--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Coronavirus - Roma - Interviene Stefano Fiori, presidente della sezione industria del turismo e del tempo libero di Unindustria

“Chiediamo alla sindaca Raggi di annullare il riversamento del contributo di soggiorno”

Condividi la notizia:

L'assemblea di Unindustria

L’assemblea di Unindustria

Roma – “Gli impatti drammatici del Coronavirus stanno incidendo in maniera devastante sul settore turistico, che è uno dei driver fondamentali dell’economia di Roma e del Lazio” dichiara Stefano Fiori, presidente della sezione industria del turismo e del tempo libero di Unindustria.

Di fronte a una situazione eccezionale bisogna intervenire con misure altrettanto eccezionali per dare immediatamente un aiuto concreto al settore – continua –. Chiediamo alla sindaca Virginia Raggi di annullare il riversamento degli importi del contributo di soggiorno maturati nei primi tre mesi del 2020 da parte delle strutture alberghiere, in modo tale che gli stessi importi rimangano a totale disposizione degli alberghi.

Questa deve essere una misura una tantum perché Unindustria è da sempre convinta che il contributo di soggiorno debba essere totalmente reinvestito per dare più servizi di qualità a cittadini, imprese e turisti. Ci troviamo difronte ad un’emergenza senza precedenti che sta condizionando pesantemente la sopravvivenza del nostro tessuto produttivo cittadino e regionale. Ci auguriamo che tali provvedimenti possano essere adottati anche dagli altri comuni del Lazio che si trovano nelle stesse condizioni della Capitale.

Data la situazione di estrema difficoltà che coinvolge imprese e lavoratori è necessario intervenire tempestivamente. Questo provvedimento, infatti, da parte del Comune rappresenterebbe nell’immediato un’importante boccata di ossigeno per il sistema alberghiero di Roma che è in una situazione drammatica, considerando che il 90 percento delle strutture alberghiere è chiusa in conseguenza della diffusione dell’epidemia”.


Condividi la notizia:
1 aprile, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR