--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - I controlli delle fiamme gialle per l'osservanza del Dpcm contro il diffondersi del Covid-19

Coronavirus: false autodichiarazioni ai finanzieri, tre denunce

Condividi la notizia:

Viterbo - I controlli della guardia di finanza

Viterbo – I controlli della guardia di finanza

Viterbo – False autodichiarazioni ai finanzieri, tre denunce.

I finanzieri del comando provinciale della guardia di finanza di Viterbo hanno denunciato tre cittadini italiani per mancata osservanza delle misure per il contenimento della diffusione del Coronavirus previste dal decreto del presidente del consiglio dei ministri.

Nel quadro dell’imponente sforzo teso all’intensificazione dei controlli, posti in essere nel territorio della Tuscia da parte delle forze di polizia in ordine al rispetto delle limitazioni degli spostamenti delle persone, la guardia di finanza ha avviato un complesso percorso operativo teso a riscontrare, a posteriori, la veridicità delle autodichiarazioni esibite dai cittadini che sono stati controllati su strada.

Infatti, al momento del controllo non sempre è possibile verificare se le ragioni giustificative fornite dalle persone siano vere oppure soltanto verosimili.

Nel dubbio, pertanto, le pattuglie addette al controllo accettano le motivazioni esposte degli interessati e, prima di procedere alla denuncia all’autorità giudiziaria penale, trattandosi di reati di notevole gravità, effettuano una valutazione a posteriori attraverso le banche dati ordinariamente utilizzate per le indagini economico finanziarie.

In alcuni casi, i controlli effettuati hanno portato ad esiti inaspettati, convincendo gli investigatori della necessità di denunciare la persona responsabile, secondo i dettami dell’art. 1 del Decreto Legge 23 febbraio 2020, nr. 6 e successive integrazioni e visto quanto stabilito dall’art. 3 comma 4 del prefato dettato normativo e successive modifiche, ai sensi dell’art. 650 del codice penale. 


Condividi la notizia:
25 marzo, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR