--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Coronavirus - Viterbo - Lo propone Luisa Ciambella (Pd) con una lettera ai sindaci della provincia

“Facciamo tamponi a tutti i pazienti e personale di Rsa e case di riposo”

Condividi la notizia:

Luisa Ciambella

Luisa Ciambella

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – La vicenda dell’epidemia Covid-19 sta causando una perdita ad oggi di circa 8mila persone. Uomini e donne che in grandissima prevalenza sono anziani, che rappresentano quelle generazioni che si sono sacrificate per costruire questo nostro grande paese, e ne rappresentano la memoria storica.

Questa terribile epidemia rischia di cancellare questa generazione. Non possiamo consentirlo. I nostri anziani meritano che venga fatto il massimo dello sforzo dal punto di vista della prevenzione e della cura.

La lettura dei giornali ci consegna ogni giorno i rischi che la comunità di anziani corre quotidianamente. Per questo per intervenire e fare il tampone non possiamo attendere che il virus ne contagi uno e che questo diventi sintomatico. A quel punto sarebbe troppo tardi.

La nostra provincia ha un numero ben definito di case di riposo e di Rsa che è necessario vengano poste in totale sicurezza. Per realizzare tutto ciò è necessario effettuare i tamponi su tutti i degenti e su tutto il personale che vi opera. E’ altresì importante che le case di riposo e le Rsa si muniscano di termo – scanner per l’accesso del visitatore.

Per quanto riguarda i tamponi, le Rsa e le case di riposo dopo il primo intervento dell’azienda sanitaria potrebbero con modica spesa munirsi di rilevatori a lettura rapida per individuare i soggetti negativi al virus, rilevatori che hanno un’ affidabilità del 100%. L’Istituto superiore ha già autorizzato questi dispositivi.

In questo modo sarebbe sempre monitorata la comunità degli anziani e degli operatori circoscrivendo con estrema rapidità i rischi di positività.

Egregio signor sindaco, siamo tutti consapevoli che gli anziani sono portatori di più patologie concomitanti e per questo a rischio. Proprio per questo l’azienda sanitaria, quando interviene sui nuclei familiari con soggetto positivo al Covid-19, in presenza di soggetto anziano all’interno della famiglia deve sempre effettuargli il tampone.

Sono certa che condividerai con me la necessità di porre con forza questa richiesta all’azienda sanitaria e ai proprietari delle Rsa e delle case di riposo.

Tuteliamo i nostri nonni. È possibile farlo ora, soprattutto vista la situazione attuale del contagio nella nostra provincia, e se lo facciamo otterremo risultati positivi  importanti.

Luisa Ciambella


Condividi la notizia:
26 marzo, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR