Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Déjà vu - Discussione il 19 maggio - L'imprenditore, una dipendente e un pugliese sono accusati di associazione per delinquere finalizzata all’evasione fiscale

Supercar col trucco dalla Germania, al rush finale il processo a Elio Marchetti

Condividi la notizia:

Elio Marchetti

Elio Marchetti

Guardia di finanza e Polstrada nella concessionaria

Operazione Déjà vu – Guardia di finanza e Polstrada nella concessionaria di via Mainella

Guardia di finanza e Polstrada nella concessionaria

Operazione Déjà vu – Guardia di finanza e Polstrada nella concessionaria di via Mainella

Viterbo – (sil.co.) – Supercar col trucco dalla Germania, al rush finale il processo a Elio Marchetti. 

Si svolgerà “in presenza” la discussione del processo scaturito dall’operazione Déjà vu del 3 maggio 2017, per la quale l’appuntamento in aula è stato fissato per domani martedì 19 maggio.

Sono passati nel frattempo tre anni da quando l’imprenditore del settore auto Elio Marchetti fu arrestato nel corso di un blitz congiunto di polizia e finanza, assieme a cinque presunti complici tra cui due dipendenti, Carla Corbucci ed Emilia Tiveddu. Gli altri sono Domenico Sordo (responsabile di un’agenzia di pratiche auto di Foggia), Giuseppe De Lucia (a capo di una società di autotrasporti, sempre del comune pugliese) e Simone Girolami (titolare di un’srl con sede fittizia in provincia di Latina). 


Al centro dell’inchiesta 92 supercar

Al centro dell’inchiesta 92 veicoli, tutte supercar, tra le quali Mercedes, una Land Rover e una Jeep da 25mila euro. Le vetture, comprate da due società cartiera di Latina, intestate a due fratelli che facevano tutt’altro nella vita (movimento terra e la gestione di una lavanderia), venivano in realtà scaricate direttamente a Viterbo, di notte, nel piazzale della concessionaria, intestata alla sorella di Elio Marchetti. Marchetti aveva conosciuto Simone Girolami sulle piste di motociclismo, sport praticato da entrambi. 

Marchetti, nell’ambito del procedimento in corso, deve rispondere di associazione per delinquere finalizzata all’evasione fiscale sulle vetture di grossa cilindrata importate dall’estero in concorso con la dipendente Carla Corbucci e l’imprenditore pugliese Domenico Sordo, titolare dell’agenzia di pratiche auto di Foggia coinvolta nell’inchiesta. Corbucci è difesa da Michele Ranucci e Giuliano Migliorati, Sordo dall’avvocato Francesco Paolo Ferragonio del foro di Foggia. Fuori dal processo principale gli altri due arrestati e l’altra dipendente di Marchetti. 

Lo scorso 17 settembre, davanti al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei, è stato sentito dai difensori Roberto Massatani e Marco Valerio Mazzatosta il commercialista viterbese Lorenzo Ciorba, secondo il quale ci sarebbero diverse lacune nelle carte dell’inchiesta, che ha portato gli investigatori in Germania, dal fornitore tedesco di Marchetti, Adrian Glowats, gestore della First Trade, anche lui indagato, la cui posizione è stata stralciata dal filone principale.


Esattamente un anno fa le prime condanne

Un anno fa, il 6 maggio 2019, Girolami è stato condannato a sei mesi in continuazione con l’abbreviato in quanto presunto prestanome. E lo stesso giorno, il gup Francesco Rigato, sempre con lo sconto di un terzo della pena, ha condannato a due anni e mezzo il pugliese Giuseppe De Lucia, un pregiudicato di Foggia che l’imprenditore viterbese potrebbe non avere mai incontrato. L’uomo avrebbe sbrigato le pratiche all’agenzia delle entrate del capoluogo pugliese in cambio di una ricompensa. Ma Marchetti ha sempre negato di averlo mai incontrato. 

“Mi appoggiavo ad altre società perché in quel periodo io non potevo importare”, ha spiegato Elio Marchetti nel lungo interrogatorio cui si è sottoposto il 19 marzo 2019. “Ordinavo le auto al broker tedesco presso il quale mi fornivo, appoggiandomi ad altre società, perché in quel periodo non potevo importare vetture dall’estero, essendomi stato revocato il permesso nel 2013-2014 “, ha spiegato l’imprenditore, che in seguito ai guai giudiziari derivanti dall’operazione Red Zoll del 2014 si era trovato in difficoltà nel gestire le sue attività nel settore auto.

Io avevo contatti col fornitore e col cliente finale, le società effettuano i bonifici al posto mio. Con Simone Girolami ci conoscevamo da 30 anni, abbiamo avuto anche un team insieme, lui a Latina aveva una concessionaria di moto e una lavanderia industriale, mentre il fratello si occupava di edilizia. Il suo margine di guadagno era del 2-3 per cento per ogni auto”, ha proseguito. “Le pratiche per la nazionalizzazione, invece, le facevamo presso l’agenzie delle entrate e la motorizzazione di Foggia, tramite un’agenzia di pratiche auto locale, perché giù bastavano un paio di settimane, mentre a Viterbo ci volevano due-tre mesi”, ha sottolineato, interrogato dai pm Stefano D’Arma e Eliana Dolce. 


Condividi la notizia:
18 maggio, 2020

Operazione Déjà vu ... Gli articoli

  1. Supercar col trucco dalla Germania, Elio Marchetti condannato a 5 anni e 4 mesi
  2. Impianto elettrico in tilt, slitta al 10 luglio la discussione del processo Marchetti
  3. Sta male uno dei coimputati, salta la sentenza del processo a Elio Marchetti
  4. "Marchetti ha una lunga storia criminale, caratterizzata da reati e da un'evasione fiscale colossale"
  5. Sequestrati soldi e beni per 4,5 milioni di euro a Elio Marchetti
  6. Maxiconfisca da 4 milioni a Elio Marchetti, dietro c'è la maxievasione sulle supercar dall'estero
  7. Sequestri e confische per oltre 4 milioni di euro, ancora guai per l'imprenditore Marchetti
  8. "Supercar dalla Germania, le fatture vanno acquisite dal fornitore tedesco"
  9. Supercar col trucco da Marchetti, condannati un pugliese e il prestanome di Latina
  10. Supercar dall'estero col trucco, indagato anche il fornitore tedesco di Marchetti
  11. Elio Marchetti, come un fiume in piena, si difende davanti ai giudici
  12. Supercar dalla Germania, Elio Marchetti pedinato dagli investigatori fino in Puglia
  13. "Marchetti importava auto tedesche col trucco tramite le società cartiera"
  14. Supercar col trucco, ecco come funzionava il "sistema Marchetti"...
  15. E' il titolare di una società cartiera il primo teste contro Elio Marchetti
  16. Nuovi guai giudiziari per l'imprenditore Elio Marchetti
  17. Giro di auto dall'estero, Elio Marchetti torna in libertà
  18. Supercar col trucco, ai domicilari da oltre sei mesi Marchetti chiede revoca
  19. Supercar dall'estero col trucco, processo lampo per Elio Marchetti
  20. Elio Marchetti sventa un tentativo di suicidio in carcere
  21. Giro di auto dall'estero, sequestrate le targhe
  22. Evade dai domiciliari, Elio Marchetti in carcere
  23. Frode carosello, confermati i domiciliari dal Riesame
  24. Giro di auto dall'estero, il Riesame prende tempo
  25. Frode carosello, parola al tribunale del riesame
  26. Per prestanome un muratore e il gestore di una lavanderia
  27. Giro di auto dall'estero, difese pronte a ricorrere al Riesame
  28. Evadevano l'Iva per poi spartirsi il bottino
  29. Giro di auto dall'estero, si setacciano le intercettazioni
  30. Giro di auto dall'estero, altri tre indagati
  31. Anche due donne viterbesi tra gli arrestati
  32. Giro di auto dall'estero, interrogatori fiume
  33. Déjà vu, ovvero già vissuto...
  34. "Tutto ruotava intorno a Elio Marchetti..."
  35. Operazione Déjà vu - Arrestato Elio Marchetti
  36. Reati contro il fisco, arrestato Elio Marchetti
  37. Reati contro il fisco, sei arresti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR