Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bassano in Teverina - Ieri mattina la passeggiata racconto di Antonello Ricci per promuovere il concorso fotografico "Pier Paolo Pasolini, la forma della città" - FOTO E VIDEO

“Una splendida pagina di dignità culturale…”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Bassano in Teverina – “Una splendida pagina di dignità culturale”. L’ha definita bene Antonello Ricci. Alla fine del percorso. Davanti a quella chiesetta rupestre in mezzo al bosco di Bassano in Teverina. Così la chiamano ancora, al paese. In realtà un insediamento longobardo ancora tutto da scoprire.

La dignità culturale di un luogo, una passeggiata, un concorso fotografico. Gli ultimi due dedicati a Pier Paolo Pasolini, l’intellettuale più importante e grande della letteratura italiana del Nnovecento. La passeggiata è di Antonello Ricci. Con lui, il sindaco di Bassano Alessandro Romoli, Urbano e Isabella Rosati, Simonetta Celli e Pietro Benedetti. Una comunità narrante che, ieri mattina, ha raccontato e restituito la bellezza di ciò che aveva attorno. Davanti a decine e decine di persone che di buon ora si sono alzate e fatte più di cinque chilometri a piedi lungo uno splendido sentiero del Cai, il club alpino italiano.


Bassano in Teverina - La passeggiata dedicata a Pier Paolo Pasolini

Bassano in Teverina – La passeggiata dedicata a Pier Paolo Pasolini


Passeggiata e concorso. Entrambi ispirati allo sguardo di Pasolini. Ai paesaggi dell’alto Lazio. Tra Bassano, Civita di Bagnoregio, Chia, Viterbo, Orte. La poetica dell’ultimo Pasolini. Oggi scadono i termini per partecipare al concorso. Voluto da Tusciaweb. In collaborazione con il comune di Bassano in Teverina e l’associazione Click!


Bassano in Teverina - Antonello Ricci

Bassano in Teverina – Antonello Ricci


Il concorso fotografico, “Pier Paolo Pasolini, la forma della città”, ha lo scopo di valorizzare sei luoghi della Tuscia “nello spirito – come sta scritto nel bando – che ha guidato Pasolini nel suo rapporto con il Viterbese. Un territorio, che nonostante tutto, ha mantenuto integra, almeno in parte, la forma originaria dei suoi borghi. I paesi da fotografare sono: Bassano in Teverina, Viterbo, Caprarola, Civita di Bagnoregio, Soriano e Orte”.


Bassano in Teverina - La passeggiata dedicata a Pier Paolo Pasolini

Bassano in Teverina – La passeggiata dedicata a Pier Paolo Pasolini


Ad accompagnare, e promuovere il concorso, la passeggiata racconto di ieri. Organizzata da Tusciaweb, il comune di Bassano e il gruppo archeologico bassanese. Partenza con colazione dal borgo. Poi un circuito fatto di emergenze. Una fornace rinascimentale, un manufatto di età classica, i resti di un insediamento di età antica, la chiesa e la rupe di Pietramara e un’opera di regimazione delle acque con muro poligonale. Ritorno di nuovo a Bassano, con aperitivo alla fine.


Bassano in Teverina - La chiesa nel bosco

Bassano in Teverina – La chiesa nel bosco


Un percorso accompagnato dalla lettura di brani tratti dai capolavori di Pasolini. Il Vangelo secondo Matteo, Uccellacci e uccellini, le poesie. Senza, inoltre, dimenticare le difficoltà incontrate. Tra sabato e ieri stesso. Prima la pioggia, poi il fango del giorno dopo. Infine la caccia al cinghiale, programmata proprio per domenica. La mattina della passeggiata. E anche i cacciatori hanno smesso di sparare e si sono fermati ad ascoltare. A parlare con chi gli chiedeva.


Bassano in Teverina - La passeggiata dedicata a Pier Paolo Pasolini

Bassano in Teverina – La passeggiata dedicata a Pier Paolo Pasolini


“Siamo stati una quinta essenza di paesaggio italiano – ha commentato Antonello Ricci – che non capiamo di più e meglio se siamo dei fini letterati o dei profondi archeologi. Che capiamo però, più e meglio, con l’incanto e la tenerezza che Pasolini ha saputo restituire. Con quel rigore che era libero dalla servitù del conformismo. Soli, in una solitudine scelta come un bene. Oggi, abbiamo vissuto una splendida pagina di dignità culturale”.

La solitudine, ha ricordato Ricci citando Pasolini, “dove non si ha nulla da perdere e quindi si può parlare di tutto. La solitudine, dove non si ha nulla da guadagnare. Pertanto si può dire tutto a maggior ragione”.


Bassano in Teverina - Una tomba nel bosco

Bassano in Teverina – Una tomba nel bosco


La dignità culturale. La capacità di saper guardare la bellezza umile e vera dei paesaggi. La loro continuità. Umile e proletaria. Bella e bracciantile. “Dalla parte giusta del lato sbagliato”, direbbe un altro grande, grandissimo della letteratura italiana. Beppe Fenoglio. Manufatti, muri, chiese. Prodotto e figli di una sapienza artigiana, anonima e contadina. Funzionale a un dover essere che ha saputo farsi essere nel tempo. Alla faccia di chi per secoli questo mondo l’ha oppresso fino ad estinguerlo. Intreccio e mimesis di luoghi che Pasolini ha reso “incantati”. Il “canto del capro”. Tragedia. Senza catarsi. Un linciaggio sacrificale. Il suo, di Pasolini. E quello di un cosmo, paesaggio e orizzonte culturale al tempo stesso, libero solo dal conformismo. Non dalla schiavitù. Stordito, svuotato, malinconico, sotterraneamente arrabbiato. Ironico. Attenzione, però. Ha perso la battaglia, non la guerra. Tutt’intorno, sparsa, un’ultima emorragia di parole. Per metabolizzare il bluff di un paese mancato. E smontare scene e bandiere. Senza sapere, oggi, chi mai sia stato. Dove sia stato. E che razza di film abbia mai vissuto. Ma tant’è.


Bassano in Teverina - La passeggiata dedicata a Pier Paolo Pasolini

Bassano in Teverina – La passeggiata dedicata a Pier Paolo Pasolini


Ieri mattina, Antonello Ricci, e la passeggiata, ne hanno in qualche modo ricaptato e riscattato energie, desideri, fantasie, entusiasmi, slanci. L’eco delle parole e dell’eccitazione. Le cose da dire e da fare. La stanchezza, dopo un giro di frullatore. Da oggi in poi, tocca al concorso fotografico. “Pier Paolo Pasolini, la forma della città”.


Bassano in Teverina - La passeggiata dedicata a Pier Paolo Pasolini

Bassano in Teverina – La passeggiata dedicata a Pier Paolo Pasolini


Infine. Un’ultima cosa. Parole che diventano cose. La dignità culturale di un intellettuale. Antonello Ricci. La “tenerezza”, come Pasolini, che ha saputo “restituire”. Con tutto il suo rigore. Libero, lui sì, dalla “servitù del conformismo”.

“Io so – scrive Pier Paolo Pasolini – perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari… , che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l’arbitrarietà, la follia e il mistero. Tutto ciò fa parte del mio mestiere e dell’istinto del mio mestiere”.

Daniele Camilli


Multimedia – Fotogallery: La passeggiata pasoliniana – Il borgo di Bassano in Teverina – Video: La passeggiata raccontata da Antonello Ricci – Il percorso nel bosco

Articoli: “Una passeggiata e un concorso fotografico… per accendere la scintilla pasoliniana”


Concorso fotografico Pier Paolo Pasolini, la forma della città

“Pier Paolo Pasolini, la forma della città”, prima edizione del concorso fotografico indetto da Piattaforma 2.0, in collaborazione con Tusciaweb e l’Associazione Click! e il comune di Bassano in Teverina, aperto a fotografi professionisti ed amatori.

Il concorso ha lo scopo di valorizzare sei luoghi della Tuscia nello spirito che ha guidato Pasolini nel suo rapporto con il Viterbese. Un territorio, che nonostante tutto, ha mantenuto integra, almeno in parte, la forma originaria dei suoi borghi. I paesi da fotografare sono: Bassano in Teverina, Viterbo, Caprarola, Civita di Bagnoregio, Soriano e Orte. Per poter partecipare dovranno essere inviate foto di almeno 3 di questi borghi, tra i quali obbligatoriamente Bassano in Teverina e Civita di Bagnoregio. Pena l’esclusione dal concorso.

I partecipanti al concorso dovranno mandare una foto dei vari paesi in formato JPG ad alta risoluzione, tramite WeTransfer o altro tipo di trasmissione di file pesanti via email. Non ci sono limiti compositivi né artistici, verranno quindi accettate anche foto post-prodotte.

La partecipazione è gratuita.

Le foto dovranno essere inviate all’indirizzo e-mail: laformadellacitta@tusciaweb.it entro le ore 23 del 20 gennaio 2020. Nell’email vanno inseriti: i titoli delle opere, i dati dell’autore e un riferimento telefonico.

La premiazione si svolgerà a febbraio/marzo 2020 nel borgo di Bassano in Teverina.

Verranno premiate le 3 migliori foto in assoluto, più menzioni speciali per ogni singolo luogo. Le foto verranno valutate dall’insindacabile giudizio dell’équipe di Tusciaweb.

Tutte le foto partecipanti potranno essere utilizzate da Piattaforma 2.0 Tusciaweb, dall’Associazione Click!e dal comune di Bassano in Teverina a scopo pubblicitario, per pubblicazioni, mostre o qualsiasi altro scopo.


Condividi la notizia:
20 gennaio, 2020

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. "Chemical city, la conservazione dei materiali era compromessa già nel 1963..."
  2. "Chemical city, trovato ordigno bellico nell'area militare del lago di Vico"
  3. "Vogliamo sapere la verità sulla Chemical city del lago di Vico"
  4. Chemical city, centinaia di documenti militari bruciati e altri buttati in giro per tutta l'area
  5. Calci, sputi e sgabellate, la vita del poliziotto nel carcere di Mammagialla...
  6. "Gli orari della ferrovia Roma nord stanno distruggendo l'istituto agrario"
  7. Il comune si schiera contro il consumo di suolo e il fotovoltaico a terra
  8. Discarica di Cinelli, adesso c'è pure un lago d'acqua con auto e roulotte abbandonate
  9. Chemical city, tubature da cui esce liquido nero e carotaggi lasciati sul terreno
  10. “Un tavolo contro il caporalato e lo sfruttamento dei braccianti”
  11. "Non ha solo la bellezza, ma anche il carattere..."
  12. "Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna non hanno espresso lamentele, soltanto aspirano alla libertà... "
  13. "Lo sterminio degli omosessuali è sempre stato un olocausto di serie B"
  14. "Sotto piazza San Lorenzo ci sono cunicoli, sepolture e... una cripta"
  15. "Se mia figlia sposasse uno come lui io sarei il padre più felice della terra"
  16. Farnese pneumatici, il tribunale ha respinto la richiesta di concordato... si va verso il fallimento?
  17. Il Lazio è la regione con il più alto quantitativo di rifiuti radioattivi a livello nazionale
  18. "La scuola italiana è ancora una scuola di classe"
  19. "Natale, quest'anno la gente è meno della metà..."
  20. "La religione è una forza per costruire la pace"
  21. "Cotral, Cotral... vaffanculo!"
  22. Degrado, una piccola discarica e plastica andata a fuoco... lo stato di salute dell'ex Ospedale grande degli infermi
  23. Don Franco, il prete che ha fatto il "miracolo" in Senegal...
  24. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  25. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  26. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  27. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  28. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  29. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  30. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  31. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  32. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  33. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  34. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  35. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  36. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  37. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  38. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  39. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  40. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  41. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  42. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  43. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  44. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  45. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  46. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  47. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  48. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  49. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  50. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  51. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  52. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  53. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  54. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  55. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  56. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR