--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Agricoltura - Si chiama gli "Olivi di Etruria" e nasce dall'intuizione di Pierluigi Presciuttini

Un’associazione per recuperare gli oliveti abbandonati

Condividi la notizia:

Viterbo - Gli olivi di etruria

Viterbo – Gli olivi di etruria

Viterbo - Gli olivi di etruria

Viterbo – Gli olivi di etruria

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – In Terra di Tuscia nasce la prima associazione di promozione sociale dedicata al recupero degli oliveti abbandonati “Gli olivi di Etruria”.

Tutto è iniziato nel 2016, quando un agricoltore e produttore di olio evo, Pierluigi Presciuttini, con il suo frantoio a Montefiascone, in provincia di Viterbo, ha avuto un’intuizione: perché piantare nuovi olivi e aspettare anni e anni che crescano prima di raccogliere i loro frutti?

La risposta l’ha trovata nelle oltre 100mila piante abbandonate in terra di Tuscia. Da lì è partita la sua avventura, pianta dopo pianta, è arrivato a recuperarne oltre 3.500. Alla tenacia e perseveranza di Pierluigi si sono aggiunti altri 6 amici dando recentemente vita all’associazione di promozione sociale “Gli olivi di Etruria Aps” che si prefigge di recuperare il patrimonio olivicolo ed oleario dell’Etruria intera, attraverso manifestazioni, degustazioni, corsi di assaggio ed iniziative gastronomiche legate al mondo dell’olio di eccellenza.

E come funziona? I proprietari terrieri che non riescono più a gestire i propri campi troveranno un validissimo aiuto, da parte degli associati, per il ripristino o la normale conduzione dei propri oliveti. Potranno diventare soci oppure rimanere esterni all’associazione, ottenendo enormi vantaggi in entrambi i casi.

Anche chi non è proprietario può contribuire fattivamente al successo dell’Associazione, prendendo in adozione una o più piante abbandonate per avere la sicurezza che l’olio prodotto da questo recupero sia tracciato dalla zona di provenienza e totalmente sostenibile. L’olio evo ottenuto da queste piante sarà un prodotto di eccellenza, nutraceutico e fondamentale nella cucina mediterranea, recentemente promosso a farmaco dalle autorità statunitensi e inoltre tutto italiano.

Gli olivi di Etruria


Condividi la notizia:
18 marzo, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR