--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Stephan Schmidheiny è a processo a Vercelli per la morte di 392 lavoratori nello stabilimento di Casale Monferrato

“Odio gli italiani”, frasi shock del proprietario di Eternit

Condividi la notizia:

Stephan Schmidheiny

Stephan Schmidheiny

Vercelli – “Dentro di me provo odio per gli italiani. Mi sento perseguitato dai magistrati di un Paese fallito”. Sono le frasi shock pronunciate dall’ultimo proprietario di Eternit, Stephan Schmidheiny, in un’intervista al quotidiano svizzero Nzz am Sonntag.

Schmidheiny è a processo al tribunale di Vercelli per omicidio volontario. Secondo l’accusa, deve rispondere della morte di 392 persone che hanno lavorato l’amianto nello stabilimento di Casale Monferrato. 

“Quando oggi penso all’Italia, provo solo compassione per tutte le persone buone e oneste che sono costrette a vivere in questo Stato fallito. Non ho intenzione di vedere una prigione italiana dall’interno” ha detto l’imprenditore.

Il tribunale di Vercelli potrà decidere se Schmidheiny debba essere processato per omicidio volontario o colposo, oppure ancora, come chiede la difesa dell’imprenditore, se il capo d’imputazione debba essere prosciolto.

 


Condividi la notizia:
24 gennaio, 2020

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR