- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

“La confessione di Landolfi in carcere? La procura saprà valutare i supertestimoni”

Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]

Andrea Landolfi [3]

Andrea Landolfi – Imputato di omicidio

La richiesta di colloquio del supertestimone al pm Franco Pacifici [4]

La richiesta di colloquio del supertestimone al pm Franco Pacifici

Serena Gasperini [5]

L’avvocato Serena Gasperini – E’ il nuovo difensore col collega Daniele Fabrizi

Il Giallo di Ronciglione alla Vita in diretta - Maria Sestina Arcuri [6]

Il Giallo di Ronciglione alla Vita in diretta – La vittima Maria Sestina Arcuri

Ronciglione – (sil.co.) – “La confessione di Landolfi in carcere? La procura saprà valutare i supertestimoni”. Prendono per la prima volta posizione i nuovi difensori di Andrea Landolfi Cudia, gli avvocati Serena Gasperini e Daniele Fabrizi.

Gasperini e Fabrizi sono stati nominati circa una settimana fa (al posto del legale Giacomo Marini, che a sua volta aveva preso il posto del collega Luca Coccocia) dal trentenne romano a processo davanti alla corte d’assise del tribunale di Viterbo per l’omicidio della fidanzata precipitata dalle scale di casa della nonna, a Ronciglione, la notte tra il 3 e il 4 febbraio 2019. 

In base alle informazioni in possesso di Tusciaweb, Landolfi, durante un colloquio che potrebbe essere stato ripreso dalla videosorveglianza del carcere romano di Regina Coeli, dove è detenuto dallo scorso 25 settembre, avrebbe fornito per la prima volta una ricostruzione dei fatti diversa rispetto alla versione secondo cui la coppia sarebbe rotolata insieme dalle scale mentre stavano scherzando. Secondo quanto riportato ieri da Leggo, i supertestimoni sarebbero addirittura due, entrambi detenuti a Regina Coeli. E lo avrebbero sentito confessare il delitto. 

 “Il nostro assistitio – dicono gli avvocati Daniele Fabrizi e Serena Gasperini sull’Osservatore d’Italia di oggi  – non ha nella maniera più assoluta pronunciato tali parole a chicchessia tantomeno a questi presunti supertestimoni. Invitiamo i media ad approfondire di più su questa confessione che ha tutte le caratteristiche della fake news. La procura di Viterbo, di suo, saprà bene come valutare questi testimoni”.

“Intanto noi difensori insieme ai nostri consulenti proseguiamo a lavorare per affrontare un importante e delicato processo nel rispetto di tutte le posizioni processuali. Per tutto il resto c’e la magistratura. Qui non siamo al circo”, scrive su Facebook l’avvocato Gasperini..

Come pubblicato da Tusciaweb, risale al primo aprile la richiesta di colloquio al pubblico ministero Franco Pacifici da parte di una persona informata dei fatti che sostiene di avere sentito con le sue orecchie Andrea Landolfi fare delle ammissioni durante un colloquio in carcere.

 “Chiedo colloquio con la S.V. ill.ma, dott. Franco Pacifici per rivelazioni importanti inerenti al procedimento in corso nei confronti di Landolfi Cudia Andrea, accusato di omicidio della fu Maria Sestina Arcuri, a me noti, rivelatemi dallo stesso Landolfi nell’istituto penitenziario”, si legge nella richiesta di interrogatorio inviata ieri, tramite carabinieri, al pubblico ministero della procura della repubblica di Viterbo. 

Ieri, come riferito dal giornalista Emilio Orlando su Leggo, è venuto fuori che i testimoni sarebbero due.“L’ho afferrata e scaraventata per le scale. Non mi sono controllato, stavamo litigando a causa della gelosia ed eravamo ubriachi”, avrebbe rivelato Landolfi, secondo quanto riportato, a due detenuti del cosiddetto “repartino” di Regina Coeli.

Adesso spetterà alla procura sentire, se lo riterrà opportuno, i presunti supertestimoni e nel caso valutare l’attendibilità delle loro dichiarazioni. Il processo, emergenza Coronavirus permettendo, riprenderà il prossimo 27 aprile davanti alla corte d’assise presieduta dal giudice Gaetano Mautone, a latere Roberto Colonnello.


Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]
  • Tweet [7]
  • [1]
  • [2]