Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sport - Pallavolo - Serie B - La delusione del presidente Santini dopo l'azzeramento di tutti i campionati da parte della Fipav: "Una decisione affrettata che vanifica mesi di sacrifici"

“Ingiusto cancellare i risultati della stagione, il futuro della Junior volley è incerto”

di Alessandro Castellani
Condividi la notizia:

Volley - Scarabeo Civita Castellana - Francesco Santini

Volley – Scarabeo Civita Castellana – Francesco Santini

Civita Castellana – “Una doccia fredda”. Così il presidente della Junior volley Civita Castellana Francesco Santini definisce l’annuncio di mercoledì sera della Federazione italiana pallavolo di azzerare completamente tutti i campionati della stagione in corso. La squadra rossoblù era in testa al girone F della serie B e puntava apertamente alla promozione in A3. Un sogno cancellato dalla pandemia di Coronavirus.

Santini, si aspettava questa decisione da parte della Fipav?
“Assolutamente no, e devo dire che la condivido solo in parte. La sospensione definitiva dei campionati è sacrosanta, visto che ormai è aprile inoltrato e siamo ancora lontani dal poter tornare a fare attività in sicurezza. Però non trovo giusto aver azzerato completamente tutto quello che era stato fatto fino al momento dell’emergenza sanitaria. Di fatto, sono stati buttati all’aria mesi e mesi di gare ufficiali, a tutto svantaggio di chi fino a quel momento aveva lavorato meglio degli altri”.

Lei cosa aveva proposto?
“Noi non abbiamo parlato direttamente con la federazione, ma siamo convinti che sarebbe stato più giusto trovare comunque un modo di emettere verdetti di promozioni e retrocessioni. Si era giocata ormai più di metà stagione, i valori in campo erano venuti fuori in maniera chiara e c’erano tante possibilità per dare un senso a quello che era stato fatto fino a quel momento. Così, invece, è come se non fosse successo nulla. E non è giusto”.

Però la Lega serie A aveva già deciso di non far retrocedere nessuna squadra, per cui non c’erano abbastanza posti disponibili in A3 per tutte le vincitrici dei gironi di serie B.
“Il mondo dello sport patisce e patirà tantissimo la crisi post-Coronavirus, tante società attualmente non possono fare programmi sul futuro. Attendere qualche altro mese prima di valutare come riorganizzare i prossimi campionati avrebbe fatto comodo a tutti. Invece, con questa decisione affrettata, è stata chiusa ogni prospettiva per le società più meritevoli di veder ricompensata una stagione di sforzi, sia fisici che economici”.

A proposito di aspetto economico, c’è qualche possibilità di recuperare il danno?
“A inizio stagione abbiamo fatto investimenti importanti con l’obiettivo chiaro di salire in serie A, e con questi programmi avevamo ottenuto fiducia dagli sponsor. Ora come si fa a tornare da loro e dire ‘l’anno scorso abbiamo scherzato, ricominciamo da capo’? Non lo so, è difficile immaginare di ripartire come se niente fosse, anche perché nel frattempo le aziende si sono ritrovate problemi enormi da gestire”.

E adesso quale sarà il futuro della Junior volley?
“In questo momento non sono in condizioni di fare alcun tipo di dichiarazione a riguardo: stiamo attraversando una fase drammatica, per tanti motivi, e la decisione della Fipav è arrivata come un’ulteriore mazzata. Una mazzata doppia, se si pensa che eravamo in testa anche al campionato di Prima divisione”.

C’è il rischio addirittura che la società non vada avanti?
“Ripeto, allo stato attuale delle cose non c’è una risposta certa a questa domanda”.

Alessandro Castellani

 


Condividi la notizia:
10 aprile, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR