--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sedicenne morta in casa - I genitori, intervistati dal Corriere della Sera, smentiscono la versione della Asl e chiedono di fare chiarezza

“Ma quale crisi di pianto? Aurora non respirava…”

Condividi la notizia:

Aurora Grazini

Aurora Grazini

Anna Maria Gambetta

Anna Maria Gambetta

Giancarlo Grazini

Giancarlo Grazini

Montefiascone  – (re.tu.) – “Lei stava male e loro pensavano che avesse un problema psicologico”. Lo hanno dichiarato al Corriere della Sera Anna Maria Gambetta e Giancarlo Grazini, genitori della sedicenne morta in casa a Montefiascone il 15 febbraio.

Un’intervista in cui ripercorrono le ultime ore della figlia e puntano il dito contro il pronto soccorso dell’ospedale di Viterbo, chiedendo “chiarezza e giustizia”.

“Le hanno dato quelle gocce e dopo non era più lei – racconta la madre dalle colonne del Corriere -. Non parlava. Si trascinava a fatica. Mica l’abbiamo portata a Belcolle perché aveva una crisi di pianto, non l’avremmo mai fatto. Dicono che non c’era alcun problema fisico. Come potevano saperlo? Non le hanno fatto neanche un emocromo. Aurora respirava male, aveva un dolore al cuore ma parlava e camminava normalmente”. 

Ad avvisare la madre, venerdì verso l’ora di pranzo, era stata l’altra figlia, Rachele.

“Corri – le avrebbe detto – Aurora non respira!”.

Da lì la chiamata al 118 e l’arrivo a Belcolle in ambulanza. 

“Siamo rimasti 20 minuti – continua il racconto della madre -. Mi hanno chiesto se fosse successo qualcosa nei giorni precedenti. Aveva avuto tosse, febbre, un’infiammazione della pelle. Volevamo farla riguardare, è stata a casa 16 giorni per poi tornare a scuola lunedì. Ha preso un brutto voto in diritto, lo ha raccontato lei stessa a un operatore del 118. Ho pensato fosse un po’ in ansia, l’ho detto al dottore e le hanno dato 15 gocce di En, una benzodiazepina”.

Il padre Giancarlo è andato a prenderle per portarle a casa.

“Il mio rimorso più grande è non averla portata in un altro ospedale – dichiara sempre al Corriere Giancarlo Grazini -. Ci convivrò per sempre. La vedevo così debole. Cercavo di sorreggerla, avevo paura che cadesse. Mi diceva ‘papà non mi strattonare’. Poi non è più riuscita a parlare. Ha respirato male tutta la notte e noi lì con lei, prima io poi la madre, a sistemarle i cuscini, a vegliarla. Non sapevamo che fare, non abbiamo capito. Aurora non si lamentava, non diceva più nulla. Pensavamo che passasse, non che morisse”.

La mattina la madre le ha preparato un tè.
“Tempo di far bollire l’acqua e tornare da lei – dice -. Il suo ultimo respiro è stato lì”.

Il padre ripercorre il calvario dei soccorsi, l’arrivo dell’ambulanza, l’atterraggio dell’elicottero e i tentativi di rianimazione per un’ora e mezza.

“Secondo una dottoressa può aver avuto un’emorragia gastrica – spiega al Corriere -. Lo sapremo dall’autopsia”.

Lui e Aurora erano nati lo stesso giorno, l’11 giugno. “Festeggiavamo insieme. Ora che posso festeggiare?”, ricorda con tenerezza Giancarlo Grazini.


Articoli:  L’avvocato della famiglia, Giuseppe Picchiarelli: “Quando è arrivata al pronto soccorso Aurora aveva dolori al petto e problemi respiratori” –  I compagni: “Strano che in ospedale non si siano accorti che Aurora stava male…”


Condividi la notizia:
18 febbraio, 2020

16enne morta in casa ... Gli articoli

  1. "Dal pronto soccorso nessuno deve uscire senza conoscere le sue condizioni reali di salute"
  2. Morte di Aurora, il ministero valuta possibili responsabilità di Belcolle
  3. "Angelini è un medico disponibile, gentile ed esperto"
  4. "Vogliamo giustizia, non vendetta"
  5. "No ai processi sommari, che espongono i medici all'attacco mediatico..."
  6. "Ce lo siamo giurati, non ti scorderemo mai"
  7. Sedicenne morta, documenti e testimonianze hanno portato all'avviso di garanzia per il primario Angelini
  8. Sedicenne morta, indagato il primario del pronto soccorso Daniele Angelini
  9. Sedicenne morta, avviso di garanzia a un medico di Belcolle
  10. Sedicenne morta in casa, in corso l’autopsia
  11. "Quando è arrivata al pronto soccorso Aurora aveva dolori al petto e problemi respiratori"
  12. "Strano che in ospedale non si siano accorti che Aurora stava male..."
  13. "Hanno mandato via Aurora senza una tac, una radiografia, un esame del sangue”
  14. "Mi hanno ammazzato Aurora. Le hanno dato delle gocce e l'hanno rimandata via"
  15. "Aurora amava la storia e la letteratura..."
  16. "Non si può mandare a casa una ragazza di 16 anni e poi la notte muore"
  17. Morte di Aurora, nessun esame tossicologico disposto dalla procura
  18. "Lotteremo con tutte le nostre forze per Aurora..."
  19. "Ho potuto solo piangere con i genitori della piccola Aurora..."
  20. "Appena mi hanno avvisato mi si è gelato il sangue"
  21. "Il tuo sorriso e la tua allegria, la tua bellezza e la tua simpatia illumineranno la nostra strada"
  22. "La giovane morta per arresto cardiorespiratorio"
  23. La Asl: "La ragazza non aveva nessun problema fisico"
  24. Diciassettenne morta in casa, si indaga per omicidio colposo
  25. "Ragazza morta, verifiche in corso sugli accertamenti clinici"
  26. Diciassettenne morta in casa

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR