--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Renato Brunetta al taglio del nastro del Sinalp - Il deputato FI fa autocritica - VIDEO

“La gente rifiuta la politica e rifiuta i partiti”

Condividi la notizia:

Viterbo – “La politica è in crisi, i partiti sono in crisi”. E se lo dice un politico come Renato Brunetta, ex ministro e attuale deputato Forza Italia, c’è da crederci.

A Viterbo per inaugurare a nuova sede Sinalp, la confederazione nazionale autonoma dei lavoratori e dei pensionati, in collaborazione con Asi (Associazione servizi italiani) in via Pacinotti, il parlamentare azzurro non ha sorvolato sul momento nero della politica.

“È in crisi perché non sa più dialogare con la gente – spiega Brunetta – non sa più rispondere nell’immediatezza ai problemi della gente”.

Renato Brunetta a Viterbo

Quanto sia grande la distanza tra il palazzo e la strada è lampante, secondo Brunetta.

“Lo vediamo tutti i giorni in tv nei talk show, con liti da pollaio su temi che alla gente non interessano e la gente rifiuta la politica e rifiuta i partiti”.

Renato Brunetta con Giovanni Arena

Ma i bisogni delle persone, che la politica non risolve, restano. “Dalle aziende in crisi ai problemi con la burocrazia, il welfare, la sanità. Le difficoltà restano e la politica è distante.

Non a caso nascono questi centri di servizi. È una riposta per i cittadini, una rete nel territorio che sempre più sta rispondendo ai bisogni della gente”.

Renato Brunetta

Il nuovo centro è stato presentato dai vari rappresentanti, a cominciare dalla presidente Annalisa Billi. Al taglio del nastro anche il sindaco Giovanni Arena.


Condividi la notizia:
16 febbraio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR