--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Lettere - Montefiascone - Enzo Renato Napoli sul caso di Aurora Grazini e le condizioni dell'ospedale Belcolle

“Dal pronto soccorso nessuno deve uscire senza conoscere le sue condizioni reali di salute”

Condividi la notizia:

Aurora Grazini

Aurora Grazini

Montefiascone – Riceviamo e pubblichiamo – Le cronache ci segnalano quotidianamente casi di intolleranza e aggressività nei confronti di medici e paramedici presso i pronti soccorsi dei nostri ospedali, segno che la disorganizzazione regna sovrana su tutto il territorio nazionale e anche il pronto soccorso di Belcolle non sfugge alle cronache nazionali.

L’ospedale di Belcolle è in via di costruzione da 40-50 anni e tutti noi possiamo constatare che l’opera non è ancora terminata e molto c’è ancora da fare mentre l’ospedale di Terni che è coevo di Belcolle non solo è stato terminato in tempi ragionevoli ma è stato addirittura ristrutturato e ampliato almeno due o tre volte, noi siamo ancora a babbo morto.

Eppure Viterbo vanta una storia politica di assoluto rilievo, ministri, presidenti di regione, assessori regionali alla Sanità, senatori, deputati per non ricordare le visite, le promesse, le balle, raccontate da presidenti del consiglio, ministri che a rotazione sono venuti a Viterbo promettendo mari e monti e portandosi via autotreni di voti, risultato? L’Ospedale di Belcolle? “Anno zero”.

In alcune regioni gli ospedali sono a 4.1 noi siamo ancora all’anno zero. Ma ripercorriamo la storia del nostro ospedale che, ricordiamocelo, tutti fu realizzato per la sola città di Viterbo in sostituzione del “vecchio Ospedale Grande”.  

Il territorio vantava ospedali e pronti soccorso di assoluto rispetto, Viterbo, Montefiascone, Acquapendente, Civita Castellana, Vetralla, Bagnoregio, Tarquinia e forse mi sfugge qualcuno.

Per ragioni “razionalizzazione” e  “efficientamento” (i politici hanno una creatività inesauribile), in Regione Lazio decidono di chiudere tutti i pronti soccorsi territoriali e accentrare tutto su Belcolle non apportando il necessario potenziamento né in termini di spazio, mezzi e uomini, tanto per essere chiari il pronto soccorso non dispone di un cardiologo a tempo pieno e in tempo reale deve gestire il codice verde, giallo, rosso.  

Nonostante l’impegno, la professionalità  e le condizioni difficili di lavoro dei nostri operatori sanitari, episodi gravi di ordine clinico sanitario prima o poi dovevano accadere, ed è quanto accaduto.  

Sulla base della mia personale pluriennale frequentazione del reparto in parola, ho un cognato disabile e mia suocera malata di Alzheimer  (deceduta alcuni anni fa), devo dire che l’organizzazione del lavoro lascia molto a desiderare non tanto per cause imputabili al personale medico e paramedico ma il reparto  nel suo complesso, non è in condizioni di rispondere in tempo reale e ragionevoli, ai bisogni dei pazienti che arrivano a Belcolle dalla città e soprattutto dalla provincia.

Nel caso di mia suocera in più di una occasione siamo stati costretti ad attendere ore e ore prima di essere visitati, acqua, thè, portati da casa. A fronte di tale situazione, da qualche tempo, porto mio cognato (disabile) all’ospedale di Orvieto dove poche domeniche fa (domeniche!) siamo entrati al pronto soccorso alle 14,30 e alle 16  eravamo già sulla via del ritorno dopo una accurata visita, esami del sangue, ecografia e relazione di dimissioni.

Concludo lanciando un appello a tutti  gli organi politici e amministrativi della nostra città, il pronto soccorso di Belcolle va “ripensato”, anzi per essere più chiari Belcolle deve essere affiancato da almeno uno due pronti soccorsi territoriali, disgrazie e casi imponderabili possono sempre accadere ma dal pronto soccorso nessuno deve uscire senza conoscere le sue  condizioni reali di salute: questo è quanto potrebbe essere accaduto alla mia giovane concittadina Aurora Grazini.       

Enzo Renato Napoli 


Condividi la notizia:
23 febbraio, 2020

16enne morta in casa ... Gli articoli

  1. Morte di Aurora, il ministero valuta possibili responsabilità di Belcolle
  2. "Angelini è un medico disponibile, gentile ed esperto"
  3. "Vogliamo giustizia, non vendetta"
  4. "No ai processi sommari, che espongono i medici all'attacco mediatico..."
  5. "Ce lo siamo giurati, non ti scorderemo mai"
  6. Sedicenne morta, documenti e testimonianze hanno portato all'avviso di garanzia per il primario Angelini
  7. Sedicenne morta, indagato il primario del pronto soccorso Daniele Angelini
  8. Sedicenne morta, avviso di garanzia a un medico di Belcolle
  9. Sedicenne morta in casa, in corso l’autopsia
  10. “Ma quale crisi di pianto? Aurora non respirava...”
  11. "Quando è arrivata al pronto soccorso Aurora aveva dolori al petto e problemi respiratori"
  12. "Strano che in ospedale non si siano accorti che Aurora stava male..."
  13. "Hanno mandato via Aurora senza una tac, una radiografia, un esame del sangue”
  14. "Mi hanno ammazzato Aurora. Le hanno dato delle gocce e l'hanno rimandata via"
  15. "Aurora amava la storia e la letteratura..."
  16. "Non si può mandare a casa una ragazza di 16 anni e poi la notte muore"
  17. Morte di Aurora, nessun esame tossicologico disposto dalla procura
  18. "Lotteremo con tutte le nostre forze per Aurora..."
  19. "Ho potuto solo piangere con i genitori della piccola Aurora..."
  20. "Appena mi hanno avvisato mi si è gelato il sangue"
  21. "Il tuo sorriso e la tua allegria, la tua bellezza e la tua simpatia illumineranno la nostra strada"
  22. "La giovane morta per arresto cardiorespiratorio"
  23. La Asl: "La ragazza non aveva nessun problema fisico"
  24. Diciassettenne morta in casa, si indaga per omicidio colposo
  25. "Ragazza morta, verifiche in corso sugli accertamenti clinici"
  26. Diciassettenne morta in casa

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR