--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Introdotto inoltre il tesserino ittico per quella sportiva

Pesca, modificato il periodo di divieto dell’anguilla

Condividi la notizia:

Tesserino per la pesca sportiva

Tesserino per la pesca sportiva

Tesserino per la pesca sportiva

Tesserino per la pesca sportiva

Tesserino per la pesca sportiva

Tesserino per la pesca sportiva

Anguilla

Anguilla

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Con il decreto ministeriale n° 403 del 25 luglio 2019, pubblicato sulla G.U. 220 del 19/09/2019 è stato modificato il periodo di divieto della specie anguilla che è dal 1 gennaio al 31 marzo, modificando il precedente divieto, introdotto con D.G.R. LAZIO n°160/2010 Allegato A “PIANO DI GESTIONE PER LA RICOSTITUZIONE DELLO STOCK DI ANGUILLA REG.CE 1100/2007” che prevedeva il divieto dal 1 luglio al 31 agosto e dal 15 settembre al 15 ottobre, di seguito articoli D.M. 403/2019

Art. 1
1. Il periodo di chiusura continuativo della pesca per la specie Anguilla europea (Anguilla anguilla) è stabilito dal 1° gennaio fino al 31 marzo di ogni anno, a partire dalla data di entrata in vigore del presente decreto. Durante tale periodo non deve essere impedita la migrazione della specie verso mare.

Art. 2
1. Le disposizioni di cui all’art. 1 si applicano alle attivita’ di pesca ricreativa e commerciale, all’allevamento estensivo dell’anguilla europea in ambiente vallivo aperto al flusso migratorio da mare, nelle acque dolci, marine e salmastre nazionali, effettuato in coerenza con gli obiettivi di conservazione previsti dal regolamento (CE) n. 1100/2007 e in coerenza con gli obiettivi del piano nazionale di gestione dell’Anguilla europea, nonchè in linea con le dinamiche temporali di migrazione della specie nell’area Mediterranea.

Art. 3
1. Il periodo di chiusura, individuato all’art. 1 del presente decreto, è comune a tutte le regioni italiane che attuano il Piano nazionale di gestione dell’anguilla europea ovvero: Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Puglia, Umbria e Sardegna. In tale periodo (gennaio-marzo) è consentita la pesca delle ceche di Anguilla anguilla destinate al solo scopo di ripopolamento di ambienti che favoriscono la migrazione a mare della specie, ai sensi del regolamento (CE) n. 1100/2007.

Art. 4
1. La pesca a mare dell’anguilla adulta è vietata in tutte le regioni per tutto il periodo dell’anno.
Art. 5
1. La commercializzazione della specie Anguilla anguilla è permessa entro e non oltre il 20 gennaio di ogni anno e, al termine del periodo di chiusura alla pesca stabilito dall’art. 1 del presente decreto, dopo il 31 marzo di ogni anno.

Art. 6
1. Per tutte le regioni non partecipanti al Piano nazionale anguilla vige la chiusura della pesca della specie per tutto il periodo annuale. Tale disposizione riguarda la pesca ricreativa e commerciale nelle acque dolci, marine e salmastre nazionali, di tutti gli stadi del ciclo vitale dell’anguilla europea. Il presente provvedimento è trasmesso all’organo di controllo per la registrazione, è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana ed entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione.
Roma, 25 luglio 2019

Il Sottosegretario di Stato: Manzato

Da ricordare che in tale periodo sono altresì vietati tutti gli attrezzi di pesca per l’anguilla quali: martavelli, nasse e filaccioni, i trasgressori saranno puniti con le sanzioni previste dall’art 40 della Legge 154/2016 recepita dalla Regione Lazio con L.R. n°7/2018 art 20, oltre le sanzioni accessorie della confisca degli attrezzi dell’imbarcazione ed eventuale mezzo di trasporto.

TESSERINO ITTICO PER LA PESCA SPORTIVA

LA L.R. 7 del 22.10.2018  all’art. 20 prevede importanti modifiche per quanto riguarda la
pesca sportiva, modificando l’art 9 della L.R.87/90 è stata abolita la licenza come documento che è costituita dal versamento di € 29,13 e per le comunità montane € 21,28, sono esentati dal versamento i minori di 18 anni ,maggiori di 65 anni ed i portatori di handicap art 3 L.104/92, il versamento a favore della Regione Lazio sul CCP 6310100 deve riportare nella causale “licenza pesca sportiva”

Con D.G.R. 232 del 18/04/2019 è stato introdotto il “TESSERINO ITTICO SEGNA CATTURE” che è entrato in vigore il 1 novembre , quindi da quella data tutti i pescatori sportivi dovranno essere in possesso di tale tesserino, chi non ne è in possesso o non ha provveduto alle registrazioni è punito con la sanzione di € 60,00, sono tenuti ad avere il tesserino tutti anche chi è esentato dal versamento, per quanto riguarda i minori di 14 anni devono essere sempre accompagnati da persona maggiorenne munita di licenza e tesserino, che risponde degli atti di pesca del minore.

Il tesserino che è gratis si può ritirare presso gli uffici A.D.A. Regione Lazio Viterbo P.zza Luigi Concetti nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 9 alle ore 12, tel. 0761 298466, si può richiedere anche con delega, allegando copia del documento di riconoscimento e se dovuta ricevuta di versamento.

Enrico Paziani


Condividi la notizia:
10 gennaio, 2020

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR