--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Lettere - Viterbo - Fabrizio Oddo scrive a Contardo e gli dà una serie di dritte, tra cui devolvere lo stipendio di amministratore alla Caritas

“Faccia il vicesindaco invece di mandare a fanculo Conte…”

Condividi la notizia:

Viterbo - Enrico Contardo

Viterbo – Enrico Contardo

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Gentilissimo Contardo,
lei ricopre il ruolo di vicesindaco della città di Viterbo, vero? 

Mi scusi se glielo chiedo ma ritengo che la mia domanda possa sicuramente portare la sua mente alla realtà e al rispetto del ruolo che lei ricopre. 

Ha fatto vedere che è bravo a fare i conti, adesso: sa quanti sono i viterbesi che non ne avranno bisogno fortunatamente? Sa quanti sono i viterbesi che non ne avranno bisogno perché accedono al reddito di cittadinanza?

Ora, escluso chi non ha bisogno, e quindi teoricamente i soldi a disposizione sono di più, le prossime domande sono: sta strutturando un piano di azione complementare? Mi spiego, un vicesindaco come lei, un vero politico come lei, eletto da tanti anni dai cittadini della sua città, non stara mica lì ad aspettare i soldi del governo… avrà dato vita a una sua iniziativa personale, avrà creato una cordata per aiutare le famiglie in difficolta. Avrà chiamato a raccolta i propri amici imprenditori per delle raccolte autonome…

Sa, mi preme ricordarle che le famiglie che riceveranno i buoni spesa sono le stesse che molto probabilmente le hanno dato fiducia tramite un voto elettorale e, prima ancora, sono le famiglie che eleggendola, in tutti questi anni, le hanno dato la possibilità di avere un introito economico aggiuntivo e, se fossi in lei, ora contraccambierei la fiducia devolvendolo interamente alla Caritas o a chi si occuperà di queste persone in questo momento storico di emergenza.

Si ricordi che i viterbesi, prima che dal governo, si aspettano un aiuto dai propri amministratori e lei non ha un ruolo da poco, perché… mi dicono sia vicesindaco. Glielo chiedo da cittadino viterbese, da chi paga le tasse per intero, da chi paga la monnezza: non faccia pubblicare “fanculo Conte”, perché lei per primo sta criticando una gestione che lei stesso, per totale mancanza di competenze, non sarebbe capace a gestire e mi creda non c’entra niente il colore politico.

Non pubblichi “fanculo Conte” perché lei – e non solo lei – non ha mai dimostrato interesse vero per questa città, per le sue strade devastate, per i suoi commercianti, per i ragazzi che vanno a scuola tra mille pericoli senza la presenza di un vigile urbano (la invito la mattina a piazza Crispi alle 8 e alle 13), per la totale assenza di strutture sportive idonee, per le scuole che cadono a pezzi, per le strade con marciapiedi impraticabili, per la monnezza che c’è in giro. 

Concludo, caro vicesindaco Contardo. Il suo slogan “fanculo Conte” sa molto di campagna elettorale e quindi, da cittadino, mi sento di darle un consiglio: lasci perdere la sua poltrona e si comporti da vero padre di famiglia perché i viterbesi sono la sua famiglia e lei ha il dovere il proteggerla e accudirla, altrimenti lasci il posto a chi se la sente di farlo. Non sono i suoi slogan ora a permettere a chi non può l’acquisto di un pacco di pasta: si rimbocchi le maniche con i fatti, non con gli slogan.

Bisogna imparare e dimostrare di sapere gestire le cose basilari prima di criticare la gestione di meccanismi sicuramente più grossi di noi. 

È il momento di fare il vicesindaco della città di Viterbo, non il politico e le posso dire una cosa: quando su Tusciaweb leggerò un suo post con scritto “fanculo” e accanto il nome e cognome di un suo collega politico viterbese, perché non ha fatto quello che è stato chiamato a fare dai cittadini viterbesi, verrò da lei e sarà un piacere offrirle un caffè. 

Cordiali saluti. 

Fabrizio Oddo


Articoli: Contardo: “Conte & Company, ma andate affanculo”  Benedetti e Prosperi (Pd): “Gli attacchi di Contardo e di altri esponenti della Lega sono gravi e inaccettabili” – Ricci, Serra, Delle Monache e Frittelli “Contardo si dimetta e devolva il suo stipendio di 40mila euro all’emergenza sanitaria…” – Barelli (Viva Viterbo): “È inaccettabile, Contardo si dimetta per ridare dignità alla nostra città”


Condividi la notizia:
30 marzo, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR