Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Regione - Emergenza Covid-19 - Così l'assessore Di Berardino: "La maggior parte di queste riguarda micro imprese con un numero molto ridotto di dipendenti"

“Cassa integrazione, nel Lazio oltre 7500 domande pervenute”

Condividi la notizia:

Claudio Di Berardino

Claudio Di Berardino

Roma – “Sono 7.584 le domande di cassa integrazione in deroga pervenute alla Regione Lazio dai datori di lavoro presenti sul nostro territorio. La maggior parte di queste riguarda micro imprese con un numero molto ridotto di dipendenti.

Anche oggi continua il lavoro degli uffici dell’assessorato e della direzione lavoro che da mercoledì scorso compongono la task force creata proprio per contrarre al massimo i tempi di lavorazione delle pratiche e per dare risposte veloci in questo momento di difficoltà.

Parallelamente raccogliamo le indicazioni contenute nell’ultima circolare dell’Inps, anche da noi sollecitata, che da una parte rielenca procedure, modalità e indicazioni per chi può ricorrere alla cassa integrazione in deroga, e dall’ altra conferma che quanto indicato nell’accordo quadro stipulato la scorsa settimana tra la Regione Lazio e tutte le parti sociali è in linea con le disposizioni normative anche in riferimento alle norme per le lavoratrici, i lavoratori delle aziende artigiane per le quali comunque verrà garantito il sostegno al reddito.  

Su questa tematica continua il confronto con le associazioni del settore dell’artigianato e con i sindacati”.

Così in una nota Claudio Di Berardino assessore al Lavoro e Nuovi diritti della Regione Lazio.


Condividi la notizia:
29 marzo, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR