--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Matteo Salvini presenta il piano della Lega - Misure che saranno comunicate all'esecutivo

“Coronavirus, servono 10 miliardi, i fondi governo-Ue non bastano”

Condividi la notizia:

Roma - Matteo Salvini presenta il piano della Lega sul coronavirus

Roma – Matteo Salvini presenta il piano della Lega sul coronavirus

Roma – “Speriamo che le nostre proposte non vengano messe in quarantena, ma che vengano recepite come utili”. E’ Matteo Salvini a parlare. E lo fa in conferenza stampa al Senato. Qui la Lega ha presentato delle misure per affrontare l’emergenza coronavirus in Itlia. Provvedimenti che Salvini presenterà all’esecutivo.

Al tavolo con Salvini anche i responsabili economici della Lega, Claudio Durigon, Massimo Garavaglia, Massimo Bitonci, Armando Siri, Claudio Borghi, Alberto Bagnai. Presente anche il capogruppo alla Camera, Riccardo Molinari.

“Abbiamo preparato un decalogo –  ha chiarito Salvini – con le nostre proposte, misure che porteremo al governo. E’ chiaro che i 20 milioni stanziati dal governo e i 200 milioni ipotizzati dall’Ue non bastano, forse servono solo per l’emergenza a Codogno”.

Per il leader della Lega serve una cifra “che non sarà inferiore, stimata a spanne, sperando che il contagio sia contenuto, ai 10 miliardi“.

Poi il riferimento alla polemica a distanza con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. “Per sentirci – ha aggiunto – basta chiamare il numero giusto”.

E ancora: “Qualcuno in maniera sgradevole, invece di guardare cosa non ha funzionato in casa propria, cerca responsabilità in casa altrui. Gli operatori delle zone rosse non meritano che qualcuno in maniera sgradevole li indichi come i responsabili di quello che sta accadendo”. Il riferimento a Conte che ha segnalato il mancato rispetto dei protocolli nell’ospedale di Codogno.

Poi il passaggio sui provvedimenti. “Occorre un piano straordinario per il turismo, uno dei settori più colpiti, dove stiamo arrivando all’80% di disdette in entrata e uscita – ha specificato Salvini –. E deve essere diffuso su tutto il territorio nazionale”.

E sulle scuole: “Se il protrarsi della chiusura delle scuole sarà di oltre 1 settimana bisognerà pensare di prolungare l’anno scolastico oltre la data di chiusura preventivata”.

Tra le misure economiche ipotizzate anche quelle sul periodo successivo all’emergenza. L’idea è quella di “un periodo di free tax zone che possa andare da un minimo di 3 mesi a un massimo di 6 per le zone più colpite”.


Condividi la notizia:
25 febbraio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR