--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - Parlano i vicini di casa di Aurora Grazini, la ragazza di 16 anni trovata morta dalla madre sabato mattina dopo essere stata dimessa dall'ospedale - Elisa: "E' ora di farla finita, bisogna scoprire la verità" - FOTO

“Non si può mandare a casa una ragazza di 16 anni e poi la notte muore”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:

Montefiascone - La casa di Aurora Grazini

Montefiascone – La casa di Aurora Grazini

Aurora Grazini

Aurora Grazini

Montefiascone – Borgo Trapè. Si chiama così il piccolo abitato arrampicato su una collina alle porte di Montefiascone dove sabato Aurora Grazini, una ragazza di appena 16 anni, è stata trovata morta dalla madre nel suo letto intorno alle 8 di mattina. La tragedia in una villetta di via Fiordini.

Qui, tutti chiedono una cosa sola. Sapere cosa è successo. La verità. Non in merito a cosa avesse fatto Aurora la sera prima o nei giorni precedenti. Tutti vogliono sapere come mai una ragazza viene visitata in ospedale, dimessa e poi muore. 

“Non si può mandare a casa una ragazza di 16 anni – dice Elisa, una vicina di casa – e poi la notte perde la vita. E’ ora di farla finita e bisogna scoprire la verità”.

Un borgo antico. Casali qua e là. Molti risalgono alla fine dell’ottocento, inizi novecento. Alcuni sono stati intonacati. Altri sono rimasti così come erano un secolo fa. Tutt’attorno campagna. Sullo sfondo la città di Montefiascone con i suoi 15 mila abitanti e il lago di Bolsena a valle.

“Conoscevo Aurora da quando era piccola – racconta Riccardo, 22 anni -. Era sempre solare, tranquilla, sempre felice. Non mi è mai sembrata una ragazza triste. Una che nel gruppo metteva movimento e dava enfasi. Era una ragazza che dava la spinta alle persone che aveva vicino. I familiari sono persone bravissime, unite. Qualsiasi problema uno abbia, loro sono e sono sempre stati disponibili”. 

Il padre di Aurora lavora con una ditta di distribuzione del caffè. La madre è casalinga. “Aurora si spostava con la macchinetta – prosegue Riccardo – o con i genitori. Ci incontravamo in giro, in piazza la vedevo con le amiche. Ma la differenza d’età incide. Non avevamo un legame stretto. E l’età fa la differenza anche per i posti la fanno. Una ragazza di 16 anni frequenta di più le piazze, il parco. Noi ventenni, il belvedere e Viterbo”.

Tanti i giovani in zona. La domenica stanno in casa. Per il pranzo. Quasi tutti frequentano l’università. Alcuni La Sapienza a Roma. Qualcuno l’università degli studi della Tuscia. Come Gabriele, al primo anno di Fisica. Vent’anni appena.

“Non conoscevo benissimo Aurora – commenta Gabriele -. Sapevo chi fosse, ma non ci frequentavamo. Infatti, quando ho visto la foto ho notato che era cresciuta tantissimo. Queste cose però lasciano un’impronta forte. Sono cose che non devono accadere. E vorremmo tutti capire cosa è successo. E’ assurdo che una persona entra in ospedale, viene dimessa e il giorno dopo muore”.

Una vita sempre di corsa. Con gente che, da queste parti, s’alza la mattina per andare a lavorare. E torna a casa la sera. Il tempo di stare un po’ con i figli e poi subito a dormire. Un tessuto sociale diverso, rispetto a quello di appena qualche tempo fa. Una volta si stava insieme, ci si conosceva. Adesso ci si vede soltanto passare. E le frequentazioni si limitano solo a cenni di saluto.

“La conoscevo di vista – commenta Antonio, un uomo sulla cinquantina -. La vedevo passare a piedi. Una famiglia normale, tranquilla. Oggi si va sempre di corsa. Quindi solo un saluto. Esco la mattina e torno la sera. Siamo comunque tutti rimasti colpiti. Le cose dovrebbero funzionare meglio. Non è possibile morire così. Anche se le cose, quando devono capitare, capitano”.

Infine il dubbio, l’assurdo. E non riguarda, come detto, Aurora Grazini. Ma l’ospedale di Belcolle a Viterbo, che l’ha rimandata a casa.

“La conoscevo solo di vista – dichiara Elisa, una mamma che vive a borgo Trapé -. Non avevamo rapporti, né con lei né con la famiglia. La vedevo passare a piedi, perché a volte andava a camminare. I famigliari sono comunque persone tranquille, lavoratori. E’ stata una cosa improvvisa. Siamo comunque sconvolti. Si deve fare chiarezza, indipendentemente da tutto. Non si può mandare a casa una ragazza di 16 anni e poi la notte muore. E’ ora di farla finita e bisogna scoprire la verità”.

Daniele Camilli 


 Articoli: Il nonno: “Mi hanno ammazzato Aurora. Le hanno dato delle gocce e l’hanno rimandata via” – Una professoressa: “Aurora amava la storia e la letteratura…” – Morte di Aurora, nessun esame tossicologico disposto dalla procura – La famiglia: “Lotteremo con tutte le nostre forze per Aurora…” – Il parroco: “Ho potuto solo piangere con i genitori della piccola Aurora…” – La scuola: “Il tuo sorriso e la tua allegria, la tua bellezza e la tua simpatia illumineranno la nostra strada”  – Il sindaco Massimo Paolini: “Appena mi hanno avvisato mi si è gelato il sangue”  –  Procura e carabinieri: “La giovane morta per arresto cardiorespiratorio” – La Asl: “La ragazza non aveva nessun problema fisico”  –  Sedicenne morta in casa, si indaga per omicidio colposo  – L’assessore regionale alla Sanità: “Ragazza morta, verifiche in corso sulle procedure cliniche”  –  Sedicenne morta in casa

Fotocronaca: Borgo Trapé – I carabinieri tornano a casa di Aurora Grazini – Giovane morta in casa


Condividi la notizia:
17 febbraio, 2020

16enne morta in casa ... Gli articoli

  1. "Le foto di Aurora Grazini usate sui social per pubblicizzare un prestito agevolato..."
  2. "Dal pronto soccorso nessuno deve uscire senza conoscere le sue condizioni reali di salute"
  3. Morte di Aurora, il ministero valuta possibili responsabilità di Belcolle
  4. "Angelini è un medico disponibile, gentile ed esperto"
  5. "Vogliamo giustizia, non vendetta"
  6. "No ai processi sommari, che espongono i medici all'attacco mediatico..."
  7. "Ce lo siamo giurati, non ti scorderemo mai"
  8. Sedicenne morta, documenti e testimonianze hanno portato all'avviso di garanzia per il primario Angelini
  9. Sedicenne morta, indagato il primario del pronto soccorso Daniele Angelini
  10. Sedicenne morta, avviso di garanzia a un medico di Belcolle
  11. Sedicenne morta in casa, in corso l’autopsia
  12. “Ma quale crisi di pianto? Aurora non respirava...”
  13. "Quando è arrivata al pronto soccorso Aurora aveva dolori al petto e problemi respiratori"
  14. "Strano che in ospedale non si siano accorti che Aurora stava male..."
  15. "Hanno mandato via Aurora senza una tac, una radiografia, un esame del sangue”
  16. "Mi hanno ammazzato Aurora. Le hanno dato delle gocce e l'hanno rimandata via"
  17. "Aurora amava la storia e la letteratura..."
  18. Morte di Aurora, nessun esame tossicologico disposto dalla procura
  19. "Lotteremo con tutte le nostre forze per Aurora..."
  20. "Ho potuto solo piangere con i genitori della piccola Aurora..."
  21. "Appena mi hanno avvisato mi si è gelato il sangue"
  22. "Il tuo sorriso e la tua allegria, la tua bellezza e la tua simpatia illumineranno la nostra strada"
  23. "La giovane morta per arresto cardiorespiratorio"
  24. La Asl: "La ragazza non aveva nessun problema fisico"
  25. Diciassettenne morta in casa, si indaga per omicidio colposo
  26. "Ragazza morta, verifiche in corso sugli accertamenti clinici"
  27. Diciassettenne morta in casa

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR