Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - Il consigliere Luciano Cimarello (La città nuova) critico sulle modifiche del regolamento alla tassa dei rifiuti approvate in consiglio comunale

“Tari, quali utenti pagheranno di più?”

di Michele Mari
Condividi la notizia:

Montefiascone - L'assemblea del Pd - Luciano Cimarello

 Luciano Cimarello

Montefiascone – “Tari, quali utenze pagheranno di più?”. Il consigliere comunale Luciano Cimarello (La città nuova) critico nei confronti dell’amministrazione sulle modifiche al regolamento della tassa sui rifiuti approvate nell’ultimo consiglio comunale.

Nell’assise comunale di sabato mattina, l’amministrazione ha modificato il regolamento della Tari. Tra le maggiori novità c’è la riduzione della tassa per le strutture extralberghiere come casa vacanze e bed and breakfast.

Ma per il consigliere comunale Luciano Cimarello i conti non tornano.

“Le tariffe della Tari – spiega Cimarello – vengono determinate con un piano finanziario dove il totale delle spese deve essere coperto dal totale delle tariffe. È evidente che se una categoria di contribuenti paga meno la differenza è a carico degli altri. Inoltre se viene diminuita la tariffa di alcune attività commerciali quelle delle famiglie deve aumentare”.

Il consigliere si domanda quali saranno le utenze che pagheranno un surplus.

“Allora vorrei sapere – aggiunge Luciano Cimarello – chi sarà che pagherà di più la tassa dei rifiuti? A questa domanda l’assessora Celeste ha risposto: ‘vedremo’. Non è serio. Quando si decide di abbassare la tariffa ad una categoria è doveroso far conoscere chi dovrà sopportare l’aumento. Amministrare vuol dire questo”.

Facendo un passo indietro, durante il consiglio comunale di sabato mattina l’amministrazione ha portato al punto cinque, proprio la modifica del regolamento della Tari.

L’argomento è stato introdotto e spiegato dalla vicesindaca con delega ai tributi Orietta Celeste.

“Oggi modifichiamo il regolamento della Tari – ha spiegato la vicesindaca – approvato il 5 maggio 2014 perché nuove leggi hanno apportato alcune variazioni nella materia. Oggi andiamo a fare tre modifiche”.

La vicesindaca con delega ai tributi ha illustrato al consiglio comunale le tre novità in materia di tassa dei rifiuti.

“La prima modifica – ha illustrato Orietta Celeste – è che in caso di attività ricettive di tipo affitta camere, bed and breakfast, case o appartamenti per vacanze gestite in forma non imprenditoriale ai fini della determinazione della tariffa si considerano come utenze domestiche con un numero di occupanti pari a tre persone. Quindi abbiamo dimezzato la Tari per tutte le strutture extralberghiere presupponendo non più l’occupazione di sei persone per 365 giorni ma di tre. Ci sembra giusto e doveroso dimezzare la Tari per queste attività che lavorano stagionalmente. La seconda novità riguarda l’introduzione di una modifica legislativa per gli italiani residenti all’estero che hanno una casa nel territorio italiano, non concessa in locazione, di avere una riduzione pari a due/terzi. Infine la terza novità è che la giunta avrà una maggiore elasticità per stabilire anno per anno la scadenza dei termini di pagamento”.

Alla vicesindaca ha risposto durante l’assise, proprio il consigliere d’opposizione Luciano Cimarello

“C’è un piano finanziario – ha fatto notare il consigliere – per quanto riguarda la Tari. Quello che si abbassa da una parte lo pagano gli altri. È così per legge. Quindi non si è abbassato niente a nessuno”.

La vicesindaca ha risposto in modo secco: “Vediamo, vediamo…”.

Cimarelllo ha poi chiesto conferma all’assessora Rita Chiatti che ha le deleghe all’ambiente, nettezza urbana, rsu e smaltimento rifiuti.

“Nella Tari – ha detto l’assessora – tanto entra e tanto esce”.

Infine l’assise comunale ha approvato il punto all’ordine del giorno con dieci voti a favore, tre contrari e due astenuti.

Michele Mari


Condividi la notizia:
21 aprile, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR