Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Presunte vittime due agenti della polizia stradale - Erano i tempi della maxinchiesta sulla "macchina del fango"

Registrazioni a luci rosse, Gianlorenzo assolto dall’accusa di calunnia

Condividi la notizia:

Paolo Gianlorenzo

Paolo Gianlorenzo

L'avvocato Franco Taurchini

L’avvocato Franco Taurchini

Viterbo – (sil.co.) – File audio a luci rosse, assolto con formula piena il giornalista Paolo Gianlorenzo accusato di calunnia ai danni di due agenti del nucleo di polizia giudiziaria della stradale.

Il 26 settembre 2013 li avrebbe accusati di avere inserito un file audio privato, la registrazione di un rapporto sessuale, in un dvd contenente intercettazioni della maxinchiesta “macchina del fango” che gli era stato sequestrato e che aveva chiesto indietro a scopo difensivo.

“Come vi siete permessi?”, avrebbe tuonato, telefonando direttamente alla segreteria del pm Massimiliano Siddi, facendosi passare le presunte vittime.

“Gianlorenzo ammise lo sbaglio due mesi dopo davanti al gip”, ha sempre sostenuto il difensore Franco Taurchini che ieri ha ottenuto dal giudice Elisabetta Massini l’assoluzione con la formula “perché il fatto non sussiste”. 

Gianlorenzo, resosi cont0 di avere preso un abbaglio, il pomeriggio successivo alla telefonata, verso le 16,30 del 27 settembre 2013, si sarebbe recato al palazzo di giustizia di via Falcone e Borsellino per chiedere scusa. Ma, piombando all’improvviso, non sarebbe stato ricevuto. 

L’avvocato Taurchini aveva rinunciato lo scorso luglio alla sua lista testimoniale. Ieri dopo oltre sette anni è arrivata la sentenza.


Condividi la notizia:
14 gennaio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR