Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il senatore Francesco Battistoni (Forza Italia) ringrazia Giovanni Bruno per l'opera di sensibilizzazione sulla questione

“Cinghiali, il prefetto portavoce di un problema per il quale la Regione sembra non voler ascoltare”

Condividi la notizia:

Francesco Battistoni

Francesco Battistoni

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Un plauso sentito e sincero al prefetto Giovanni Bruno per l’opera di sensibilizzazione sulla questione dei cinghiali nelle nostre città e nelle nostre campagne.

Il tema è molto sentito dai nostri amministratori locali che ci segnalano con grande regolarità la presenza di animali molto grandi e pericolosi all’interno dei perimetri urbani; in alcuni casi dentro i giardini delle case.

Non dimentichiamoci che questo fenomeno riguarda tutta la nostra provincia; se non si dovessero prendere provvedimenti seri e soprattutto rapidi, la questione rischia di sfuggire di mano. Forza Italia da tempo segnala gravi disagi, anche per gli agricoltori, che subiscono quotidianamente danni irreversibili ai loro raccolti.

L’esempio da seguire c’è ed è quello della Regione Emilia Romagna, che ha aperto la caccia selettiva al cinghiale dal 4 maggio anche agli agricoltori proprietari o conduttori muniti di licenza di caccia.

Ringrazio dunque il prefetto che si è fatto portavoce di un problema per il quale la Regione Lazio sembra non voler ascoltare le problematiche del nostro territorio.

Francesco Battistoni
Vicecoordinatore regionale di Forza Italia Lazio
Rensposanbile nazionale agricoltura del movimento politico di Forza Italia


Condividi la notizia:
27 maggio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR