--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Gradoli - Con un'ordinanza il sindaco Mancini rinvia il tradizionale appuntamento: "per garantire la salute pubblica"

Coronavirus, salta il pranzo del Purgatorio

Condividi la notizia:

Gradoli - Il pranzo del Purgatorio

Gradoli – Il pranzo del Purgatorio

Gradoli – Per il Coronavirus rinviato a data da destinarsi il tradizionale Pranzo del Purgatorio.

Lo ha deciso il sindaco di Gradoli Attilio Mancini che ha emesso poco fa un’ordinanza che rinvia a data da destinarsi la manifestazione prevista il 26 febbraio alla Cantina oleificio sociale della cittadina viterbese.

“Con ordinanza n. 2 del 24.02.2020 – fanno sapere dal comune – il sindaco, in applicazione a quanto previsto dal D.L. 23 febbraio 2020 n° 6, relativo a misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, ha disposto il rinvio a data da destinarsi del Pranzo del Purgatorio previsto per il 26 febbraio 2020”.


L’ordinanza del sindaco

Il sindaco, premesso che in questo Comune, il giorno 26 febbraio 2020, si svolgera il tradizionale “Pranzo del Purgatorio”, ubicato aH’interno di un capannone di proprietà della Cantina Oleificio Sociale di Gradoli ed in utilizzo al Comune di Gradoli che raccoglierà, in un unico locale per circa 4 ore, oltre 1.600 persone.

Vista la nota 962 del 22/02/2020 con la quale alia luce delle recenti notizie, riguardanti il diffondersi del “coronavirus”, si richiedeva alia Azienda Sanitaria Locale quali misure si debbano adottare, al fine di prevenire e garantire la tutela della salute pubblica:

Che a tutt’oggi non sono pervenute indicazioni da parte della Asl

Che presso un Comune vicino e stata presente nei giorni 15 e 16 febbraio una persona proveniente dal Piacentino che risulta essere positiva al test del “coronavirus”;

Che la stessa ha avuto numerosi contatti con diverse persone dell’area circostante il nostra Comune; Che i partecipanti al Pranzo del Purgatorio, senza possibility di alcun controllo da parte di Questa

dell’emergenza epidemiologica da COVID-19

Visto l’articolo 1 del suddetto Decreto che regolamenta le misure urgenti per evitare la diffusione del COVID-19 in particolare la lettera “c” che dispone “la sospensione di manifestazioni o iniziative di

qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico.”

Vista la circolare del Ministero della Salute, direzione generale della prevenzione sanitaria, prot.

5443 del 22 febbraio 2020., in materia di prevenzione e profilassi

Che l’organizzazione del “Pranzo del Purgatorio” potrebbe essere un potenziale veicolo di diffusione del “COVID-19”;

Ritenuto opportuno ed urgente, in via esclusivamente precauzionale e cautelare, adottare i necessari provvedimenti al fine di garantire la tutela della salute pubblica;

Visti gli articoli 50 e 54 del Digs. 267/2000 e ss.mm.ii
Visto il D.L. 23 febbraio 2020 n° 6, relativo a misure urgenti in materia di contenimento e gestione
Amministrazione, provengono da tutt’ Italia ed in particolare dai paesi limitrofi
Visto il vigente statuto Comunale;
ORDINA
Per le motivazioni di cui in premessa, il rinvio a data da destinarsi della manifestazione “Pranzo del Purgatorio”, prevista per il giorno mercoledi 26 febbraio 2020.

AVVERTE

Che il presente provvedimento e impugnabile con ricorso giurisdizionale dinanzi al TAR LAZIO entro il termine di sessanta giorni decorrenti dalla notifica e comunque dalla piena conoscenza del presente atto da parte dei destinatari, ovvero con ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni decorrenti dal medesimo termine.

DISPONE

Che il presente provvedimento venga inviato alia Prefettura di Viterbo, alia Questura di Viterbo, al Comando della Finanza di Viterbo, al Direttore Generale della Asl/Vt e notificato al Capitano della Fratellanza del Purgatorio di Gradoli e inviato al messo comunale per la pubblicazione ed ai Vigili Urbani e alia Stazione dei Carabinieri di Gradoli per il rispetto della presente Ordinanza.


Condividi la notizia:
24 febbraio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR