--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Emergenza Coronavirus - Esposto di Egidio Gubbiotto, segretario provinciale Confael, che chiede di vigilare

“Operatori del Cup sprovvisti dei dispositivi di protezione individuale”

Condividi la notizia:

Viterbo - Egidio Gubbiotto

Viterbo – Egidio Gubbiotto

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo la nota del segretario provinciale Confael Egidio Gubbiotto al direttore Spresal, alla direzione territoriale dell’ispettorato del lavoro con oggetto la richiesta di verifica ispettiva.

 – Sono pervenute e pervengono, alla scrivente organizzazione sindacale, segnalazioni da parte di dipendenti, dell’azienda Gpi che gestisce le attività del Cup della Asl di Viterbo richieste di intervento sindacale a tutela della loro sicurezza e salute.

Ebbene l’azienda in questione ci risulta essere quella che non ha avuto riflessioni sulla riduzione degli stipendi dei dipendenti, appena entrata a gestire tale servizio.

E’ noto a tanti che gli operatori del Cup sono esposti continuamente al pubblico durante l’orario di servizio e, come anche da noi notato, nel loro ambiente, totalmente scoperto se non da un vetro antistante la postazione, transitano operatori sanitari per vari motivi che non riteniamo evidenziare.

A nostro parere, detti dipendenti potrebbero risultare esposti al rischio di infezione, specialmente in questo triste periodo che è stato colpito dal Covid-19 (Coronavirus).

Da quanto accertato, gli operatori sono sprovvisti di qualsivoglia dispositivo di protezione individuale, come mascherine e guanti.

Non essendo nostro compito e/o diritto di poter accertare la regolarità del rispetto della normativa sulla sicurezza della salute dei lavoratori, si chiede, agli organi di vigilanza di cui agli indirizzi, di verificare se e come esiste un documento di valutazione dei rischi e nello specifico sull’esposizione al rischio biologico, quindi della possibilità di infezioni che potrebbero mettere in pericolo sia la vita dei lavoratori stessi che degli utenti.

Con l’auspicio di un sollecito intervento delle autorità di vigilanza, si resta in attesa di risposta scritta atta a garantire la salute e la tranquillità degli operatori e degli utenti. 

 Egidio Gubbiotto
Segretario provinciale Confael

 

 


Condividi la notizia:
24 marzo, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR