--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Giornata mondiale contro l'omofobia - L'imperativo del Centro ricerca per la pace: "Agite per la dignità, la libertà e la felicità"

“Nulla è più criminale che opprimere una persona per quello che è…”

Condividi la notizia:

Peppe Sini, responsabile del Centro di ricerca per la pace e i diritti umani

Peppe Sini, responsabile del Centro di ricerca per la pace e i diritti umani

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano a essere vittima per la loro identità e il loro orientamento sessuale non lede solo la loro libertà e dignità di persone, ma viola la libertà e la dignità dell’umanità intera.

Non vi è speranza di liberazione per l’umanità se non si riconosce a ogni essere umano il suo diritto a essere la persona che sente di essere e ad avere le relazioni umane che desidera avere, nel rispetto dell’eguale libertà e dignità di ogni persona.

Nulla è più criminale che opprimere una persona per il semplice fatto di essere la persona che è, per il semplice fatto di amare qualcuno.

Nel lungo cammino che dalla violenza e dal dolore porta alla libertà e alla solidarietà che ogni essere umano riconosce e raggiunge e sostiene e conforta, la lotta contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia, costituisce qui e adesso un impegno cruciale e ineludibile.

Lottare nonviolentemente affinché in tutto il mondo cessino le persecuzioni. 

Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignità, alla solidarietà, al riconoscimento e alla riconoscenza per i doni che ogni umana esistenza arreca all’umanità intera.

Occorre quindi che sia impegno di tutte e tutti la lotta nonviolenta necessaria e urgente affinché in nessun luogo del mondo nessuna persona sia più vittima di pregiudizi, di abusi e di persecuzioni per la sua identità e il suo orientamento sessuale.

Occorre quindi anche che nelle relazioni internazionali le istituzioni sovrannazionali e i paesi retti da ordinamenti democratici e quindi rispettosi dei diritti umani di tutti gli esseri umani premano in modo nitido e intransigente sui governi dei paesi che ancora criminalmente perseguitano persone per la loro identità e il loro orientamento sessuale affinché queste persecuzioni cessino immediatamente. Chi non si oppone a un crimine ne è complice.

Lo stesso impegno che va posto contro la guerra, contro il razzismo, contro il maschilismo, contro qualsiasi forma di oppressione e di schiavitù, va posto contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia.

È già fascista, è già nazista, un paese, un regime e un’ideologia che perseguita un essere umano per la sua identità e il suo orientamento sessuale.

È dovere di ogni persona senziente e pensante e di ogni civile istituto lottare nonviolentemente per far cessare tutti i pregiudizi, tutti gli abusi, tutte le persecuzioni.

È dovere di ogni persona senziente e pensante e di ogni civile istituto impegnarsi per far cessare per sempre l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia; impegnarsi per far cessare per sempre ogni violenza che nega i diritti umani di tutti gli esseri umani, che nega l’umanità dell’umanità.

Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignità, alla solidarietà. Siamo una sola umanità, composta di persone tutte diverse e tutte eguali in dignità e diritti, in un unico mondo vivente casa comune dell’umanità intera. Soccorrere, accogliere, assistere ogni persona bisognosa di aiuto. Rispetto per ogni persona e per l’umanità intera.

Opporsi alla violenza con la scelta della nonviolenza, che è riconoscimento e riconoscenza. Opporsi alla violenza con la scelta della nonviolenza, che è forza della verità. Opporsi alla violenza con la scelta della nonviolenza, che è rispetto per la vita. Opporsi alla violenza con la scelta della nonviolenza: che è vittoria per il mondo vivente tutto. Opporsi alla violenza con la scelta della nonviolenza, che è la forza dell’amore.

In questa giornata riaffermiamo l’umanità dell’umanità. In questa giornata riaffermiamo il dovere di lottare nonviolentemente per inverare i diritti di tutte le persone. In questa giornata riaffermiamo il dovere di agire nei confronti delle altre persone così come vorremmo che le altre persone agissero verso di noi.

Oppresse e oppressi di tutti i paesi, unitevi per la liberazione comune, per il bene comune dell’umanità e dell’intero mondo vivente. Agisci tu contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia. 

Agisci tu per la dignità, la libertà e la felicità di tutti gli esseri umani. Sii tu l’umanità come dovrebbe essere.

Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera


Condividi la notizia:
17 maggio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR