--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Il processo - A bordo due uomini che avrebbero avvicinato il supertestimone di cui si sono perse le tracce

Omicidio Gianlorenzo – Furgone sul luogo del delitto, è giallo

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

Angelo Gianlorenzo

La vittima Angelo Gianlorenzo

Tuscania – Omicidio Angelo Gianlorenzo – I Ris in località San Savino

I Ris in località San Savino

Tuscania – Omicidio Angelo Gianlorenzo – I Ris in località San Savino

I Ris in località San Savino

Viterbo – Omicidio Gianlorenzo, spunta il giallo del furgone bianco sul luogo del delitto. A bordo due uomini che avrebbero avvicinato il supertestimone di cui si sono perse le tracce. “Uno era alto, robusto, coi capelli brizzolati e pochi baffi”, avrebbe detto il pastore che tutti vogliono ascoltare in aula. 

Lo avrebbe visto due volte il superteste dell’accusa, diventato nel frattempo uccel di bosco. Si tratta del pastore macedone che la mattina dell’omicidio, il 14 agosto 2016, mentre stava oltre il fiume Marta con un gregge di pecore, sarebbe stato richiamato da urla provenienti dal terreno in località San Savino della vittima, l’agricoltore 83enne Angelo Gianlorenzo, barbaramente ucciso nelle campagne tra Marta e Tuscania. 

Riprende oggi davanti alla corte d’assise del tribunale di Viterbo il processo per omicidio al cognato Aldo Sassara, 73 anni, trasformatosi in un feroce assassino, secondo il pubblico ministero Massimiliano Siddi, per un banale litigio per la divisione di una multa da 50 euro, al culmine di anni di contrasti per motivi economici tra le rispettive famiglie. 

Al termine dell’udienza dello scorso 16 dicembre, il tribunale ha disposto nuove ricerche del pastore macedone, un 41enne che all’epoca viveva con la moglie in un casolare vicino al luogo del delitto. Ma almeno per ora dell’uomo non sarebbe stata trovata traccia.

Sembrerebbe, però, che oltre ad avere udito le urla la mattina del 14 agosto, la sera stessa e poi di nuovo a ferragosto il pastore sia stato anche avvicinato da due persone, a bordo di un misterioso furgone bianco, che gli avrebbero posto strane domande, quindi da un uomo su una vettura grigia dopo una settimana. Nessuno di loro si sarebbe presentato. Semplici curiosi o altro?


Una lite, i lamenti  e poi più niente: tutto in dieci minuti

“Una voce diceva ‘dai forza,vai, vai’, dopo di che ho sentito solo dei lamenti  ‘ohi, ahi’, ripetuti più volte, per circa dieci minuti, provenienti da una sola persona che poteva essere stata picchiata, malmenata o che stava male”, ha raccontato il pastore agli investigatori il 23 agosto 2016, parlando del presunto litigio sfociato, secondo la procura, nell’uccisione di Gianlorenzo da parte del cognato.  

La mattina del 14 agosto, il macedone sarebbe uscito verso le 6,30 per recarsi all’ovile, come sempre, portando il gregge a pascolare. Verso le 9,30, tornando con le pecore verso il casale costeggiando il fiume Marta per farle abbeverare, avrebbe sentito in lontananza le urla e gli strilli, durati una decina di minuti, come di persone che stavano litigando.

Le urla sarebbero state in italiano: “Ma ho sentito anche delle parole che non conoscevo, potevano essere in un’altra lingua o in dialetto”. Infine avrebbe sentito il calpestio e il frusciare di foglie come se qualcuno stesse scappando.


Un misterioso furgone bianco sul luogo del delitto

Il furgone bianco avrebbe fatto la sua comparsa in località San Savino la sera del delitto e poi di nuovo la sera successiva, il giorno di Ferragosto.

“Ho visto lo stesso furgone di colore bianco due volte, la sera del 14 e la sera del 15 agosto. Il 15 agosto sono stato avvicinato da un italiano sulla cinquantina, mai visto prima, sceso dal furgone, guidato da un altro uomo che però non ho visto. Quello che mi ha avvicinato era alto e di corporatura robusta, con i capelli brizzolati e un accenno di baffi”, avrebbe detto il macedone, sentito a sommarie informazioni dagli inquirenti e poi svanito nel nulla. 

“Voleva sapere se avessi visto o sentito qualcosa il giorno precedente. Io gli o detto che avevo sentito le urla e gli strilli di un litigio, chiedendogli a mia volta perché lo volesse sapere. Allora mi ha detto che un uomo era stato ucciso con dei colpi inferti sulla nuca e sulla schiena”, avrebbe proseguito l’oggi introvabile 41enne. 


E dopo una settimana arriva una macchina grigia…

A distanza di una settimana, il 22 agosto 2016, il macedone sarebbe stato ancora una volta avvicinato da uno sconosciuto che, come gli altri, sarebbe piombato nelle campagne isolate in località San Savino senza presentarsi.

“Un uomo mai visto prima è venuto al casale con una macchina di colore grigio, chiedendomi cosa fosse successo, ma siccome non riuscivo a farmi capire in italiano, ha imprecato e se ne è andato. Prima però ha fatto un paio di giri con l’auto nella zona”, ha concluso. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
27 gennaio, 2020

Tuscania - Omicidio in campagna ... Gli articoli

  1. Omicidio Gianlorenzo, è il giorno della verità per il cognato accusato di averlo ucciso
  2. Omicidio Gianlorenzo, in aula il supertestimone rivela: "Voci di due uomini sul luogo del crimine..."
  3. "Non ha ucciso lui il cognato, quella mattina è andato col trattore in direzione opposta"
  4. Aldo Sassara sgridò la moglie: "Rifai la deficiente, tu chiacchieri troppo"
  5. "Aldo non è un fratello, ma una belva feroce. Pensammo avesse ucciso anche nostro padre"
  6. "Meno male che mio cognato è morto, uno di meno. Era un birbaccione, vaffanculo"
  7. "Gianlorenzo aveva il collo spezzato e tutte le costole rotte, ma è morto d'infarto"
  8. Due "interpreti" di dialetto martano per tradurre i soliloqui del presunto killer
  9. "Trenta-quaranta colpi che lui ansimava ancora ed era cosciente"
  10. "E' stata una morte violenta, ma nessun riscontro scientifico porta a Aldo Sassara"
  11. Omicidio Angelo Gianlorenzo, tocca ai primi testi dell'accusa
  12. "Il cognato incastrato dal suo soliloquio in macchina e dalla videosorveglianza"
  13. Agricoltore massacrato e ucciso nelle campagne di Tuscania, processo al cognato al via il 17 giugno
  14. "Contro di me non hanno niente" diceva tra sé Aldo Sassara intercettato in macchina...
  15. Omicidio di Angelo Gianlorenzo, rinviato a giudizio Aldo Sassara
  16. Omicidio di Tuscania, Aldo Sassara davanti al gup
  17. "Contro di me solo congetture, i colpevoli sono altrove"
  18. "L'ha ucciso, si è cambiato e ha fatto sparire i vestiti sporchi di sangue..."
  19. Omicidio di Tuscania, chiuse le indagini
  20. Un anno fa l'omicidio dell'agricoltore Angelo Gianlorenzo
  21. Omicidio di Tuscania, dissequestrati il casale e i mezzi agricoli dell'indiziato
  22. Omicidio di Tuscania, nuovo interrogatorio in procura per Sassara
  23. Omicidio di Tuscania, è giallo sull’ora della morte
  24. "Massacrato di botte finché non è morto di crepacuore"
  25. Omicidio di Tuscania, restano sotto sequestro i mezzi agricoli
  26. "Ho pensato subito che era stato assassinato”
  27. Omicidio di Tuscania, chiesto il dissequestro dei mezzi agricoli
  28. Nessuna traccia di Gianlorenzo sull'uomo accusato dell'omicidio
  29. Al lavoro i sommozzatori dell'Arma
  30. Gianlorenzo aveva anche il torace fracassato
  31. Omicidio di Tuscania, i Ris sul luogo del delitto
  32. Si cercano i vestiti sporchi di sangue
  33. "Aldo? Incensurato e benvoluto da tutti"
  34. "Non dovevi decidere tu della morte di Angelo"
  35. "Assassini, costituitevi!"
  36. Anziano ucciso, indagato il cognato
  37. I Ris sulla scena del delitto
  38. I vestiti strappati e il cranio fracassato
  39. Colpito alla testa e ucciso dopo una lite
  40. Aggredito e ucciso con un colpo alla testa
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR