Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Un documento d'archivio racconta la detenzione degli ebrei della Tuscia nel carcere di Santa Maria in Gradi prima di essere deportati nei campi di sterminio - Ieri la targa commemorativa dell'Unitus - FOTO E VIDEO

“Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna non hanno espresso lamentele, soltanto aspirano alla libertà… “

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


 

Viterbo – “Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna non hanno espresso lamentele o necessità, soltanto aspirano alla libertà, della cui privazione non sanno rendersi conto”. Un documento d’archivio che racconta la condizione degli ebrei viterbesi all’interno del carcere di Santa Maria in Gradi durante la seconda guerra mondiale. Dicembre 1943. Prima di essere deportati nei campi di sterminio nazisti.

Oggi il complesso di Santa Maria in Gradi è sede dell’università degli studi della Tuscia. Ieri, l’università ha scoperto una targa commemorativa in memoria dei dodici ebrei viterbesi deportati, detenuti prima nel carcere di Viterbo.


Viterbo - Il documento della questura

Viterbo – Il documento della questura


Il testo della targa. “In questo luogo, carcere all’epoca della repubblica sociale italiana e dell’occupazione nazista, furono detenuti dodici ebrei, già vittime dal 1938 della persecuzione razzista antisemita dello stato italiano, rastrellati a Viterbo e provincia nel 1943. Dieci furono deportati nel marzo 1944 prima nel campo di Fossoli, poi nei campi nazisti. Nove furono assassinati. Una sola persona fece ritorno. L’Università degli Studi della Tuscia li ricorda”.

Una testimonianza importante che vede per protagonista l’università degli studi del neo rettore Stefano Ubertini. E una nuova generazione di ricercatori, ad esempio Tommaso Dell’Era ed Elisa Guida, entrambi studiosi della Shoah, che si sono fatti anche parte attiva per costruire fattivamente una memoria della Shoah sul territorio della Tuscia. Prima di loro era praticamente assente. Oggi ci sono le pietre d’inciampo a Porta della Verità, il memoriale della Shoah a Tarquinia e la targa all’Unitus. E soprattutto Viterbo, senza neanche accorgersene, ha in qualche modo chiesto perdono alla comunità ebraica. Cacciata e perseguitata. E non va mai dimenticato che a tirare giù per le scale gli ebrei viterbesi deportati e sterminati sono stati né più né meno che altri viterbesi. 


Viterbo - La cerimonia all'università della Tuscia

Viterbo – La cerimonia all’università della Tuscia


Il documento dell’archivio di Stato di Viterbo racconta le condizioni carcerarie degli ebrei viterbesi deportati e detenuti, nel dicembre 1943, nel carcere di Santa Maria in Gradi. Il documento è indirizzato al questore di Viterbo ed è stato scritto dal vice commissario Banti.


Viterbo - L'Unitus ricorda la Shoah

Viterbo – L’Unitus ricorda la Shoah


“Giusta le istruzioni da voi ricevute – il documento di Banti inizia così – ho intervistato gli ebrei associati al locale carcere e ho raccolto le seguenti notizie: Jader Spizzichino e la moglie Marta Cohen, desiderano vedersi più spesso di quanto è stato loro concesso ogni venti giorni. Sollecitando l’evasione della pratica riguardante il loro riconoscimento di non appartenenza alla razza ariana. Lo Jader chiede poi che gli sia corrisposta la pensione che percepiva quale funzionario del ministero dell’Interno a riposo, onde far fronte alle piccole spese consentite dall’ordinamento del carcere. Chiede inoltre che gli sia consentito di soddisfare alle proprie naturali occorrenze fuori della cella, dato che non riesce a vincere la repugnanza e l’umiliazione della latrina in comune. Desidera inoltre che gli sia concesso di poter ricevere un dizionario che è in deposito presso il carcere e che gli occorre per trascorrere il tempo meno oziosamente”.

E’ il 1943 e il carcere di Viterbo, che resterà a Santa Maria in Gradi per altri cinquant’anni prima d’essere spostato a Mammagialla, è un carcere speciale. Da lì sono passati diversi antifascisti. Tra cui Altiero Spinelli ed Emilio Sereni. Padri fondatori della Repubblica democratica. 


Viterbo - L'Unitus ricorda la Shoah

Viterbo – L’Unitus ricorda la Shoah


“Il prof. Wolf Martin e la moglie Matilde – prosegue il vice commissario Banti – desiderano colloqui più frequenti. Sono vecchi e sofferenti e le loro condizioni di spirito sono molto depresse. Anche il professore vorrebbe non servirsi della comune latrina della cella. Non vorrebbe perdere la propria biblioteca che possiede nella sua abitazione di San Lorenzo Nuovo e che contiene manoscritti di una sua opera letteraria frutto di lunghi anni di lavoro e di studi. Desidera dei libri per vincere il tedio della reclusione e di essere inviato in un campo di concentramento dove poter vivere più a contatto con la propria moglie. Di Porto Angelo e la moglie Di Veroli Lalla desiderano vedersi più frequentemente”.

Attorno al carcere, nel 1943, c’è la guerra e l’occupazione nazista che durerà fino al giugno dell’anno successivo. Nel 1944 i bombardamenti aerei alleati raderanno al suolo la città di Viterbo, medaglia d’argento al valore civile. Oltre mille morti. In provincia i nazisti, come dimostra un documento dei carabinieri del 1944, fanno strage di civili e partigiani come in tutto il resto del Paese. Una strage tra Sutri e Bassano, un’altra a Blera. E poi, morti ammazzati ovunque.


Viterbo - Il ricordo dello sterminio degli omosessuali - Palazzo Anselmi

Viterbo – Il ricordo dello sterminio degli omosessuali – Palazzo Anselmi


“Majer Arnoldo – va avanti a scrivere Banti – è molto depresso, lamenta la scarsezza del cibo che consiste nella somministrazione giornaliera di un minestrone e di un pezzo di pane. Desidera che gli sia data la possibilità di procurarsi qualche libro scritto in lingua tedesca. Moscati Angelo vorrebbe colloqui più frequenti con la madre. Anticoli Reale, anch’egli lamenta la scarsezza del cibo e la latrina in comune”.

Il carcere di Viterbo tornerà agli onori delle cronache trent’anni dopo la fine della guerra con una rivolta organizzata dai nuclei armati proletari detenuti nel penitenziario. Una rivolta che di fatto portò alla prima riforma del sistema carcerario italiano. 

Sul territorio della Tuscia, a Vetralla per l’esattezza, fino al gennaio del ’43 c’era anche un campo di concentramento per prigionieri di guerra. Slavi e inglesi innanzitutto. Venne abbandonato perché stavano arrivando gli alleati. E nel 1943 era chiaro. Quindi i campi, nella Tuscia erano presti tre, oltre a Vetralla, anche Bolsena e Acquapendente, andavano smantellati. Quello di Vetralla è stato poi utilizzato da alcune brigate militari, tra cui la Sassari, prima di essere assaltato dalla popolazione che si portò via mobili, tegole e quanto poté. Dopo la guerra, il campo ha accolto invece i profughi e quelli rimasti senza una casa. Smantellato il campo di concentramento di Vetralla, molti detenuti finirono a Carpi. Come gli ebrei viterbesi nel febbraio, marzo del ’44.  


Viterbo - Il ricordo della Shoah a Palazzo dei Priori

Viterbo – Il ricordo della Shoah a Palazzo dei Priori


Infine, un ultimo passaggio, a conclusione della lettera scritta dal vice commissario Banti al questore di Viterbo. E non si sa, nell’ignoranza di non essere storici, quanto fosse consueto per un funzionario di polizia occuparsi delle sorti di uomini e donne condannati a morte. Sarebbe interessante, e renderebbe anche merito, indagare il ruolo avuto dalla polizia viterbese durante la deportazione. Perché dalla lettura dei documenti d’archivio, assieme a questo di cui si scrive, emerge un atteggiamento volto in qualche modo a rallentare, se non addirittura ostacolare, la macchina dello sterminio. Se così fosse, questo forse renderebbe merito anche al vice commissario Banti che si è fatto portavoce di necessità, bisogni e aspirazioni di uomini e donne che fascisti e nazisti consideravano per legge subumani.


Viterbo - La giornata della memoria a palazzo dei Priori

Viterbo – La giornata della memoria a palazzo dei Priori


La conclusione della lettera è esemplare, di quello che in fondo è il bisogno più radicale di tutti. La libertà. Soprattutto quella di decidere delle proprie sorti. “Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna – conclude Banti – non hanno espresso lamentele o necessità, soltanto aspirano alla libertà, della cui privazione non sanno rendersi conto. Viterbo, 23 dicembre 1943″.

Daniele Camilli


 La lettera del vice commissario Banti al questore di Viterbo

Giusta le istruzioni da voi ricevute, ho intervistato gli ebrei associati al locale carcere e ho raccolto le seguenti notizie: Jader Spizzichino e la moglie Marta Cohen, desiderano vedersi più spesso di quanto è stato loro concesso ogni venti giorni. Sollecitando l’evasione della pratica riguardante il loro riconoscimento di non appartenenza alla razza ariana. Lo Jader chiede poi che gli sia corrisposta la pensione che percepiva quale funzionario del ministero dell’Interno a riposo, onde far fronte alle piccole spese consentite dall’ordinamento del carcere. Chiede inoltre che gli sia consentito di soddisfare alle proprie naturali occorrenze fuori della cella, dato che non riesce a vincere la repugnanza e l’umiliazione della latrina in comune. Desidera inoltre che gli sia concesso di poter ricevere un dizionario che è in deposito presso il carcere e che gli occorre per trascorrere il tempo meno oziosamente.

Il prof. Wolf Martin e la moglie Matilde desiderano colloqui più frequenti. Sono vecchi e sofferenti e le loro condizioni di spirito sono molto depresse. Anche il professore vorrebbe non servirsi della comune latrina della cella. Non vorrebbe perdere la propria biblioteca che possiede nella sua abitazione di San Lorenzo Nuovo e che contiene manoscritti di una sua opera letteraria frutto di lunghi anni di lavoro e di studi. Desidera dei libri per vincere il tedio della reclusione e di essere inviato in un campo di concentramento dove poter vivere più a contatto con la propria moglie. Di Porto Angelo e la moglie Di Veroli Lalla desiderano vedersi più frequentemente.

Majer Arnoldo è molto depresso, lamenta la scarsezza del cibo che consiste nella somministrazione giornaliera di un minestrone e di un pezzo di pane. Desidera che gli sia data la possibilità di procurarsi qualche libro scritto in lingua tedesca. Moscati Angelo vorrebbe colloqui più frequenti con la madre. Anticoli Reale, anch’egli lamenta la scarsezza del cibo e la latrina in comune.

Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna non hanno espresso lamentele o necessità, soltanto aspirano alla libertà, della cui privazione non sanno rendersi conto.

Viterbo, 23 dicembre 1943


Multimedia – Gallery: Viterbo celebra il giorno della memoria – La Giornata della memoria a Palazzo dei PrioriIl ricordo della Shoah in città – Video: La giornata della memoriaGiornata della memoria, il racconto di Salvatore Federici 


Condividi la notizia:
28 gennaio, 2020

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. "Chemical city, la conservazione dei materiali era compromessa già nel 1963..."
  2. "Chemical city, trovato ordigno bellico nell'area militare del lago di Vico"
  3. "Vogliamo sapere la verità sulla Chemical city del lago di Vico"
  4. Chemical city, centinaia di documenti militari bruciati e altri buttati in giro per tutta l'area
  5. Calci, sputi e sgabellate, la vita del poliziotto nel carcere di Mammagialla...
  6. "Gli orari della ferrovia Roma nord stanno distruggendo l'istituto agrario"
  7. Il comune si schiera contro il consumo di suolo e il fotovoltaico a terra
  8. Discarica di Cinelli, adesso c'è pure un lago d'acqua con auto e roulotte abbandonate
  9. Chemical city, tubature da cui esce liquido nero e carotaggi lasciati sul terreno
  10. “Un tavolo contro il caporalato e lo sfruttamento dei braccianti”
  11. "Non ha solo la bellezza, ma anche il carattere..."
  12. "Lo sterminio degli omosessuali è sempre stato un olocausto di serie B"
  13. "Una splendida pagina di dignità culturale..."
  14. "Sotto piazza San Lorenzo ci sono cunicoli, sepolture e... una cripta"
  15. "Se mia figlia sposasse uno come lui io sarei il padre più felice della terra"
  16. Farnese pneumatici, il tribunale ha respinto la richiesta di concordato... si va verso il fallimento?
  17. Il Lazio è la regione con il più alto quantitativo di rifiuti radioattivi a livello nazionale
  18. "La scuola italiana è ancora una scuola di classe"
  19. "Natale, quest'anno la gente è meno della metà..."
  20. "La religione è una forza per costruire la pace"
  21. "Cotral, Cotral... vaffanculo!"
  22. Degrado, una piccola discarica e plastica andata a fuoco... lo stato di salute dell'ex Ospedale grande degli infermi
  23. Don Franco, il prete che ha fatto il "miracolo" in Senegal...
  24. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  25. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  26. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  27. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  28. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  29. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  30. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  31. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  32. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  33. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  34. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  35. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  36. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  37. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  38. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  39. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  40. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  41. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  42. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  43. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  44. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  45. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  46. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  47. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  48. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  49. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  50. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  51. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  52. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  53. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  54. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  55. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  56. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR