Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Giallo di Ronciglione - Il trentenne accusato dell'omicidio di Maria Sestina sarà visitato da due psicologhe - La neo-difensore Serena Gasperini: "Il supertestimone torni da dove è venuto"

Processo al palo causa Covid, difesa al lavoro per far uscire dal carcere Andrea Landolfi

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

Andrea Landolfi e Maria Sestina Arcuri

Andrea Landolfi e Maria Sestina Arcuri

Andrea Landolfi

Andrea Landolfi

Serena Gasperini

L’avvocato Serena Gasperini

Claudio Cipollini Macrì alias zio Rocco

Il supertestimone Claudio Cipollini Macrì alias zio Rocco

Ronciglione – Giallo di Ronciglione, il Covid continua a fare strage di udienze. Salta anche quella di lunedì 27 aprile e presumibilmente salterà anche quella già fissata per l’11 maggio, per cui, se va bene, si tornerà in aula il prossimo 25 giugno, data in cui dovrebbero fare la loro prima uscita pubblica al tribunale di Viterbo i nuovi difensori di Andrea Landolfi, Serena Gasperini e Daniele Fabrizi, subentrati a Giacomo Marini alla fine di marzo.

Nel frattempo, ancora nel pieno dell’emergenza Coronavirus, stanno lavorando per chiedere che il trentenne romano, accusato dell’omicidio volontario della fidanzata Maria Sestina Arcuri, venga fatto uscire da Regina Coeli, dove è recluso dal 25 settembre, e che la misura di custodia cautelare in carcere venga sostituita con una misura alternativa. 

Proprio in questi giorni hanno ottenuto il via libera da parte del presidente della corte d’assise, giudice Gaetano Mautone, all’ingresso in carcere di due consulenti di parte che dovranno valutare da un punto di vista psicologico la personalità dell’imputato.

Con l’occasione l’avvocato Serena Gasperini, nominata alla vigilia della comparsa del supertestimone cui Landolfi avrebbe fatto delle ammissioni in carcere, torna ad attaccare Claudio Cipollini mettendo in discussione il ruolo avuto da zio Rocco, come lo chiamano i detenuti, nell’ambito dell’intera vicenda. 

Avvocato Serena Gasperini, state lavorando a un’istanza per far uscire dal carcere Andrea Landolfi?
“Stiamo lavorando. Intanto ho presentato istanza alla corte e sono stata autorizzata a far fare ingresso alle mie consulenti in carcere, affinché possano valutare globalmente e sotto tutti i profili il Landolfi. Sono consulenti in fase cautelare, due psicologhe, una delle quali con specializzazioni diverse, per fare una valutazione, una ricostruzione della personalità di Andrea, anche sotto il profilo della testistica. Una consulenza seria, da allegare alla successiva istanza, prima della quale vogliamo capire di che cosa, di che tipo di sostegno Andrea ha bisogno”.

Ci risulta che in carcere Landolfi abbia tentato più volte di togliersi la vita…
“Tre volte. Non dimentichiamoci che tre tentati suicidi non sono una banalità. Il ragazzo sta vivendo una carcerazione da innocente. E in base ai nostri principi, non dovrebbe proprio stare in carcere.A tal proposito, sebbene poi la cassazione abbia confermato il provvedimento del riesame, non dimentichiamo che un gip, Francesco Rigato, con gli stessi elementi su cui si è basto il tribunale della libertà aveva evidenziato che si trattava di un incidente e che un altro gip di Viterbo quando ha dovuto far prorogare le intercettazioni evidenziò che non era ancora neanche chiaro se si trattasse di delitto o meno. Questa è la misura del fatto che siamo già in presenza di una situazione assolutamente non chiara, di spiegazioni alternative”. 

Perché il suo assistito è finito in carcere a distanza di oltre sette mesi dal presunto delitto?
“E in carcere perché si è fatto un mini processo alla persona di Andrea non al fatto. E Andrea ovviamente non sopporta bene questa carcerazione. Sfido qualunque soggetto che abbia avuto una disgrazia del genere e che è innocente a stare in carcere. E’ necessario che venga effettuata una approfondita e seria valutazione di Andrea da consegnare poi alla corte e avanzare istanze di misure alternative”.

Tra i consulenti della precedente difesa erano citati anche la sociologa Anna Maria Casale e il professor Alessandro Meluzzi. Ci risulta che la casale abbia rinunciato.
“Sono entrambi nella lista dell’avvocato Giacomo Marini. Mi risulta la nomina della Casale per farle fare accesso al carcere, per eseguire una relazione. Nella lista testimoniale però è stata inserita solo ed esclusivamente perché avrebbe dovuto riferire sull’attività investigativa, non in ambito psicologico. Le circostanze indicate non sono nel suo campo. Meluzzi, invece, relativamente all’ascolto del minore, ma non vi è traccia agli atti della consulenza, del mandato e dell’incarico conferito a Meluzzi. Alla Casale ho inviato una mail dicendole che non avevo intenzione di confermarla a seguito della vicenda mediatica che aveva coinvolto Cipollini e che, volente o nolente, avrebbe comunque influenzato tutto lo staff di cui lui si riteneva coordinatore. La dottoressa Casale mi ha risposto dicendomi che lei era assolutamente estranea da questo soggetto e che comunque data la situazione avrebbe comunicato la sua rinuncia. Quindi la Casale non c’è più e sarà sostituita, come presumo sarà sostituito anche Meluzzi”.

Lei ha duramente attaccato Claudio Cipollini, il presunto supertestimone che lo scorso primo aprile ha chiesto di essere sentito dal pm Franco Pacifici?
“Claudio Cipollini modula le proprie dichiarazioni a seconda dell’interlocutore e dell’effetto che ha sul pubblico. Quando ha scritto al pubblico ministero erano dichiarazioni contro Landolfi, prima era il coordinatore di tutto lo staff difensivo. Dopo di che viene sbugiardato, gli vengono evidenziate tutte le sue condotte in pubblico, il suo falso tesserino, la sua laurea, sulla cui autentictà aspettiamo la conferma da parte del Miur. Una volta si laurea nel 2013, una volta nel 2015, poi pubblica il diploma con l’indicazione della data di laurea a maggio 2015. Anche lui non si ricorda esattamente quando si è laureato. Poi abbiamo il bellissimo tesserino con l’iscrizione a maggio nel 2016 all’ordine degli avvocati. Un genio da premio nobel, perché in 18 mesi sarebbe riuscito a fare pratica forense, l’esame scritto di stato e anche l’orale. Quello che i poveri comuni mortali laureati nelle università impiegano circa tre anni a fare, quando dice bene e va tutto liscio”.

A Tusciaweb non ha mai detto di essere avvocato, ma solo laureato in giurisprudenza, nel 2013, quando era detenuto nel carcere di Rebibbia.
“A Quarto Grado ha detto che il tesserino da avvocato palesemente falso con la sua foto era uno scherzo: ‘Avevo i capelli dritti’. E’ una giustificazione falsa e infantile, perché oltre a essersi dimenticato che sbaglia le date della propria laurea, si dimentica anche che lui ha inviato e pubblicato comunicazioni in cui si qualifica come avvocato, ad esempio una mail a un giornale di Voghera relativamente al carcere di Voghera. Non era uno scherzo goliardico fatto tra quattro detenuti. Era un modo di attestare e di provare che era un avvocato a persone che probabilmente cominciavano ad avere sospetti su questo soggetto, per non perdere quell’entourage e quel gruppetto di contatti carcerari da invitare a nominare il suo avvocato di riferimento, associato alla Legal Consulting. La giustificazione che quel tesserino era uno scherzo, è tanto falsa quanto la sua fedina immacolata”.

Cipollini sostiene che il colloquio con Landolfi è avvenuto sotto le telecamere della videosorveglianza di Regina Coeli.
“Dice anche che questo colloquio è avvenuto nel reparto psichiatrico. Mi chiedo cosa ci facesse Cipollini. Andrea c’era perché aveva tentato tre volte di suicidarsi, lui sembrerebbe non essere un soggetto psichiatrico. Poi, per avvalorare la sua credibilità, dice che è avvenuto sotto le telecamere di videosorveglianza. Faccio un appunto. Ma vogliamo davvero credere che la polizia penitenziaria, attentissima a quello che accade, che sorveglia costantemente qualche determinato soggetto, acquisito questo dato non lo avrebbe immediatamente inviato e depositato agli atti del pubblico ministero? E che immediatamente, senza che il signor Cipollini il primo aprile, al pesce d’aprile, avesse fatto la richiesta di esser sentito dal procuratore, non sarebbe stato acchiappato dal procuratore il pomeriggio stesso dell’invio della telecamera e dell’ascolto? Senza contare il fatto che sta cercando di raccattare qualche soggetto che possa avvalorare la sua fantasiosa ricostruzione”.

Dice che le ammissioni di Andrea risalirebbero allo scorso mese di dicembre…
“Appunto. Sono passati oltre quattro mesi. Dico e ribadisco che quando si hanno delle confessioni o comunque l’assistito dichiara e racconta le cose come sono andate, assumendosi la responsabilità, noi penalisti facciamo le corse a che questa cosa venga messa agli atti, perché i benefici che ha un soggetto che confessa sono enormi, sia sotto il piano delle esigenze cautelari, sia sotto il piano della diminuzione di pena, perché vengono tenuti in altissima considerazione. Vuole dirci che era il coordinatore di uno staff difensivo che avrebbe fatto una scelta a sfavore del proprio cliente? Lui che in largo e lungo ha sempre ribadito che avrebbe dimostrato l’innocenza di Landolfi,  ora dice che era una decisione imposta dalla famiglia. Da quando in qua la linea difensiva tecnica la fa la famiglia?”.

La preoccupano le dichiarazioni di Cipollini?
“Il signor Cipollini deve tornare da dove viene. E’ in detenzione domiciliare con braccialetto, siamo sicuri che il magistrato di sorveglianza sia d’accordo e gli conceda la possibilità di avere contatti con persone che non appartengono al suo nucleo familiari, coi giornali e con la televisione? Tra l’altro durante le sue interviste, anche a Tusciaweb, ha detto di avere avuto una riunione con i parenti di Landolfi. Mi piacerebbe sapere se ha commesso un reato di evasione oppure ha ospitato gente in casa per cui è fatto divieto? E’ sicuro di quello che afferma?”. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
25 aprile, 2020

Cade dalle scale e muore ... Gli articoli

  1. La criminologa Bruzzone: "Inattendibile il figlio di Landolfi, condizionato dalla madre"
  2. Salta l'esame del figlio di Landolfi - La madre: "Non è in grado di rendere testimonianza"
  3. Omicidio Arcuri, tribunale blindato per il figlioletto di Andrea Landolfi
  4. Omicidio Arcuri, il figlioletto di Andrea Landolfi testimone contro il padre
  5. Omicidio Arcuri, riprende oggi il processo con la testimonianza della parrucchiera collega di Sestina
  6. Landolfi: "Sono una persona morta, non ho più anima negli occhi"
  7. Lo psichiatra: "Fittizi i quattro tentativi di suicidio di Andrea Landolfi in carcere"
  8. Omicidio Arcuri, da sciogliere il nodo del supertestimone 32enne di Ronciglione
  9. Riprende il processo per la morte di Sestina, tra i testi dell'accusa un'amica della ex di Landolfi
  10. Sestina, ricoverata in clinica, si è confidata con le parrucchiere del salone dove lavorava
  11. Omicidio Arcuri, il figlioletto di Landolfi "interrogato" dalla madre
  12. Sestina a Andrea otto ore prima della tragedia: "Questa è la nostra prima foto, sei l'amore della mia vita"
  13. In aula risuona la voce di Maria Sestina Arcuri: "Ho solo una vita e viverla così mi spaventa"
  14. Le ex fidanzate del pugile: "Andrea Landolfi quando beve diventa una belva..."
  15. Morte di Sestina, due ex fidanzate pronte a testimoniare contro Andrea Landolfi
  16. La nonna di Andrea Landolfi: "Quel sangue è di quando l'ha buttata giù"
  17. Morte di Sestina Arcuri, la scena del crimine ricostruita in 3D
  18. "Sestina ha avuto uno pneumotorace a Belcolle ed è stata intubata in rianimazione"
  19. "Incompatibili con un rotolamento dalle scale le lesioni riportate da Sestina"
  20. "Sestina aveva gli occhi aperti e respirava regolarmente, ma era incosciente"
  21. Sestina soccorsa quattro ore dopo la caduta, testimoniano operatori del 118 e sanitari di Belcolle
  22. "L'ultima serata di Andrea e Sestina? Video e testimoni raccontano una normale famigliola"
  23. Processo Landolfi, sfilano i primi testi contro il 31enne accusato dell'omicidio della fidanzata
  24. Landolfi all'avventore di un pub: "Saluta Sestina, tanto non la vedi più..."
  25. Morte di Sestina Arcuri, in aula l'audio della telefonata del fidanzato Andrea Landolfi al 118
  26. Omicidio Arcuri, saranno sentiti il 14 maggio i primi testimoni contro Andrea Landolfi
  27. Troppo in televisione, il supertestimone contro Andrea Landolfi rischia di tornare in carcere
  28. "Ci sono già le prove contro Landolfi, non c'è bisogno di un detenuto supertestimone"
  29. Lo zio di Landolfi: "La sera, quando beve, Andrea cambia"
  30. Zio Rocco accusa il pugile Landolfi di omicidio ma poi gli dice: "Andrà tutto bene, ciao campione"
  31. L'ex difensore Giacomo Marini: "Conosco Cipollini, mi ha presentato lui Lanfoldi"
  32. "Voglio parlare col pm, Landolfi mi ha detto di aver buttato Maria Sestina giù per le scale"
  33. "Andrea Landolfi ha detto di avere scaraventato Maria Sestina per le scale"
  34. "La confessione di Landolfi in carcere? La procura saprà valutare i supertestimoni"
  35. "Andrea Landolfi ha confessato l'omicido di Sestina", pronti a testimoniarlo due compagni di cella
  36. "Rivelazioni importanti in carcere", spunta un supertestimone contro Andrea Landolfi
  37. Colpo di scena al processo per la morte di Sestina, Landolfi cambia nuovamente difensore
  38. Landolfi rinuncia, per il Coronavirus slitta il processo
  39. "Stop per Coronavirus del processo a Andrea Landolfi, il legale della nonna viene da Milano"
  40. La mamma di Andrea Landolfi: "Qui a Regina Coeli sta succedendo il bordello"
  41. "Scale pericolose nella Tuscia, la tragica scomparsa di Sestina non è un caso isolato"
  42. Andrea Landolfi: "Sono innocente, faremo venire fuori la verità"
  43. Morte di Sestina Arcuri, la nonna di Landolfi parte civile contro il nipote
  44. Morte di Sestina Arcuri, riprende oggi il processo a Andrea Landolfi
  45. Morte di Sestina Arcuri, si aggrava la posizione della nonna di Andrea Landolfi
  46. "Vieni a Macchiatonda e vediamo chi crepa..."
  47. La mamma di Sestina: "Non mi interessa incontrare la madre di Andrea..."
  48. "La stessa psicologa della procura dice che il figlio di Landolfi non è attendibile"
  49. "Landolfi ha ripulito casa dalle tracce di sangue e vomito lasciate da Maria Sestina"
  50. "Assassina, devi stare in galera come tuo nipote"
  51. La Cassazione: "Maria Sestina Arcuri lanciata dalle scale, non ha potuto difendersi"
  52. "Dal campione di boxe al macellaio della nonna ai superluminari, ecco i testimoni di Landolfi"
  53. "Dal giorno della tragedia, io sono morto insieme a Sestina"
  54. "Morte di Sestina Arcuri, il campione di pugilato Nino Benvenuti tra i testimoni della difesa"
  55. Landolfi incastrato dal figlioletto, Meluzzi consulente
  56. Roberta Landolfi: "Voglio abbracciare la mamma di Sestina"
  57. Andrea Landolfi: "Mio figlio è stato imbeccato per fargli dire che sono colpevole..."
  58. Andrea Landolfi dal carcere: "Non ho ucciso Sestina, sono un uomo generoso e non sono un assassino"
  59. La scala della morte di Sestina Arcuri, nella casa dei misteri…
  60. La madre di Sestina: "E' stato lui a ucciderla" - La madre di Andrea: "Volevano un bimbo"
  61. Morte di Maria Sestina, salta il processo per omicidio al fidanzato
  62. Morte di Maria Sestina Arcuri, al via il processo al fidanzato per omicidio
  63. Morte di Maria Sestina, indagata anche la nonna di Andrea Landolfi
  64. La nonna di Landolfi: "Ho raccolto io Andrea e Sestina, e lei stava bene"
  65. Sì al giudizio immediato, al via a dicembre il processo per omicidio al fidanzato di Maria Sestina
  66. "Morte di Maria Sestina, giudizio immediato per il fidanzato arrestato per omicidio"
  67. Il fidanzato di Maria Sestina Arcuri: "Fu lei a spingermi per le scale"
  68. Accusato dell'omicidio della fidanzata, Andrea Landolfi fa scena muta davanti al giudice
  69. "Andrea Landolfi potrebbe uccidere di nuovo, contro di lui non c'è solo il figlio"
  70. Landolfi a Regina Coeli in attesa dell'interrogatorio di garanzia
  71. In carcere per omicidio volontario il fidanzato di Maria Sestina Arcuri
  72. Landolfi in carcere per omicidio? Ago della bilancia la testimonianza del figlio di 5 anni
  73. Sì o no all'arresto di Andrea Landolfi, col fiato sospeso fino a domani
  74. Andrea Landolfi in carcere? Oggi si decide la sorte del fidanzato di Maria Sestina Arcuri
  75. Andrea Landolfi in carcere? Dopo l'estate la decisione della Cassazione
  76. Arresto di Landolfi, depositato il ricorso in Cassazione
  77. "Questa è l'ultima volta che vedi Maria Sestina..."
  78. "La madre e la nonna avevano paura che Landolfi potesse 'buttare di sotto' anche loro"
  79. Andrea Landolfi: "Ho lanciato Maria Sestina dalle scale"
  80. "Maria Sestina lanciata dalle scale e poi insultata"
  81. "Quello che ha detto il figlio di 5 anni di Landolfi non può valere come prova"
  82. "Il riesame dice che la nonna di Landolfi mente su tutta la linea"
  83. Sì all'arresto di Landolfi, fidanzato di Maria Sestina
  84. I testimoni: "Sestina pronta a lasciare Landolfi, quella notte voleva dormire da sola in albergo"
  85. I Ris per altre 4 ore nella casa della tragedia, sequestrati vestiti sporchi di sangue
  86. Se arriva l'arresto per Landolfi, non sarà immediato
  87. Arresto sì o no, la sorte del fidanzato di Maria Sestina è nelle mani del riesame
  88. "Siamo tranquilli"
  89. Landolfi al 118: "Stavamo giocando e siamo caduti dalle scale, ma la botta più forte l'ho presa io..."
  90. Il figlio di 5 anni di Landolfi: "Ho visto papà buttare Sestina dalle scale"
  91. Ragazza caduta dalle scale, si saprà entro fine mese se il fidanzato sarà arrestato
  92. "Maria Sestina in coma subito dopo la caduta"
  93. "Landolfi in carcere? Non ci sono elementi"
  94. La procura: "Il fidanzato ha ucciso Maria Sestina Arcuri"
  95. Ragazza caduta dalle scale, chiesto l'arresto per omicidio del fidanzato
  96. "Maria Sestina Arcuri volata giù dal pianerottolo delle scale"
  97. "Non incolpo nessuno, voglio sapere cosa è successo a mia sorella"
  98. "Tu con una figlia morta e io con un figlio in galera"
  99. "Sestina non è stata picchiata, ma potrebbe essere stata spinta"
  100. Giallo di Ronciglione, Landolfi indagato anche per omissione di soccorso
  101. "La famiglia Arcuri è distrutta, vuole verità"
  102. "Ho visto Sestina battere la testa, ma non si era fatta nulla..."
  103. "Sestina era il mio amore"
  104. "Andrea caduto dalle scale anche con la ex, ma lui non si fa mai male"
  105. "Ho finito le lacrime, ma ho tanta rabbia"
  106. La ex di Andrea Landolfi: "Mi ha picchiata, tirato i capelli e riempita di morsi"
  107. Cade dalle scale e muore, i Ris per altre cinque ore nella casa della tragedia
  108. "Andrea è ancora in condizioni di affanno psicologico"
  109. "Mio figlio era innamorato, la voleva sposare e avere un bambino da lei"
  110. I Ris tornano nella casa della tragedia, la nonna di Landolfi testimone oculare
  111. "Quei 17 gradini verso la mansarda dove Sestina è caduta..."
  112. "Mia sorella caduta dalle scale? Non ci credo"
  113. “Sestina era irriconoscibile aveva testa e un occhio gonfi"
  114. I Ris per sei ore nella casa della tragedia, sequestrata l'auto della coppia
  115. "Hanno discusso, e lei non era serena..."
  116. Femminicidio o incidente? Fondamentali Ris e autopsia
  117. I vicini: "Quella notte non abbiamo sentito niente"
  118. Donati gli organi della ragazza precipitata dalle scale
  119. Ragazza precipitata dalle scale, il fidanzato indagato per omicidio
  120. Ragazza precipita dalle scale e muore, non si esclude il femminicidio

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR