Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Il presidente della camera penale Roberto Alabiso alla manifestazione di piazza Montecitorio con una delegazione di colleghi - Incontro con Enrico Costa

“Prescrizione, anche gli avvocati viterbesi in prima linea per dire no a una riforma scellerata”

Condividi la notizia:

Roma - Legali viterbesi contro lo stop alla prescrizione

Roma – Legali viterbesi contro lo stop alla prescrizione

Il presidente della camera penale Roberto Alabiso con il responsabile giustizia forzista Enrico Costa

Il presidente della camera penale Roberto Alabiso con il responsabile giustizia forzista Enrico Costa

Roma - Legali viterbesi contro lo stop alla prescrizione

Roma – Legali viterbesi contro lo stop alla prescrizione

Roma - Legali viterbesi contro lo stop alla prescrizione

Roma – Legali viterbesi contro lo stop alla prescrizione

Roma - Legali viterbesi contro lo stop alla prescrizione

Roma – Legali viterbesi contro lo stop alla prescrizione

Roma - Legali viterbesi contro lo stop alla prescrizione

Roma – Legali viterbesi contro lo stop alla prescrizione

Roma – (sil.co.) – Prescrizione, a Roma per dire no a una riforma “scellerata” anche una rappresentanza di legali viterbesi, guidata dal presidente della camera penale “Ettore Mangani Camilli”, avvocato Roberto Alabiso. E’ successo ieri in occasione del “giorno di astensione” proclamato a livello nazionale dall’Unione delle camere penali. 

Con Alabiso in piazza Montecitorio anche il consigliere dell’ordine degli avvocati della provincia di Viterbo, Stefano Brenciaglia, mentre per la camera penale si sono recati nella capitale anche i legali Eleonora Olimpieri, Andrea e Sergio Racioppa.

Prima di discutere in aula la proposta di legge Costa, lo stesso responsabile giustizia forzista Enrico Costa è passato a salutare i penalisti giunti da tutta Italia che faticavano a entrare nella sala riunione del Capranichetta. E ci è scappato anche un selfie con il presidente Alabiso. Tra i politici, prima di andare in parlamento, si sono visti anche Maria Stella Gelmini e Renato Brunetta.

“C’è stato un incontro con l’accademia, professori e avvocati che hanno esaminato, distruggendola, la riforma Bonafede della giustizia, che sopprime un diritto di civiltà come la durata dei processi”, commenta il presidente Alabiso.

“La conferenza si è tenuta nella sala riunioni del Capranichetta, gremito all’inverosimile, con gente in piedi e assiepata fori sulla piazza. In parlamento anche il Pd.Purtroppo dal primo gennaio lo stop alla prescrizione è legge. Il primo grado di giudizio deve giungere entro quattro anni dopo di che, con lo stop della prescrizione, il processo può durare altri venti anni”, prosegue.

“La nostra è una lotta per il diritto penale e processale liberale, per la tutela garantista prevista dall’articolo 111 della Costituzione. E Viterbo ha fatto la sua parte con la sue presenza nella capitale al fianco di colleghi giunti apposta da tutta Italia”, la conclusione. 


– Stop alla prescrizione, oggi sciopero di un giorno dei penalisti

 


Condividi la notizia:
29 gennaio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR