Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Coronavirus - Bar, ristoranti, balneazione, alberghi, negozi, piscine e palestre: come sarà la vita dal 18 maggio – Le regole contenute nelle linee d'indirizzo della conferenza delle regioni

Un metro di distanza al ristorante e al mare, due in palestra

Condividi la notizia:

Il tavolo di un ristorante

Il tavolo di un ristorante

Spiaggia - Ombrelloni

Spiaggia – Ombrelloni

Roma – Si dovrà tenere un metro di distanza al mare sotto gli ombrelloni e fra i tavoli al ristorante, mentre salgono a due in palestra per chi utilizza gli attrezzi. Per i mercati si suggerisce un maggiore distanziamento fra i posteggi, ampliando se possibile l’area del mercato

Sono alcune delle linee d’indirizzo per la riapertura delle attività economiche e produttive, uscite dalla conferenza delle regioni e provincie autonome, per la fase 2 dal 18 maggio.

È consigliata la misurazione della temperatura corporea, impedendo l’ingresso a chi ha più di 37,5. Nei locali devono esserci igienizzanti per le mani, quasi sempre le mascherine sono obbligatorie, mentre si consiglia di utilizzare la prenotazione al ristorante, ma anche dal parrucchiere e in spiaggia. Per 14 dovranno essere conservati i nominativi dei clienti che hanno prenotato. 


– Dal 18 spostamenti solo nella regione e dal 3 giugno anche fuori, assembramenti vietati


“Accordo pieno con il governo sulla fase di partenza che prende il via il 18 maggio – spiega il presidente della conferenza delle regioni Stefano Bonaccini – il presidente del consiglio ha espresso un primo orientamento positivo sulla proposta avanzata dalla conferenza delle regioni e delle province autonome, che coniuga responsabilità, sicurezza, flessibilità e autonomia”. 


Nuovo Coronavirus SARS-CoV-2 – Linee di indirizzo per la riapertura delle attività economiche e produttive

RISTORAZIONE
Le presenti indicazioni si applicano per ogni tipo di esercizio di somministrazione di pasti e bevande, quali ristoranti, trattorie, pizzerie, self-service, bar, pub, pasticcerie, gelaterie, rosticcerie (anche se collocati nell’ambito delle attività ricettive, all’interno di stabilimenti balneari e nei centri commerciali), nonché per l’attività di catering (in tal caso, se la somministrazione di alimenti avviene all’interno di una organizzazione aziendale terza, sarà necessario inoltre rispettare le misure di prevenzione disposte da tale organizzazione).

▪  Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione, comprensibile anche per i clienti di altra nazionalità.
▪  Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.
▪  È necessario rendere disponibili prodotti igienizzanti per i clienti e per il personale anche in più punti del locale, in particolare all’entrata e in prossimità dei servizi igienici, che dovranno essere puliti più volte al giorno.
▪  Negli esercizi che dispongono di posti a sedere privilegiare l’accesso tramite prenotazione, mantenere l’elenco dei soggetti che hanno prenotato, per un periodo di 14 giorni. In tali attività non possono essere presenti all’internodel locale più clienti di quanti siano i posti a sedere.
▪  Negli esercizi che non dispongono di posti a sedere, consentire l’ingresso ad un numero limitato di clienti per volta, in base alle caratteristiche dei singoli locali, in modo da assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti.
▪  Laddove possibile, privilegiare l’utilizzo degli spazi esterni (giardini, terrazze, plateatici), sempre nel rispetto del distanziamento di almeno 1 metro.
▪  I tavoli devono essere disposti in modo che le sedute garantiscano il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro di separazione tra i clienti, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale; detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale. Tale distanza può essere ridotta solo ricorrendo a barriere fisiche tra i diversi tavoli adeguate a prevenire il contagio tramite droplet.
▪  La consumazione al banco è consentita solo se può essere assicurata la distanza interpersonale di almeno 1 metro tra i clienti, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale; detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale.
▪  La consumazione a buffet non è consentita.
▪  Il personale di servizio a contatto con i clienti deve utilizzare la mascherina e deve procedere ad una frequente

igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche (prima di ogni servizio al tavolo)
▪  Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni ed escludere totalmente, per gli impianti di condizionamento, lafunzione di ricircolo dell’aria.
▪  La postazione dedicata alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in alternativa il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione gel igienizzante per le mani. In ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche, possibilmente al tavolo.
▪  I clienti dovranno indossare la mascherina tutte le volte che non si è seduti al tavolo.
▪  Al termine di ogni servizio al tavolo andranno previste tutte le consuete misure di disinfezione delle superfici, evitando il più possibile utensili e contenitori riutilizzabili se non igienizzati (saliere, oliere, ecc). Per i menù favorire la consultazione online sul proprio cellulare, o predisporre menù in stampa plastificata, e quindi disinfettabile dopo l’uso, oppure cartacei a perdere.
*La Regione Campania ritiene che la distanza di un metro vada calcolata dal tavolo.

ATTIVITÀ TURISTICHE (STABILIMENTI BALNEARI E SPIAGGE)

Le presenti indicazioni si applicano agli stabilimenti balneari, alle spiagge attrezzate e alle spiagge libere.

▪  Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione, comprensibile anche per i clienti di altranazionalità. Si promuove, a tal proposito, l’accompagnamento all’ombrellone da parte di personale dello stabilimento adeguatamente preparato (steward di spiaggia) che illustri ai clienti le misure di prevenzione da rispettare.
▪  È necessario rendere disponibili prodotti igienizzanti per i clienti e per il personale in più punti dell’impianto
▪  Privilegiare l’accesso agli stabilimenti tramite prenotazione e mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14 giorno.
▪  Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.
▪  La postazione dedicata alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in alternativa il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione gel igienizzante per le mani. In ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche, eventualmente in fase di prenotazione.
▪  Riorganizzare gli spazi, per garantire l’accesso allo stabilimento in modo ordinato, al fine di evitare assembramentidi persone e di assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra gli utenti, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale; detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale. Se possibile organizzare percorsi separati per l’entrata e per l’uscita.
▪  Assicurare un distanziamento tra gli ombrelloni (o altri sistemi di ombreggio) in modo da garantire una superficie di almeno 10 m2 per ogni ombrellone, indipendentemente dalla modalità di allestimento della spiaggia (per file orizzontali o a rombo).
▪  Tra le attrezzature di spiaggia (lettini, sedie a sdraio), quando non posizionate nel posto ombrellone, deve essere garantita una distanza di almeno 1,5 m.
▪  Regolare e frequente pulizia e disinfezione delle aree comuni, spogliatoi, cabine, docce, servizi igienici, etc., comunque assicurata dopo la chiusura dell’impianto.
▪  Le attrezzature come ad es. lettini, sedie a sdraio, ombrelloni etc. vanno disinfettati ad ogni cambio di persona o nucleo famigliare. In ogni caso la sanificazione deve essere garantita ad ogni fine giornata.
▪  Per quanto riguarda le spiagge libere, si ribadisce l’importanza dell’informazione e della responsabilizzazione individuale da parte degli avventori nell’adozione di comportamenti rispettosi delle misure di prevenzione. Al finedi assicurare il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro tra le persone e gli interventi di pulizia e disinfezione dei servizi eventualmente presenti si suggerisce la presenza di un addetto alla sorveglianza. Anche il posizionamento degli ombrelloni dovrà rispettare le indicazioni sopra riportate.
▪  È da vietare la pratica di attività ludico-sportive di gruppo che possono dar luogo ad assembramenti.
▪  Gli sport individuali che si svolgono abitualmente in spiaggia (es. racchettoni) o in acqua (es. nuoto, surf, windsurf, kitesurf) possono essere regolarmente praticati, nel rispetto delle misure di distanziamento interpersonale. Diversamente, per gli sport di squadra (es. beach-volley, beach-soccer) sarà necessario rispettare le disposizioni delle istituzioni competenti.

STRUTTURE RICETTIVE
Le presenti indicazioni si applicano alle strutture ricettive alberghiere, complementari e alloggi in agriturismo.

▪  Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione, comprensibile anche per i clienti di altra nazionalità.
▪  Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.
▪  Garantire il rispetto del distanziamento interpersonale di almeno un metro in tutte le aree comuni e favorire ladifferenziazione dei percorsi all’interno delle strutture, con particolare attenzione alle zone di ingresso e uscita. Sisuggerisce, a tal proposito, di affiggere dei cartelli informativi e/o di delimitare gli spazi (ad esempio, con adesivi da attaccare sul pavimento, palline, nastri segnapercorso, ecc.).
▪  La postazione dedicata alla reception e alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche e gestione delle prenotazioni online, con sistemi automatizzati di check-in e check-out ove possibile.
▪  L’addetto al servizio di ricevimento deve provvedere, alla fine di ogni turno di lavoro, alla pulizia del piano dilavoro e delle attrezzature utilizzate.
▪  Gli ospiti devono sempre indossare la mascherina, mentre il personale dipendente è tenuto all’utilizzo dellamascherina sempre quando in presenza dei clienti e comunque in ogni circostanza in cui non sia possibile garantire la distanza interpersonale di almeno un metro.
▪  Garantire un’ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per l’igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche invarie postazioni all’interno della struttura, promuovendone l’utilizzo frequente da parte dei clienti e del personaledipendente.
▪  Ogni oggetto fornito in uso dalla struttura all’ospite, dovrà essere disinfettato prima e dopo di ogni utilizzo.
▪  L’utilizzo degli ascensori dev’essere tale da consentire il rispetto della distanza interpersonale, pur con lamascherina, prevedendo eventuali deroghe in caso di componenti dello stesso nucleo familiare/gruppo di viaggiatori.
▪  Garantire la frequente pulizia e disinfezione di tutti gli ambienti e locali, con particolare attenzione alle aree comuni e alle superfici toccate con maggiore frequenza (corrimano, interruttori della luce, pulsanti degli ascensori, maniglie di porte e finestre, ecc.).
▪  Per quanto riguarda il microclima, è fondamentale verificare le caratteristiche di aerazione dei locali e degli impianti di ventilazione e la successiva messa in atto in condizioni di mantenimento di adeguati ricambi e qualitàdell’aria indoor.

Per un idoneo microclima è necessario:

▪  garantire periodicamente l’aerazione naturale nell’arco della giornata in tutti gli ambienti dotati di aperture verso l’esterno, dove sono presenti postazioni di lavoro, personale interno o utenti esterni (comprese le auledi udienza ed i locali openspace), evitando correnti d’aria o freddo/caldo eccessivo durante il ricambio naturale dell’aria;
▪  aumentare la frequenza della manutenzione / sostituzione dei pacchi filtranti dell’aria in ingresso (eventualmente anche adottando pacchi filtranti più efficienti);
▪  in relazione al punto esterno di espulsione dell’aria, assicurarsi che permangano condizioni impiantistiche tali da non determinare l’insorgere di inconvenienti igienico sanitari nella distanza fra i punti di espulsione ed i punti di aspirazione;
▪  attivare l’ingresso e l’estrazione dell’aria almeno un’ora prima e fino ad una dopo l’accesso da parte delpubblico;
▪  nel caso di locali di servizio privi di finestre quali archivi, spogliatoi, servizi igienici, ecc., ma dotati diventilatori/estrattori meccanici, questi devono essere mantenuti in funzione almeno per l’intero orario dilavoro;
▪  per quanto riguarda gli ambienti di collegamento fra i vari locali dell’edificio (ad esempio corridoi, zone di transito o attesa), normalmente dotati di minore ventilazione o privi di ventilazione dedicata, andrà postaparticolare attenzione al fine di evitare lo stazionamento e l’assembramento di persone, adottando misureorganizzative affinché gli stessi ambienti siano impegnati solo per il transito o pause di breve durata;
▪  negli edifici dotati di specifici impianti di ventilazione con apporto di aria esterna, tramite ventilazionemeccanica controllata, eliminare totalmente la funzione di ricircolo dell’aria;
▪  Relativamente agli impianti di riscaldamento/raffrescamento che fanno uso di pompe di calore, fancoil, o termoconvettori, qualora non sia possibile garantire la corretta climatizzazione degli ambienti tenendo fermigli impianti, pulire in base alle indicazioni fornite dal produttore, ad impianto fermo, i filtri dell’aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati.
▪  le prese e le griglie di ventilazione devono essere pulite con panni puliti in microfibra inumiditi con acqua e sapone, oppure con alcool etilico al 75%;
▪  evitare di utilizzare e spruzzare prodotti per la pulizia detergenti/disinfettanti spray direttamente sui filtri per non inalare sostanze inquinanti, durante il funzionamento.
▪ Per le attività di ristorazione, si applica quanto previsto nella specifica scheda.

SERVIZI ALLA PERSONA (ACCONCIATORI ED ESTETISTI)
Le presenti indicazioni si applicano al settore della cura della persona: servizi degli acconciatori, barbieri ed estetisti.

▪  Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione.
▪  Consentire l’accesso dei clienti solo tramite prenotazione, mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14 gg.
▪  Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.
▪  La permanenza dei clienti all’interno dei locali è consentita limitatamente al tempo indispensabile all’erogazionedel servizio o trattamento. Consentire la presenza contemporanea di un numero limitato di clienti in base alla capienza del locale (vd. punto successivo).
▪  Riorganizzare gli spazi, per quanto possibile in ragione delle condizioni logistiche e strutturali, per assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione sia tra le singole postazioni di lavoro, sia tra i clienti.
▪  L’area di lavoro, laddove possibile, può essere delimitata da barriere fisiche adeguate a prevenire il contagio tramite droplet.
▪  Nelle aree del locale, mettere a disposizione soluzioni idro-alcoliche per l’igiene delle mani dei clienti e degli operatori, con la raccomandazione di procedere ad una frequente igiene delle mani. Eliminare la disponibilità di riviste e materiale informativo di uso promiscuo.
▪  L’operatore e il cliente, per tutto il tempo in cui, per l’espletamento della prestazione, devono mantenere unadistanza inferiore a 1 metro devono indossare, compatibilmente con lo specifico servizio, una mascherina a protezione delle vie aeree (fatti salvi, per l’operatore, eventuali dispositivi di protezione individuale ad hoc comela mascherina FFP2 o la visiera protettiva, i guanti, il grembiule monouso, etc., associati a rischi specifici propri della mansione).
▪  In particolare per i servizi di estetica, nell’erogazione della prestazione che richiede una distanza ravvicinata, l’operatore deve indossare la visiera protettiva e mascherina FFP2 senza valvola.
▪  L’operatore deve procedere ad una frequente igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche (prima e dopo ogni servizio reso al cliente) e utilizzare camici/grembiuli possibilmente monouso per gli estetisti. I guanti devono essere diversificati fra quelli utilizzati nel trattamento da quelli usualmente utilizzati nel contesto ambientale.
▪  Assicurare una adeguata pulizia e disinfezione delle superfici di lavoro prima di servire un nuovo cliente e una adeguata disinfezione delle attrezzature e accessori. Igienizzazione delle postazioni di lavoro dopo ogni cliente. Assicurare regolare pulizia e disinfezione dei servizi igienici.
▪  Favorire il regolare e frequente ricambio d’aria negli ambienti interni ed escludere totalmente, per gli impianti dicondizionamento, la funzione di ricircolo dell’aria.
▪  Sono inibiti, dove presenti, l’uso della sauna, il bagno turco e le vasche idromassaggio.
▪  La postazione dedicata alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in alternativa il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione gel igienizzante per le mani. In ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche, eventualmente in fase di prenotazione.

COMMERCIO AL DETTAGLIO
Le presenti indicazioni si applicano al settore del commercio al dettaglio.

▪  Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione.
▪  In particolar modo per supermercati e centri commerciali, potrà essere rilevata la temperatura corporea,impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.
▪  Prevedere regole di accesso, in base alle caratteristiche dei singoli esercizi, in modo da evitare assembramenti e assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti.
▪  Garantire un’ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per l’igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche,promuovendone l’utilizzo frequente da parte dei clienti e degli operatori.
▪  In caso di vendita di abbigliamento: dovranno essere messi a disposizione della clientela guanti monouso da utilizzare obbligatoriamente per scegliere in autonomia, toccandola, la merce.
▪  I clienti devono sempre indossare la mascherina, così come i lavoratori in tutte le occasioni di interazione con i clienti.
▪  L’addetto alla vendita deve procedere ad una frequente igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche (prima e dopo ogni servizio reso al cliente).
▪  Assicurarelapuliziaeladisinfezionequotidianadelleareecomuni.
▪  Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni ed escludere totalmente, per gli impianti di condizionamento, la funzione di ricircolo dell’aria.
▪  La postazione dedicata alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in alternativa il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione gel igienizzante per le mani. In ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche.

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE (mercati, fiere e mercatini degli hobbisti)
Misure generali

▪  Anche attraverso misure che garantiscano il contingentamento degli ingressi e la vigilanza degli accessi, dovràessere assicurato il rispetto dei punti 1, 4, 5, 6, 7 lett. c) e 8 dell’allegato 5 del DPCM 26 aprile 2020:
▪  Mantenimento in tutte le attività e le loro fasi del distanziamento interpersonale;
▪  Accessi regolamentati e scaglionati in funzione degli spazi disponibili, differenziando, ove possibile, i percorsi di entrata e di uscita.
▪  Ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per la disinfezione delle mani. In particolare, detti sistemi devono essere disponibili accanto ai sistemi di pagamento.
▪  Uso dei guanti “usa e getta” nelle attività di acquisto, particolarmente per l’acquisto di alimenti e bevande.
▪  Utilizzo di mascherine sia da parte degli operatori che da parte dei clienti, ove non sia possibile assicurata il distanziamento interpersonale di almeno un metro.
▪  Informazione per garantire il distanziamento dei clienti in attesa di entrata: posizionamento all’accesso deimercati di cartelli almeno in lingua italiana e inglese per informare la clientela sui corretti comportamenti.

Competenze dei Comuni
▪  I Comuni, a cui fanno riferimento le funzioni di istituzione, regolazione e gestione dei mercati, delle fiere e dei mercatini degli hobbisti dovranno regolamentare la gestione degli stessi, anche previo apposito accordo con ititolari dei posteggi, individuando le misure più idonee ed efficaci per mitigare il rischio di diffusione dell’epidemiadi Covid-19, assicurando il rispetto dei punti 1, 4, 5, 6, 7 lett. c) e 8 dell’allegato 5 del DPCM 26 aprile 2020, sopraelencati nelle misure generali, tenendo in considerazione la loro localizzazione, le caratteristiche degli specifici contesti urbani, logistici e ambientali, la maggiore o minore frequentazione, al fine di evitare assembramenti edassicurare il distanziamento interpersonale di almeno un metro nell’area mercatale.
▪  In particolare i Comuni nella propria regolamentazione dovranno prevedere idonee misure logistiche, organizzative e di presidio per garantire accessi scaglionati in relazione agli spazi disponibili per evitare ilsovraffollamento dell’area mercatale ed assicurare il distanziamento sociale.
▪  Al fine di assicurare il distanziamento interpersonale potranno altresì essere valutate ulteriori misure quali:
▪  Corsie mercatali a senso unico;
▪  Posizionamento di segnaletica (orizzontale e/o verticale) nelle zone prossimali ai singoli banchi e strutture di vendita per favorire il rispetto del distanziamento;
▪  Maggiore distanziamento dei posteggi ed a tal fine, ove necessario e possibile, ampliamento dell’area mercatale;
▪  Individuazione di un’area di rispetto per ogni posteggio in cui limitare la concentrazione massima di clienti compresenti, nel rispetto della distanza interpersonale di un metro.
▪  Ove ne ricorra l’opportunità i Comuni potranno altresì valutare di sospendere la vendita di beni usati.

Misure a carico del titolare di posteggio:
▪ pulizia e igienizzazione quotidiana delle attrezzature prima dell’avvio delle operazioni di mercato di vendita;
10
▪  è obbligatorio l’uso delle mascherine, mentre l’uso dei guanti può essere sostituito da una igienizzazionefrequente delle mani
▪  messa a disposizione della clientela di prodotti igienizzanti per le mani in ogni banco;
▪  rispetto del distanziamento interpersonale di almeno un metro.
▪  Rispetto del distanziamento interpersonale di almeno un metro dagli altri operatori anche nelle operazioni di carico e scarico;
▪  In caso di vendita di abbigliamento: dovranno essere messi a disposizione della clientela guanti monouso da utilizzare obbligatoriamente per scegliere in autonomia, toccandola, la merce;
▪  in caso di vendita di beni usati: igienizzazione dei capi di abbigliamento e delle calzature prima che siano poste in vendita.

UFFICI APERTI AL PUBBLICO
Le presenti indicazioni si applicano al settore degli uffici, pubblici e privati, degli studi professionali e dei servizi amministrativi che prevedono accesso del pubblico.

▪  Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione.
▪  Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.
▪  Promuovere il contatto con i clienti, laddove possibile, tramite modalità di collegamento a distanza e soluzioni innovative tecnologiche.
▪  Favorire l’accesso dei clienti solo tramite prenotazione, consentendo la presenza contemporanea di un numero limitato di clienti in base alla capienza del locale (vd. punto successivo).
▪  Riorganizzare gli spazi, per quanto possibile in ragione delle condizioni logistiche e strutturali, per assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione sia tra le singole postazioni di lavoro, sia tra i clienti (ed eventuali accompagnatori) in attesa. Dove questo non può essere garantito dovrà essere utilizzata la mascherinaa protezione delle vie aeree.
▪  L’area di lavoro, laddove possibile, può essere delimitata da barriere fisiche adeguate a prevenire il contagio tramite droplet.
▪  Nelle aree di attesa, mettere a disposizione soluzioni idro-alcoliche per l’igiene delle mani dei clienti, con la raccomandazione di procedere ad una frequente igiene delle mani soprattutto dopo il contatto con riviste e materiale informativo.
▪  L’attività di front office per gli uffici ad alto afflusso di clienti esterni può essere svolta esclusivamente nelle postazioni dedicate e dotate di vetri o pareti di protezione.
▪  L’operatore deve procedere ad una frequente igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche (prima e dopo ogni servizio reso al cliente).
▪  Per le riunioni (con utenti interni o esterni) vengono prioritariamente favorite le modalità a distanza; in alternativa, dovrà essere garantito il rispetto del mantenimento della distanza interpersonale di almeno 1 metroe, in caso sia prevista una durata prolungata, anche l’uso della mascherina.
▪  Assicurare una adeguata pulizia delle superfici di lavoro prima di servire un nuovo cliente e una adeguata disinfezione delle attrezzature.
▪  Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni ed escludere totalmente, per gli impianti di condizionamento, lafunzione di ricircolo dell’aria.

PISCINE
Le presenti indicazioni si applicano alle piscine pubbliche, alle piscine finalizzate a gioco acquatico e ad uso collettivo inserite in strutture già adibite in via principale ad altre attività ricettive (es. pubblici esercizi, agrituristiche, camping, etc.). Sono escluse le piscine ad usi speciali di cura, di riabilitazione e termale, e quelle alimentate ad acqua di mare.

▪  Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione. I frequentatori devono rispettare rigorosamente le indicazioni impartite dagli istruttori e assistenti ai bagnanti. Il gestore dovrà prevedere opportuna segnaletica, incentivando la divulgazione dei messaggi attraverso monitor e/o maxi-schermi, per facilitare la gestione dei flussi e la sensibilizzazione riguardo i comportamenti, mediante adeguata segnaletica.
▪  Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.
▪  Divieto di accesso del pubblico alle tribune. Divieto di manifestazioni, eventi, feste e intrattenimenti.
▪  Redigere un programma delle attività il più possibile pianificato in modo da dissuadere eventuali condizioni di aggregazioni e da regolamentare i flussi degli spazi di attesa e nelle varie aree per favorire il rispetto del distanziamento sociale di almeno 1 metro, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale; detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale. Sepossibile prevedere percorsi divisi per l’ingresso e l’uscita.
▪  Privilegiare l’accesso agli impianti tramite prenotazione e mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14giorni.
▪  Organizzare gli spazi e le attività nelle aree spogliatoi e docce in modo da assicurare le distanze di almeno 1 metro (ad esempio prevedere postazioni d’uso alternate o separate da apposite barriere).
▪  Tutti gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti dentro la borsa personale, anche qualora depositatinegli appositi armadietti; si raccomanda di non consentire l’uso promiscuo degli armadietti e di mettere adisposizione sacchetti per riporre i propri effetti personali.
▪  Dotare l’impianto/struttura di dispenser con soluzioni idroalcoliche per l’igiene delle mani dei frequentatori/clienti/ospiti in punti ben visibili all’entrata, prevedendo l’obbligo di frizionarsi le mani già inentrata. Altresì prevedere i dispenser nelle aree di frequente transito, nell’area solarium o in aree strategiche in modo da favorire da parte dei frequentatori l’igiene delle mani
▪  La densità di affollamento nelle aree solarium e verdi è calcolata con un indice di non meno di 7 mq di superficie di calpestio a persona. La densità di affollamento in vasca è calcolata con un indice di 7 mq di superficie di acqua a persona. Il gestore pertanto è tenuto, in ragione delle aree a disposizioni, a calcolare e a gestire le entrate deifrequentatori nell’impianto.
▪  Regolamentare la disposizione delle attrezzature (sedie a sdraio, lettino) attraverso percorsi dedicati in modo da garantire il distanziamento sociale di almeno 1,5 m tra persone non appartenenti allo stesso nucleo familiare o conviventi.
▪  Al fine di assicurare un livello di protezione dall’infezione assicurare l’efficacia della filiera dei trattamenti dell’acqua e il limite del parametro cloro attivo libero in vasca compreso tra 1,0 – 1,5 mg/l; cloro combinato ≤0,40 mg/l; pH 6.5 – 7.5. Si fa presente che detti limiti devono rigorosamente essere assicurati in presenza di bagnanti. La frequenza dei controlli sul posto dei parametri di cui sopra è non meno di due ore. Dovranno tempestivamente essere adottate tutte le misure di correzione in caso di non conformità, come purenell’approssimarsi del valore al limite tabellare.
▪  Prima dell’apertura della vasca dovrà essere confermata l’idoneità dell’acqua alla balneazione a seguito dell’effettuazione delle analisi di tipo chimico e microbiologico dei parametri di cui alla tabella A dell’allegato 1 all’Accordo Stato Regioni e PP.AA. 16.01.2003, effettuate da apposito laboratorio. Le analisi di laboratorio dovranno essere ripetute durante tutta l’apertura della piscina al pubblico a cadenza mensile, salvo necessitàsopraggiunte, anche a seguito di eventi occorsi in piscina, che possono prevedere una frequenza più ravvicinata.

▪  Si rammentano le consuete norme di sicurezza igienica in acqua di piscina: prima di entrare nell’acqua di vascaprovvedere ad una accurata doccia saponata su tutto il corpo; è obbligatorio l’uso della cuffia; è vietato sputare,soffiarsi il naso, urinare in acqua; ai bambini molto piccoli far indossare i pannolini contenitivi.
▪  Regolare e frequente pulizia e disinfezione delle aree comuni, spogliatoi, cabine, docce, servizi igienici, cabine, attrezzature (sdraio, sedie, lettini, incluse attrezzature galleggianti, natanti etc.).
▪  Le attrezzature come ad es. lettini, sedie a sdraio, ombrelloni etc. vanno disinfettati ad ogni cambio di persona onucleo famigliare. Diversamente la sanificazione deve essere garantita ad ogni fine giornata. Evitare l’uso promiscuo di oggetti e biancheria: l’utente dovrà accedere alla piscina munito di tutto l’occorrente.
▪  Le piscine finalizzate a gioco acquatico in virtù della necessità di contrastare la diffusione del virus, vengano convertite in vasche per la balneazione. Qualora il gestore sia in grado di assicurare i requisiti nei termini e nei modi del presente documento, attenzionando il distanziamento sociale, l’indicatore di affollamento in vasca, i limiti dei parametri nell’acqua, sono consentite le vasche torrente, toboga, scivoli morbidi.
▪  Per piscine ad uso collettivo inserite in strutture già adibite in via principale ad altre attività ricettive (es. pubblici esercizi, agrituristiche, camping, etc.) valgono le disposizioni del presente documento, opportunamente vagliate emodulate in relazione al contesto, alla tipologia di piscine, all’afflusso clienti, alle altre attività presenti etc.
▪  Si raccomanda ai genitori/accompagnatori di avere cura di sorvegliare i bambini per il rispetto del distanziamento e delle norme igienico-comportamentali compatibilmente con il loro grado di autonomia e l’età degli stessi.
▪  Le vasche che non consentono il rispetto delle indicazioni suesposte per inefficacia dei trattamenti (es, piscinegonfiabili), mantenimento del disinfettante cloro attivo libero, o le distanze devono essere interdette all’uso.Pertanto si suggerisce particolare rigoroso monitoraggio nei confronti delle vasche per bambini.
▪  Tutte le misure dovranno essere integrate nel documento di autocontrollo in un apposito allegato aggiuntivodedicato al contrasto dell’infezione da SARS-CoV-2.

PALESTRE
Le presenti indicazioni si applicano a enti locali e soggetti pubblici e privati titolari di palestre, comprese le attività fisiche con modalità a corsi (senza contatto fisico interpersonale).

▪  Predisporre una adeguata informazione sulle tutte le misure di prevenzione da adottare.
▪  Redigere un programma delle attività il più possibile pianificato (es. con prenotazione) e regolamentare gli accessi in modo da evitare condizioni di assembramento e aggregazioni; mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14 giorni.
▪  Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.
▪  Organizzare gli spazi negli spogliatoi e docce in modo da assicurare le distanze di almeno 1 metro (ad esempio prevedere postazioni d’uso alternate o separate da apposite barriere), anche regolamentando l’accesso agli stessi.
▪  Regolamentare i flussi, gli spazi di attesa, l’accesso alle diverse aree, il posizionamento di attrezzi e macchine, anche delimitando le zone, al fine di garantire la distanza di sicurezza:
o almeno 1 metro per le persone mentre non svolgono attività fisica, o almeno 2 metri durante l’attività fisica (con particolare attenzione a quella intensa).

▪  Dotare l’impianto/struttura di dispenser con soluzioni idroalcoliche per l’igiene delle mani dei frequentatori/clienti/ospiti in punti ben visibili, prevedendo l’obbligo dell’igiene delle mani all’ingresso e in uscita.
▪  Dopo l’utilizzo da parte di ogni singolo soggetto, il responsabile della struttura assicura la disinfezione della macchina o degli attrezzi usati.
▪  Gli attrezzi e le macchine che non possono essere disinfettati non devono essere usati.
▪  Garantire la frequente pulizia e disinfezione dell’ambiente, di attrezzi e macchine (anche più volte al giorno adesempio atra un turno di accesso e l’altro), e comunque la disinfezione di spogliatoi (compresi armadietti) a fine giornata.
▪  Non condividere borracce, bicchieri e bottiglie e non scambiare con altri utenti oggetti quali asciugamani, accappatoi o altro.
▪  Utilizzare in palestra apposite calzature previste esclusivamente a questo scopo.
▪  Tutti gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti dentro la borsa personale, anche qualora depositati negli appositi armadietti; si raccomanda di non consentire l’uso promiscuo degli armadietti e di mettere a disposizione sacchetti per riporre i propri effetti personali.
▪  Per quanto riguarda il microclima, è fondamentale verificare le caratteristiche di aerazione dei locali e degli impianti di ventilazione e la successiva messa in atto in condizioni di mantenimento di adeguati ricambi e qualitàdell’aria indoor.

Per un idoneo microclima è necessario:

▪  garantire periodicamente l’aerazione naturale nell’arco della giornata in tutti gli ambienti dotati di aperture verso l’esterno, dove sono presenti postazioni di lavoro, personale interno o utenti esterni (comprese le auledi udienza ed i locali openspace), evitando correnti d’aria o freddo/caldo eccessivo durante il ricambio naturale dell’aria;
▪  aumentare la frequenza della manutenzione / sostituzione dei pacchi filtranti dell’aria in ingresso(eventualmente anche adottando pacchi filtranti più efficienti);
▪  in relazione al punto esterno di espulsione dell’aria, assicurarsi che permangano condizioni impiantistiche tali da non determinare l’insorgere di inconvenienti igienico sanitari nella distanza fra i punti di espulsione ed ipunti di aspirazione;
▪  attivare l’ingresso e l’estrazione dell’aria almeno un’ora prima e fino ad una dopo l’accesso da parte delpubblico;
▪  nel caso di locali di servizio privi di finestre quali archivi, spogliatoi, servizi igienici, ecc., ma dotati di ventilatori/estrattori meccanici, questi devono essere mantenuti in funzione almeno per l’intero orario dilavoro;
▪  per quanto riguarda gli ambienti di collegamento fra i vari locali dell’edificio (ad esempio corridoi, zone ditransito o attesa), normalmente dotati di minore ventilazione o privi di ventilazione dedicata, andrà postaparticolare attenzione al fine di evitare lo stazionamento e l’assembramento di persone, adottando misureorganizzative affinché gli stessi ambienti siano impegnati solo per il transito o pause di breve durata;
▪  negli edifici dotati di specifici impianti di ventilazione con apporto di aria esterna, tramite ventilazionemeccanica controllata, eliminare totalmente la funzione di ricircolo dell’aria;
▪  Relativamente agli impianti di riscaldamento/raffrescamento che fanno uso di pompe di calore, fancoil, o termoconvettori, qualora non sia possibile garantire la corretta climatizzazione degli ambienti tenendo fermi gli impianti, pulire in base alle indicazioni fornite dal produttore, ad impianto fermo, i filtri dell’aria di ricircoloper mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati.
▪  le prese e le griglie di ventilazione devono essere pulite con panni puliti in microfibra inumiditi con acqua e sapone, oppure con alcool etilico al 75%;
▪  evitare di utilizzare e spruzzare prodotti per la pulizia detergenti/disinfettanti spray direttamente sui filtri per non inalare sostanze inquinanti, durante il funzionamento.
▪ Tutti gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti dentro la borsa personale, anche qualora depositati negli appositi armadietti; si raccomanda di non consentire l’uso promiscuo degli armadietti e di mettere adisposizione sacchetti per riporre i propri effetti personali.

MANUTENZIONE DEL VERDE
▪  La consegna a domicilio del cliente di piante e fiori per piantumazioni deve avvenire nel rispetto delle indicazioni fornite in relazione al trasporto dei prodotti. Se il personale effettua la consegna del prodotto, vige l’obbligo dimascherina (se non è possibile rispettare la distanza di almeno 1 mero) e di guanti.
▪  Tutte le operazioni di pulizia devono essere effettuate indossando dispositivi di protezione (mascherina, guanti, occhiali) e aerando i locali chiusi, individuando il personale dedicato (lavoratori della stessa azienda o personale esterno).
▪  Le operazioni di pulizia di tutte le superfici (in particolare all’interno dei locali spogliatoi, dei servizi igienici e neglialtri luoghi o spazi comuni) dovranno avere cadenza giornaliera utilizzando comuni detergenti; mezzi di trasporto, macchine (trattori con uomo a bordo o senza uomo a bordo, PLE) e attrezzature dovranno avere cadenza giornaliera utilizzando comuni detergenti.
▪  Le operazioni di disinfezione periodica devono interessare spogliatoi, servizi igienici e spazi comuni, comprese le macchine e le attrezzature (PLE, motoseghe, decespugliatori, rasaerba, scale, forbici) con particolare attenzione se a noleggio.
▪  L’azienda dovrà mettere a disposizione idonei mezzi detergenti, dovrà inoltre rendere disponibile all’interno deilocali e degli automezzi utilizzati per raggiungere i cantieri i dispenser di gel idroalcolici per le mani.
▪  Deve essere regolamentato l’accesso agli spazi comuni (quali, ad esempio, spogliatoi, zona pausa caffè) limitando il numero delle presenze contemporanee ed il tempo di permanenza, con il rispetto in ogni caso del criterio della distanza di almeno 1 metro fra le persone.
▪  Relativamente alla protezione delle mani, in considerazione del rischio aggiuntivo derivante da un errato impiego di tali dispositivi, si ritiene più protettivo consentire di lavorare senza guanti monouso e disporre il lavaggio frequente delle mani con soluzioni idroalcoliche secondo opportune procedure aziendali (fatti salvi i casi di rischio specifico associati alla mansione specifica o di probabile contaminazione delle superfici).
▪  Allestimento del cantiere: i lavoratori in tutte le fasi di delimitazione del cantiere, apposizione segnaletica, scaricomateriali e attrezzature devono mantenere le distanze di sicurezza. Il distanziamento attraverso l’apposizione diidonea segnaletica e/o recinzione di cantiere deve essere garantito anche nei confronti di committenti e/o cittadini.
▪  Operazioni di potatura o abbattimento alberi: l’operatore alla guida del trattore o macchine semoventi cabinatedeve trovarsi da solo, sia durante le fasi di spostamento sia durante le fasi di lavorazione. Evitare se possibile l’uso promiscuo di macchine semoventi cabinate o, preliminarmente, effettuare la pulizia e disinfezione della cabina e delle superfici della macchina. Anche nel caso di uso promiscuo delle attrezzature, ad esempio motoseghe, si consiglia, preliminarmente, la disinfezione delle parti che possono veicolare il contagio.
▪  Attività di sfalcio, piantumazione, creazione e cura di aree verdi: evitare se possibile l’uso promiscuo di trattorini o macchine semoventi quali escavatori, preliminarmente effettuare la pulizia e la disinfezione delle superfici delle attrezzature.

MUSEI, ARCHIVI E BIBLIOTECHE
Le presenti indicazioni si applicano per enti locali e soggetti pubblici e privati titolari di musei, archivi e biblioteche.

▪  Predisporre una adeguata informazione sulle tutte le misure di prevenzione da adottare.
▪  Definire uno specifico piano di accesso per i visitatori (giorni di apertura, orari, numero massimo visitatori, sistema di prenotazione, etc.) che dovrà essere esposto e comunque comunicato ampiamente (es. canali sociali, sito web, comunicati stampa).
▪  Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.
▪  I visitatori devono sempre indossare la mascherina.
▪  Il personale lavoratore deve indossare la mascherina a protezione delle vie aeree sempre quando in presenza di visitatori e comunque quando non è possibile garantire un distanziamento interpersonale di almeno 1 metro.
▪  L’area di contatto tra personale e utenza all’ingresso, laddove possibile, può essere delimitata da barriere fisiche adeguate a prevenire il contagio tramite droplet.
▪  In tutti i locali mettere a disposizione soluzioni idro-alcoliche per l’igiene delle mani.
▪  Redigere un programma degli accessi pianificato (es. con prenotazione online o telefonica) che preveda il numero massimo di visitatori presenti e regolamentare gli accessi in modo da evitare condizioni di assembramento e aggregazione.
▪  Quando opportuno, predisporre percorsi ed evidenziare le aree, anche con segnaletica sul pavimento, per favorire il distanziamento interpersonale e che prevedano una separazione tra ingresso e uscito.
▪  Assicurare una adeguata pulizia e disinfezione delle superfici e degli ambienti, con particolare attenzione a quelle toccate con maggiore frequenza (es. maniglie, interruttori, corrimano, etc.). Assicurare regolare pulizia e disinfezione dei servizi igienici. La pulizia di ambienti ove siano esposti, conservati o stoccati beni culturali, devono essere garantiti con idonee procedure e prodotti
▪  Favorire il regolare e frequente ricambio d’aria negli ambienti interni ed escludere totalmente, per gli impianti dicondizionamento, la funzione di ricircolo dell’aria.
▪  L’utilizzo di ascensori, dove possibile, va limitato e riservato a persone con disabilità motoria.
▪  Regolamentare l’utilizzo di eventuali depositi e guardaroba.
▪  Eventuali audioguide o supporti informativi potranno essere utilizzati solo se adeguatamente disinfettati al termine di ogni utilizzo. Favorire l’utilizzo di dispositivi personali per la fruizione delle informazioni.
▪  Eventuali attività divulgative dovranno tenere conto delle regole di distanziamento sociale e si suggerisce di organizzare le stesse attraverso turni, preventivamente programmati e privilegiando gli spazi aperti.
▪  Per quanto concerne il trattamento di fondi documentari e collezioni librarie, non potendo essere sottoposti a procedure di disinfezione poiché dannosi per gli stessi, si rimanda alle procedure di stoccaggio in isolamento degli stessi dopo il loro utilizzo.

SCOPO E PRINCIPI GENERALI
Le presenti schede tecniche contengono indirizzi operativi specifici validi per i singoli settori di attività, finalizzati a fornire uno strumento sintetico e immediato di applicazione delle misure di prevenzione e contenimento di carattere generale, per sostenere un modello di ripresa delle attività economiche e produttive compatibile con la tutela della salute di utenti e lavoratori.

In particolare, in ogni scheda sono integrate le diverse misure di prevenzione e contenimento riconosciute a livello scientifico per contrastare la diffusione del contagio, tra le quali: norme comportamentali, distanziamento sociale econtact tracing.

Le indicazioni in esse contenute si pongono inoltre in continuità con le indicazioni di livello nazionale, in particolare con il protocollo condiviso tra le parti sociali approvato dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 26 aprile 2020, nonché con i criteri guida generali di cui ai documenti tecnici prodotti da INAIL e Istituto Superiore di Sanità con il principale obiettivo di ridurre il rischio di contagio per i singoli e per la collettività in tutti i settori produttivi ed economici.

In tale contesto, il sistema aziendale della prevenzione consolidatosi nel tempo secondo l’architettura prevista daldecreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 costituisce la cornice naturale per supportare la gestione integrata del rischioconnesso all’attuale pandemia. In ogni caso, solo la partecipazione consapevole e attiva di ogni singolo utente elavoratore, con pieno senso di responsabilità, potrà risultare determinante, non solo per lo specifico contesto aziendale, ma anche per la collettività.

Infine, è opportuno che le indicazioni operative di cui al presente documento, eventualmente integrate con soluzioni di efficacia superiore, siano adattate ad ogni singola organizzazione, individuando le misure più efficaci in relazione ad ogni singolo contesto locale e le procedure/istruzioni operative per mettere in atto dette misure. Tali procedure/istruzioni operative possono coincidere con procedure/istruzioni operative già adottate, purché opportunamente integrate, così come possono costituire un addendum connesso al contesto emergenziale del documento di valutazione dei rischi redatto ai sensi del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81.

Resta inteso che in base all’evoluzione dello scenario epidemiologico le misure indicate potranno essere rimodulate, anche in senso più restrittivo.

Le schede attualmente redatte saranno eventualmente integrate con le schede relative a ulteriori settori di attività.

Tutte le indicazioni riportate nelle singole schede tematiche devono intendersi come integrazioni alle raccomandazioni di distanziamento sociale e igienico-comportamentali finalizzate a contrastare la diffusione di SARS-CoV-2 in tutti i contesti di vita sociale. Per tutte le procedure di pulizia, disinfezione e sanificazione, di aerazione degli ambienti e di gestione dei rifiuti si rimanda alle indicazioni contenute rispettivamente: nel Rapporto ISS COVID-19 n. 19/2020“Raccomandazioni ad interim sui disinfettanti nell’attuale emergenza COVID-19: presidi medico chirurgici e biocidi”,nel Rapporto ISS COVID-19 n. 5/2020 “Indicazioni ad interim per la prevenzione e gestione degli ambienti indoor inrelazione alla trasmissione dell’infezione da virus SARS-CoV-2”, e nel Rapporto ISS COVID-19 n. 3/2020 “Indicazione adinterim per la gestione dei rifiuti urbani in relazione alla trasmissione dell’infezione da virus SARS-CoV-2”, e nelRapporto ISS COVID-19 n. 21/2020 “Guida per la prevenzione della contaminazione da Legionella negli impianti idrici di strutture turistico-ricettive e altri edifici ad uso civile e industriale non utilizzato durante la pandemia COVID-19”.
18


Condividi la notizia:
16 maggio, 2020

Coronavirus maggio ... Gli articoli

  1. "Se muoiono i negozi, muore pure la città... il comune non ha più alibi"
  2. "Dormiamo qui una notte poi andiamo a Civita..."
  3. "Abbiamo riaperto la moschea quando tutto era perfetto..."
  4. "Tutti devono avere il necessario per fare una vita dignitosa"
  5. Oggi 75 morti e 1874 guariti
  6. Due nuovi positivi a Frosinone, 1 a Rieti e nessuno a Latina e Viterbo
  7. 77 ricoverati allo Spallanzani di cui 28 positivi
  8. Nessun nuovo caso e 7 guariti
  9. Parcheggi, verde e meno traffico, la nuova area commerciale a nord della città
  10. Zero casi nell'Alto Lazio, tre morti a Civitavecchia
  11. Sanificato B&B, aveva ospitato due persone in isolamento fiduciario per il Covid-19
  12. 78 ricoverati allo Spallanzani, 30 positivi
  13. Guarita dal Coronavirus fa causa alla Cina
  14. Guarita dal Coronavirus fa causa alla Cina
  15. Oggi 111 morti, continua il calo dei ricoveri
  16. Nessun nuovo caso e otto guariti
  17. "Abbiamo bruciato un anno e mezzo di lavoro"
  18. Due nuovi casi, quattro morti e ventuno guariti
  19. Coronavirus, un positivo e 6 nuovi guariti
  20. Un nuovo caso a Viterbo e quattro guariti nell'Alto Lazio
  21. Coronavirus, oggi 21 positivi e 7 morti nel Lazio
  22. Un altro positivo, scoperto col test di sieroprevalenza
  23. Riaprono stabilimenti termali e centri benessere
  24. "Abbiamo vissuto momenti drammatici, ma ora Villa Noemi torna alla normalità: solo tre anziani positivi"
  25. Sierologici su sanitari e forze dell'ordine, solo l'1,49% ha gli anticorpi al virus
  26. "L'emergenza ci ha fatto diventare più forti, siamo pronti per la Fase 2"
  27. Coronavirus, oggi zero nuovi casi e zero guariti
  28. Guariti 1434 pazienti, i malati sono 155
  29. L'indagine sierologica nazionale coinvolge nove comuni della Tuscia, tra cui due da sempre Covid-free
  30. Un positivo a Viterbo, 2 a Latina, nessuno a Rieti e Frosinone e 8 a Roma città
  31. Coronavirus, un nuovo positivo e quattro guariti
  32. Un solo nuovo caso di Coronavirus nell'Alto Lazio
  33. "Banca d'Italia, il 70% delle segnalazioni sul sistema bancario riguardano la sospensione dei mutui sulla prima casa"
  34. "Il dimensionamento scolastico va congelato"
  35. Zero casi accertati oggi e nessun nuovo guarito
  36. Coronavirus, paziente guarisce dopo oltre settanta giorni
  37. "La chiusura degli istituti può provocare un analfabetismo di ritorno"
  38. "Un periodo difficile per la nostra categoria, stiamo combattendo una battaglia enorme"
  39. Oltre 140mila i dimessi e guariti
  40. 20 nuovi casi, 8 morti e 19 guariti
  41. Allo Spallanzani 83 ricoverati, 38 dei quali positivi
  42. Allo Spallanzani 83 ricoverati, 38 dei quali positivi
  43. Coronavirus, nessun caso accertato e 15 guariti
  44. E' ripartita la movida, tanta la gente per le strade
  45. Quattro nuovi casi e diciotto guariti
  46. Corchiano tira un sospiro di sollievo: "Negativi i familiari di Ademo"
  47. "Ho scoperto di aver avuto il Coronavirus con il test sierologico"
  48. "Mercato del sabato, la città c'ha presi in giro..."
  49. "Negozi aperti nel centro storico per ridare fiato al commercio"
  50. "La mascherina non è un bavaglio..."
  51. Oggi più di duemila nuovi guariti
  52. Un caso a Viterbo, 2 a Frosinone e Rieti, 0 a Latina
  53. 19 nuovi positivi, 3 morti e 15 guariti
  54. Allo Spallanzani 88 ricoverati, la metà positivi
  55. Un nuovo caso a Sutri e tre guariti, tra cui un sanitario dell'ospedale di Tarquinia
  56. "Lockdown, multe a 16 attività commerciali e 5 ambulanti... ma i viterbesi sono stati bravi"
  57. Tornano a salire i morti, quattro nell'Alto Lazio
  58. 2737 test sierologici su sanitari e forze dell'ordine, al via anche quelli sui cittadini
  59. "Uomo asintomatico a Corchiano, azienda non fa andare a lavoro gli operai del paese"
  60. Coronavirus, un nuovo contagiato a Montefiascone e quattro guariti
  61. Un nuovo caso solo a Viterbo, a Ladispoli morta una donna
  62. "La moschea di Viterbo riaprirà il 29 maggio"
  63. 642 nuovi casi, 156 morti e 1792 guariti
  64. Coronavirus, oggi un nuovo positivo a Viterbo
  65. "La città è quasi vuota, ma ci aspettavamo di peggio"
  66. Coronavirus, giornalista Rai guarisce dopo più di due mesi
  67. Manifestazioni e funzioni religiose, il sindaco potrà disporre la chiusura di specifiche aree
  68. Più di 2mila test sierologici, in 35 hanno gli anticorpi al virus ma solo un sanitario è infetto
  69. Investito, finisce in ospedale e scopre di avere il Coronavirus
  70. Due casi a Viterbo, tre a Latina e nessuno a Rieti e Frosinone
  71. Coronavirus, due nuovi casi e undici guariti
  72. Nella Tuscia 92 malati, è il dato più basso di tutto l'Alto Lazio
  73. "Riapriremo questa sera, ma temiamo il peggio e il comune ci deve aiutare"
  74. Coronavirus, zero nuovi casi per il terzo giorno di seguito
  75. Nessun nuovo caso di Covid-19 nell'Alto Lazio, salgono i guariti
  76. "Le grandi aziende sono entrate sui nostri conti e hanno prelevato senza scrupoli..."
  77. Prosegue il calo dei contagi, oggi 451 nuovi casi
  78. Nessun nuovo caso oggi e altre due persone guarite nella Tuscia
  79. Aprono tutti, ma la gente in giro è poca
  80. "Fase 2, nella Tuscia si rischia l'indebitamento generale"
  81. Meno di cento malati nella Tuscia - A Rieti una donna di 104 anni ha sconfitto il Covid
  82. "675 nuovi casi, 145 morti e 2366 guariti"
  83. 50 nuovi positivi, 18 si sono contagiati a un funerale
  84. Coronavirus, 101 ricoverati di cui 55 positivi
  85. Coronavirus, nessun nuovo caso e un paziente anziano morto
  86. "Fase 2, dubbi, incertezze, sopravvivenza... e 15 mila euro al mese da pagare"
  87. "Ha fatto sempre del bene, senza chiedere niente a nessuno"
  88. Due nuovi casi e trentanove guariti nell'Alto Lazio
  89. "Oggi 32 positivi, 86 guariti e 12 morti"
  90. 104 ricoverati di cui 57 positivi
  91. Un nuovo positivo a Viterbo e 9 guariti
  92. Dal 18 spostamenti solo nella regione e dal 3 giugno anche fuori, assembramenti vietati
  93. Ottavo morto a Villa Noemi, è una donna 63enne ed è la vittima più giovane della Tuscia
  94. "Le perdite non si calcolano, ma siamo felici di ripartire"
  95. "La riapertura della messa ai fedeli è una grande gioia e un'opportunità..."
  96. Due nuovi casi, uno è un sanitario di Belcolle - Morta 63enne, era ospite di Villa Noemi
  97. Oltre un milione e ottocentomila persone controllate in 10 giorni
  98. Decreto rilancio, novità anche magistrati, notai e avvocati
  99. "Le mascherine che ci mandano sono poche e spariscono subito"
  100. Due nuovi casi nell'Alto Lazio
  101. Juma map, il sito dell'Arci per rifugiati e migranti
  102. 992 nuovi positivi, 262 morti e 2mila 747 guariti
  103. Anticorpi al virus, in 13 persone rilevata la presenza
  104. Coronavirus, un positivo e 14 negativizzati tra cui 11 di Villa Noemi
  105. È Bernardina Bartoli la donna, già ospite di Villa immacolata, morta ieri
  106. “A Orte effettuati 390 test sierologici con 13 positivi”
  107. Decreto Rilancio, 55 miliardi di euro per far ripartire l'Italia
  108. "Oggi 888 nuovi casi, 3502 guariti e 195 morti"
  109. Tre nuovi casi oggi a Viterbo e nessuno a Latina, Rieti e Frosinone
  110. Tre contagi, morta una ospite di Villa Immacolata
  111. A Viterbo 3 morti in meno rispetto al 2019 nonostante il Coronavirus
  112. "Test sierologici, in ospedale non ci sono solo i sanitari..."
  113. Indagine sierologica, quasi seicento test tra poliziotti e sanitari
  114. "E' un dramma, così nel centro storico chiudiamo tutti"
  115. Dal color face al calzino, lo status symbol delle mascherine
  116. "Fase 2, bene che anche Nocchi chieda un tavolo con la Regione"
  117. Coronavirus, un positivo e dieci guariti
  118. Un solo nuovo caso di Covid-19 nell'Alto Lazio, 34 i nuovi guariti
  119. "Escludere i braccianti dal bonus provocherebbe una reazione esplosiva"
  120. Coronavirus - Oggi 744 nuovi casi, 179 morti e 1401 guariti
  121. Coronavirus, 900mila famiglie hanno chiesto di sospendere il pagamento dei prestiti
  122. È morto Antonio Costantini, il medico della cura del Parkinson
  123. "Chiuso in una stanza vedevo la mia famiglia da un vetro, ma ora sono più forte e innamorato della vita"
  124. Primo contagio a Valentano, il sindaco: "Proprio ora che guardavamo al futuro con ottimismo..."
  125. "802 nuovi casi, 165 morti e 2155 guariti"
  126. "Covid-19, oggi trend dei nuovi positivi allo 0,4%"
  127. Salgono a 176 gli over 65 guariti e dimessi
  128. Un nuovo positivo e cinque guariti
  129. Più di mille guariti nell'Alto Lazio
  130. "Coronavirus, se non stiamo attenti mandiamo all'aria salute e stagione estiva"
  131. Covid-19, cosa succede se non si ripaga un debito
  132. Oggi nessun caso a Viterbo, 1 a Rieti e Frosinone, 2 a Latina
  133. Coronavirus, 124 ricoverati allo Spallanzani
  134. Nessun nuovo positivo e cinque guariti
  135. Contagiata dopo essere rimasta bloccata sulla Costa Magica, guarisce operatrice turistica
  136. Mascherine, nessuna stretta di mano per il segno di pace e volontari all'ingresso
  137. "La mia iniziativa non è un invito alla disobbedienza civile"
  138. Coronavirus, nessun nuovo caso e altri 15 guariti nella Tuscia
  139. Guariti undici paesi "contagiati"
  140. Covid, le regole per rientrare a scuola a settembre
  141. "La zona industriale del Poggino rischia il collasso economico"
  142. Coronavirus, oggi 1401 nuovi casi con 3031 guariti e 274 morti
  143. Coronavirus, dieci guariti e nessun nuovo caso
  144. Fase 2, firmato un protocollo d'intesa contro le infiltrazioni mafiose
  145. "Sto pensando di rendere obbligatorie le mascherine in centro"
  146. Nella Tuscia meno malati di tutto l'Alto Lazio
  147. "1444 nuovi positivi, 369 morti e 8014 guariti"
  148. Coronavirus, oggi tre casi e nove guariti nella Tuscia
  149. La rivoluzione di velluto dello smart working, dai ministeri ai comuni
  150. Nonna Elvira guarita a 103 anni, era la paziente Covid più anziana della Tuscia
  151. Coronavirus, tre vittime nell'Alto Lazio
  152. "Facciamo San Pellegrino in fiore... on line"
  153. Morto un uomo, era negativo da una settimana
  154. Covid-19, ieri un nuovo guarito ad Acquapendente
  155. Vietato licenziare per i prossimi 5 mesi
  156. "E' stata una rinascita, una festa, una seconda inaugurazione..."
  157. Coronavirus, aumentano i guariti in tutto l'Alto Lazio
  158. Nessun caso a Rieti e Latina, 1 a Viterbo e 2 a Frosinone
  159. A Viterbo il 6,2% dei casi nel Lazio
  160. Arriva la Fase 2, pochi passeggeri in stazione
  161. La città s'è svegliata...
  162. Aumentano del 70% le richieste di aiuto al numero antiviolenza
  163. Nella Tuscia mai così tanti guariti in un giorno: 25... e il totale schizza a 207
  164. "Con la benedizione di san Lanno, il virus resti lontano da Vasanello"
  165. Fase 2 - Chi riapre e come
  166. "Siamo in libertà condizionata, la guerra non è ancora finita"
  167. "Il Coronavirus non ci tolga pure il diritto alla spiaggia libera"
  168. Fase 2 - Ecco la nuova autocertificazione che serve dal 4 maggio
  169. Oggi 174 morti, mai così pochi dai primi di marzo
  170. Coronavirus, 103 positivi ricoverati allo Spallanzani
  171. La regione Umbria conferma: "Stasera stop alla zona rossa di Giove"
  172. Il Coronavirus fa un'altra vittima: morta un'anziana di Villa Noemi
  173. “Ho visto l'orrore del virus, nei giorni del picco moriva un paziente su cinque”
  174. Oltre 300 mila euro alle scuole della Tuscia per la didattica a distanza
  175. 15 mila euro per le case rifugio e 2500 per i centri antiviolenza.
  176. Quattro contagi e trenta guariti, Campagnano non è più zona rossa
  177. Pizza in regalo agli agenti della polizia
  178. "Nessun anziano deve rimanere solo"
  179. "1900 nuovi casi, 474 morti e 1665 guariti"
  180. Coronavirus, 94 positivi allo Spallanzani
  181. "I tarquiniesi devono riprendersi il loro territorio, lunedì riapro il mare"
  182. "Mascherine in luoghi pubblici al chiuso e pure all'aperto in presenza di più persone"
  183. Un nuovo contagio e undici guariti
  184. Disposto l'isolamento della clinica Latina
  185. Disposto l'isolamento della clinica Latina
  186. Due nuovi positivi, un'anziana morta e sessanta guariti
  187. "L'amore vincerà" - Viaggio nel reparto Covid di Belcolle, senza pazienti da tre giorni
  188. "Se non ci salva la Madonna, dal Coronavirus non ci salva nessuno"
  189. "1965 nuovi casi, 269 morti e 2304 guariti"
  190. Coronavirus, oggi un nuovo positivo e 11 persone guarite
  191. "Tante formiche, insieme, possono spostare l'elefante Covid"
  192. Morta una paziente dell'ospedale di Tarquinia, guarite due anziane di Villa Noemi
  193. "Luca è bellissimo come la mamma, non vedo l'ora di sconfiggere il virus per correre ad abbracciarli"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR