Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - Battaglia tra maggioranza e opposizione sulla convocazione dell'assise, buoni pasto e regolamento della polizia locale – Scontro interno all'amministrazione tra l'assessora Chiatti e il capogruppo Leonardi

Mascherine, distanze e bagarre in consiglio comunale

di Michele Mari
Condividi la notizia:

Montefiascone - Il minuto di silenzio in consiglio comunale

Montefiascone – Il minuto di silenzio in consiglio comunale

Montefiascone - Il consiglio comunale - La maggioranza

Montefiascone – Il consiglio comunale – La maggioranza

Montefiascone - Il consiglio comunale - L'opposizione

Montefiascone – Il consiglio comunale – L’opposizione

Montefiascone - Il consiglio comunale

Montefiascone – Il consiglio comunale

Montefiascone - Il consiglio comunale - L'intervento della comandante Giulia Bassi

Montefiascone – Il consiglio comunale – L’intervento della comandante Giulia Bassi

 

Montefiascone - Consiglio comunale - Lo scontro tra l'assessora Chiatti e il capogruppo Leonardi

Montefiascone – Consiglio comunale – Lo scontro tra l’assessora Chiatti e il capogruppo Leonardi

Montefiascone – Mascherine, distanze e bagarre in consiglio comunale. “Armati” di mascherine e guanti e, a debita distanza di sicurezza, ieri i consiglieri hanno tenuto una seduta fiume, dalle 9 alle 15,30 discutendo quindici punti all’ordine del giorno.

Assenti i consiglieri Angelo Merlo e Luciano Femminella.

All’inizio dell’assise tutti in piedi per osservare un minuto di silenzio in ricordo delle vittime del Covid-19.

In apertura il sindaco ha sottolineato che la seduta è “indispensabile per garantire all’ente le risorse finanziare per la gestione dell’emergenza e per consentire i finanziamenti statali per le fasce più deboli”.

L’opposizione, fin dalle prime battute, è intervenuta scontrandosi con la maggioranza.

“Oggi è stato convocato il consiglio comunale – ha detto Luciano Cimarello (La città nuova) – in seduta pubblica ma l’emergenza non permette ai cittadini di poter venire in aula. Dovevate utilizzare i mezzi tecnologici a disposizione per permettere che la seduta fosse pubblica”.

La minoranza ha chiesto all’amministrazione chiarimenti sulla gestione dell’emergenza Covid-19 in particolare in materia di buoni spesa consegnati alla popolazione.

“Noi come opposizione – ha aggiunto Cimarello – abbiamo fatto la richiesta d’accesso agli atti per l’elenco delle persone che hanno fatto domanda dei buoni. Io credo che quell’elenco, appena conclusi i termini, poteva essere messo alla conoscenza dell’opposizione”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche i consiglieri Rosita Cicoria (M5s), Augusto Bracoloni (Lega) e Giulia Moscetti (La città nuova).

“Le modalità dell’erogazione di questi buoni – ha aggiunto Giulia Moscetti – sono dubbie, infatti ci sono state file e file di persone davanti al comune. Questo è il rispetto per la gente che ha bisogno? In altri comuni le domande sono state fatte con modalità on line”.

Il sindaco ha risposto che l’elenco è stato chiesto anche dalla prefettura che ha dato la possibilità di consegnarlo entro il 20 aprile mentre la vicesindaca Celeste ha spiegato le modalità di erogazione dei buoni alla cittadinanza.

L’assise ha approvato con i voti della maggioranza il piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari, la verifica aree e fabbricati da destinarsi alla residenza e alle attività produttive e il programma triennale delle opere pubbliche 2020-2022.

Approvati, sempre con i voti della maggioranza, anche il nuovo regolamento delle entrate tributarie, le modifiche e integrazioni al regolamento Tari e la nota di aggiornamento al documento unico di programmazione.

Su questo ultimo punto è nato lo scontro, tutto interno alla maggioranza, tra l’assessora Rita Chiatti e il capogruppo Sandro Leonardi. L’assessora ha sottolineato alcune “mancanze” negli obiettivi dei suoi assessorati votando insieme all’opposizione.

Poi i consiglieri hanno discusso il bilancio di previsione e la relativa variazione approvata con nove voti favorevoli, cinque contrari e un astenuto.

“In una situazione d’emergenza – ha detto Rosita Cicoria (M5s) – approviamo un bilancio con dati falsati dalla situazione in atto. Oggi stiamo qui a parlare del nulla”.

Poi un nuovo scontro tra maggioranza e opposizione sul regolamento della polizia locale in cui è dovuta intervenire, per chiarire la situazione, la comandante della polizia municipale Giulia Bassi.

Su questo punto la seduta è stata sospesa per cinque minuti, viste le perplessità della minoranza e maggioranza su alcuni articoli del regolamento.

Lo stesso assessore Massimo Ceccarelli ha chiesto il ritiro del punto. Ma la maggioranza ha bocciato la proposta e ha approvato il regolamento.

Poi la trattazione degli argomenti all’ordine del giorno è continuata con il regolamento polizia urbana, l’adozione del regolamento edilizio comunale, l’annullamento in autotutela della deliberazione del consiglio comunale numero 41 del giugno 2019.

Sugli ultimi punti è nato un nuovo scontro interno alla maggioranza.

Infatti sull’adesione al comitato geotermia, promosso da Rita Chiatti, il capogruppo Sandro Leonardi, la vicesindaca Orietta Celeste, l’assessore Fabio Notazio e il consigliere Rossano Capocecera si sono astenuti.

Scontro che si è acutizzato al punto successivo.

Infatti sull’approvazione del comune “amico delle api” il capogruppo ha chiesto il ritiro dell’argomento ma la richiesta è stata bocciata dall’assise comunale. A questo punto Leonardi, Notazio e Capocecera hanno votato contro la loro stessa maggioranza e la vicesindaca Orietta Celeste si è astenuta. Punti che sono stati comunque approvati con i voti della minoranza.

Infine l’ultimo punto all’ordine del giorno sul decreto espropriativo di un’area in località Fontanelle è stato approvato dalla maggioranza orfana dell’ala “leonardiana” che intano era uscita dall’aula grazie al voto di Augusto Bracoloni.

Un consiglio che passerà alla storia per le distanze, le mascherine e i guanti ma anche per gli scontri interni alla stessa maggioranza.

Michele Mari


Aria di crisi: l’assessora Chiatti vota con l’opposizione, l’ira del capogruppo Leonardi


Condividi la notizia:
19 aprile, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR