  23. Un anno fa l'omicidio dell'agricoltore Angelo Gianlorenzo
  24. Omicidio di Tuscania, dissequestrati il casale e i mezzi agricoli dell'indiziato
  25. Omicidio di Tuscania, nuovo interrogatorio in procura per Sassara
  26. Omicidio di Tuscania, è giallo sull’ora della morte
  27. "Massacrato di botte finché non è morto di crepacuore"
  28. Omicidio di Tuscania, restano sotto sequestro i mezzi agricoli
  29. "Ho pensato subito che era stato assassinato”
  30. Omicidio di Tuscania, chiesto il dissequestro dei mezzi agricoli
  31. Nessuna traccia di Gianlorenzo sull'uomo accusato dell'omicidio
  32. Al lavoro i sommozzatori dell'Arma
  33. Gianlorenzo aveva anche il torace fracassato
  34. Omicidio di Tuscania, i Ris sul luogo del delitto
  35. Si cercano i vestiti sporchi di sangue
  36. "Aldo? Incensurato e benvoluto da tutti"
  37. "Non dovevi decidere tu della morte di Angelo"
  38. "Assassini, costituitevi!"
  39. Anziano ucciso, indagato il cognato
  40. I Ris sulla scena del delitto
  41. I vestiti strappati e il cranio fracassato
  42. Colpito alla testa e ucciso dopo una lite
  43. Aggredito e ucciso con un colpo alla testa

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR