--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civita Castellana - Lo dichiara Augusto Ciarrocchi, presidente della sezione ceramica di Unindustria e presidente della Ceramica Flaminia

“Le aziende del distretto garantiscono standard di sicurezza, chiediamo al governo di ripartire”

Condividi la notizia:

Augusto Ciarrocchi

Augusto Ciarrocchi

Civita Castellana – “Molte aziende del distretto Ceramico di Civita Castellana potrebbero riaprire subito i propri cancelli rispettando rigorosamente tutti gli standard di sicurezza previsti dal governo per i lavoratori. In questo modo già nei prossimi giorni potremmo far tornare al lavoro circa 700 persone, su un totale complessivo che è di 2mila unità.

Il Distretto di Civita Castellana è una vera eccellenza italiana e circa il 45% del proprio fatturato viene realizzato in Europa e nel mondo. Il rischio concreto che si sta correndo, se stiamo fermi, è quello di perdere rilevantissime quote di mercato, che poi difficilmente potrebbero essere riconquistate.

Auspichiamo fortemente che il Governo prenda in considerazione questo nostro accorato grido di allarme””.

Lo dichiara Augusto Ciarrocchi, Presidente della Sezione Ceramica di Unindustria e Presidente della Ceramica Flaminia.

 


Condividi la notizia:
3 aprile, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR