--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ambiente - Il rapporto dell'Arpa conferma la provincia di Viterbo al top dei monitoraggi regionali - Nessun parametro fuori norma nelle cinque stazioni di rilevamento

Qualità dell’aria, la Tuscia primeggia ancora

Condividi la notizia:

Viterbo - Palazzo papale

Viterbo – Palazzo papale

Viterbo – (a.c.) – Uscite di casa e respirate a pieni polmoni, a Viterbo si può. Il rapporto sulla valutazione preliminare del monitoraggio della qualità dell’aria dell’Arpa Lazio 2019, pubblicato pochi giorni fa, certifica nuovamente il buono stato di salute dell’atmosfera nei cieli della Tuscia.

Cinque stazioni di rilevamento: Viterbo, Acquapendente e Civita Castellana via Petrarca per la zona appenninica; Monte Romano e Tarquinia Sant’Agostino per quella litoranea. Sette le sostanze inquinanti sottoposte a monitoraggio. E in nessuna stazione, in nessun parametro, i valori misurati risultano fuori dai limiti normativi.

C’è solo un’altra provincia del Lazio che può vantare indicatori a norma in tutte le stazioni di rilevamento, cioè Latina, ma i valori di Viterbo rimangono comunque più bassi.

Per quanto riguarda le polveri sottili Pm 10, i numeri più elevati della provincia sono a Civita Castellana, con 19 microgrammi per metro cubo di media annuale e 5 superamenti giornalieri del limite. La normativa prevede come soglie massime 40 microgrammi per metro cubo di media e 35 superamenti giornalieri. Il particolato Pm 2,5 vede il valore più alto a Viterbo: 11 microgrammi per metro cubo all’anno, contro un limite massimo di 25.

Nessun allarme nemmeno per il biossido d’azoto, con Viterbo che fa registrare 23 microgrammi di media annuale, a fronte del valore massimo di 40. Nessun superamento giornaliero in nessuna stazione.

Viterbo è anche una delle due stazioni di monitoraggio di tutto il Lazio (insieme a Latina Sacco) in cui nel 2019 è stato raggiunto il massimo risultato nell’obiettivo a lungo termine per la protezione della salute umana sull’ozono: nessun superamento dei 120 μg/m3 come massimo della media mobile su otto ore. Anche le altre stazioni della provincia si mantengono nei limiti, con solo Tarquinia Sant’Agostino che fa registrare 5 superamenti della soglia d’informazione.

Relativamente al biossido di zolfo e al monossido di carbonio, non sono stati rilevati superamenti dei valori limite in nessuna stazione della rete di monitoraggio regionale.


QUALITÀ DELL’ARIA – I valori delle stazioni di rilevamento della Tuscia (Fonte: Arpa)

Particolato Pm 10 – Pm 2.5

StazioneMedia Pm10 Superamenti Pm10 Media Pm2.5
Acquapendente151010
Viterbo171111
Civita Castellana195 
Monte Romano162 
Tarquinia S. Agostino 177 
VALORI MAX403525

Biossido d’azoto

StazioneMedia Superamenti
Acquapendente50
Viterbo230
Civita Castellana120
Monte Romano50
Tarquinia S. Agostino 30
VALORI MAX4018

Ozono

StazioneSup. valore obiettivo Sup. soglia info Sup. soglia allarme
Acquapendente600
Viterbo000
Tarquinia S. Agostino 1250
VALORI MAX25  

Benzene

StazioneMedia annua
Viterbo1,0
VALORE MAX 5

Condividi la notizia:
24 gennaio, 2020

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR