Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Media - Il più importante magazine britannico sul turismo dedica un lungo articolo con tante foto alle bellezze della provincia di Viterbo

La Tuscia e i suoi principeschi palazzi sul Condè Nast Traveler

Condividi la notizia:

Alcune delle immagini dell'articolo pubblicato sul Condé Nast Traveler

Alcune delle immagini dell’articolo pubblicato sul Condé Nast Traveler

Alcune delle immagini dell'articolo pubblicato sul Condé Nast Traveler

Alcune delle immagini dell’articolo pubblicato sul Condé Nast Traveler

Viterbo – (f.b.) – La Tuscia e i suoi principeschi palazzi sul Condé Nast Traveler.

Il magazine inglese, che esce sia in versione cartacea che online, ha dedicato un lungo e dettagliato articolo a firma di Steve King sulle tenute e i palazzi storici della Tuscia. Quelli meno nascosti, alcuni dei quali di proprietà privata o trasformati in case vacanze e bed and breakfast.

King descrive la Tuscia come un “verdeggiante parco bohémien pieno di aristocratici ed eccentrici” che però è forse troppo “incustodito” per non dire quasi “trascurato”.

L’insolito viaggio alla scoperta di questi palazzi in provincia di Viterbo parte dal relais Villa Lina di Ronciglione. “Gli interni sono sorprendentemente eclettici ma stranamente coerenti – si legge nell’articolo – e riflettono fedelmente lo stile distintivo della proprietaria: Paola Igliori”.

Si prosegue poi con una visita alla tenuta di Paternostro a Vetralla “guidando verso ovest, oltre il lago di Vico”. La proprietà è dell’ex dirigente di Fendi Olivia Mariotti. Si tratta di “una sorta di ranch fuori dalla graziosa cittadina collinare di Vetralla, con una villa dai toni ocra incastonata tra uliveti e pascoli ondulati”.

E ancora l’articolista visita la Commenda dei Cavalieri dell’Ordine di Malta a Vignanello e il Vesconte di Bolsena, sede dei Conti di Cozza Caposavi per mezzo millennio.

Il pezzo è corredato da splendide foto di paesaggi e di piccoli particolari molto evocativi e accattivanti. Nell’ultimo paragrafo si fa cenno di altri tre splendidi palazzi della Tuscia: la Corte della Maestà di a Civita di Bagnoregio, che viene descritta come “una meraviglia in una meraviglia”. Poi c’è il bed and breakfast di piazza del Gesù a Viterbo: “un progetto dell’architetto Raffaele Ascenzi e di sua moglie Valeria, che comprende tre camere eleganti e semplici nella loro ampia casa medievale”. Infine si cita anche la Rocca Farnese ad Ischia di Castro e il Castello Ruspoli a Vignanello.


– Italy’s Forgotten Palazzos Make for an Opulent Road Trip


Condividi la notizia:
14 febbraio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR