Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Parla Valerio Mecarocci, medico civitonico in servizio nel reparto Covid del San Donato di Milano: "Non c'erano risorse e dovevamo scegliere chi curare, ora evitiamo di tornare a quella situazione"

“Ho visto l’orrore del virus, nei giorni del picco moriva un paziente su cinque”

di Alessandro Castellani
Condividi la notizia:

Valerio Mecarocci

Valerio Mecarocci

Milano – Un po’ di respiro dopo quasi due mesi d’inferno. Valerio Mecarocci, medico 34enne di Civita Castellana in servizio nel reparto Covid dell’ospedale San Donato di Milano, si gode il primo maggio a casa con la moglie Valeria, che gli è rimasta accanto durante tutta l’emergenza, e alla vigilia dell’entrata in vigore della Fase 2 ripercorre i giorni più drammatici del contagio. Quelli in cui, per dirla con le sue parole, “in ospedale c’erano 600 persone ricoverate e un paziente su cinque moriva”.

Qual è la sua specializzazione?
“Sono un cardiologo aritmologo, ma durante l’emergenza sono passato volontariamente nell’unità di terapia intensiva Covid”.

Perché questa scelta?
“Perché tanti colleghi si erano infettati e l’organico dei medici disponibili era andato in sofferenza. Dato che durante la scuola di specializzazione ho fatto esperienze in terapia intensiva, mi sono offerto di sostituire i colleghi assenti: in quel momento mancavano 6 anestesisti, tutti per Coronavirus”.

Lei è stato contagiato?
“No, né io né mia moglie Valeria. Anzi, a lei va un ringraziamento enorme, perché all’inizio dell’epidemia, prima ancora che il governo emanasse i decreti restrittivi, ha scelto di rimanere al mio fianco e non tornare a Roma, sebbene io stesso le avessi suggerito di farlo”.

Come ha reagito a fine febbraio, quando arrivò la notizia del primo caso accertato di Covid in Italia a Codogno?
“Codogno è a 30 chilometri da dove viviamo noi, per cui tra colleghi abbiamo subito capito che il nemico era arrivato a Milano. Non poteva essere una cosa circoscritta alle sole province confinanti: era chiaro che c’eravamo dentro anche noi e bisognava prepararsi alla battaglia”.

La task force della regione Lombardia ha detto che, in realtà, il virus circolava a Milano e nelle altre province già da gennaio. Lei a suo tempo aveva avuto sensazioni che stesse succedendo qualcosa di strano?
“Sia io che i colleghi avevamo notato che l’influenza stagionale era arrivata al suo picco prima del solito e con caratteristiche cliniche diverse. Incontravo continuamente persone con tosse e febbre. A posteriori abbiamo capito che quello era il virus, che stava già circolando molto prima dell’accertamento del caso di Codogno. La ricerca della task force ha detto che a fine gennaio l’indice di contagio era già a 2, cioè ogni contagiato infettava altre due persone. E va detto che l’80% dei contagiati sono asintomatici, il che significa che, ben prima delle ordinanze restrittive, tantissime persone hanno fatto circolare il virus a loro insaputa, producendo un effetto a cascata devastante per il sistema sanitario. La Lombardia è stata così colpita perché si è accorta del virus quando era già fuori controllo: vedendo il nostro caso, le altre regioni sono riuscite a prepararsi in anticipo e a salvarsi”.

Secondo lei è stato fatto qualche errore in Lombardia?
“La situazione che si è creata non era preventivabile e forse è stata sottovalutata all’inizio, almeno dal punto di vista epidemiologico. Però io posso solo dire di aver visto fino a dove può spingersi la solidarietà e il senso del dovere di un essere umano nel momento del bisogno. Il primo turno che ho fatto nel reparto Covid è stato così orribile che non sono riuscito a tornare a casa: invece di salire in macchina e andare via ho sentito qualcosa dentro che mi ha spinto a tornare in ospedale e rimettermi in servizio. E quando sono rientrato ho trovato la collega con cui avevo condiviso il turno, che anche lei aveva fatto la mia stessa scelta di restare. Tra medici, infermieri, operatori sanitari e farmacisti abbiamo contato migliaia d’infetti e centinaia di morti, ma non chiamateci eroi: è stato solo senso del dovere. Però, adesso che entriamo nella Fase 2, evitiamo di vanificare il sacrificio che è stato fatto e tornare nel baratro del contagio”.

C’è stato un momento, nei giorni più difficili, in cui ha temuto che il sistema sanitario non avrebbe retto?
“L’ho temuto per 20 giorni di fila. Dal 10 marzo fino alla fine del mese, siamo stati costretti tutti i giorni a fare scelte molto dolorose, prese in prima persona o collegialmente, su chi assistere e chi non assistere. La regione ha raddoppiato i posti in terapia intensiva, ma le risorse erano comunque al limite e abbiamo dovuto seguire un codice di condotta terapeutica emesso apposta per l’emergenza, in cui venivano stabiliti i criteri per decidere chi intubare e chi no in caso di carenza di materiale. E questa cosa, ripeto, è accaduta tutti i giorni per 20 giorni”.

Dall’inizio dell’emergenza a oggi avete imparato a conoscere il virus?
“Sicuramente abbiamo idee molto più chiare sul decorso della malattia. Innanzitutto sappiamo che i casi sintomatici sono solo il 20% del totale. Poi abbiamo imparato a distinguere tra due fasi della malattia: nella prima si accusano sintomi del tutto simili all’influenza; il secondo step, circa una settimana dopo l’insorgenza della febbre, avviene quando l’organismo, per cercare di difendersi dall’infezione, scatena una risposta infiammatoria che può arrivare fino a distruggere i polmoni. Un po’ come se un esercito cominciasse a bombardare ovunque per colpire un nemico che non riconosce. Il Covid è una malattia che provoca danni a diversi organi, ma la morte, di fatto, avviene per soffocamento. Quello che continua a mancare è un farmaco specifico, per cui bisogna assolutamente fare attenzione a evitare i rischi di contagio”.

Quant’è alto il tasso di mortalità nel suo ospedale?
“Adesso è calato, ma nei momenti di maggior crisi è arrivato anche al 20%. In altre parole: su cinque pazienti che entravano in ospedale, uno non ce la faceva. Va inoltre precisato che il tasso di mortalità è più elevato sugli anziani, ma abbiamo ricoverato anche tanti giovani. Nei giorni più duri c’erano 600 persone ricoverate. Oggi siamo scesi a 30”.

In questo periodo ha tenuto contatti con Civita Castellana?
“Mia madre Rosa mi scriveva tutti i giorni di stare attento. Ha vissuto con grande preoccupazione quest’emergenza, ed è comprensibile, visto che aveva un figlio impegnato in prima linea. Dev’essere stato davvero difficile per lei farsi forza e convivere con quest’ansia. Per il resto ho avuto contatti praticamente quotidiani con colleghi e cittadini di Civita Castellana e all’inizio dell’emergenza ho anche telefonato al sindaco Caprioli: gli ho spiegato com’era la situazione qui a Milano, in modo che avesse più informazioni per prepararsi a fronteggiare l’arrivo del virus”.

Alessandro Castellani


Condividi la notizia:
3 maggio, 2020

Coronavirus maggio ... Gli articoli

  1. "Se muoiono i negozi, muore pure la città... il comune non ha più alibi"
  2. "Dormiamo qui una notte poi andiamo a Civita..."
  3. "Abbiamo riaperto la moschea quando tutto era perfetto..."
  4. "Tutti devono avere il necessario per fare una vita dignitosa"
  5. Oggi 75 morti e 1874 guariti
  6. Due nuovi positivi a Frosinone, 1 a Rieti e nessuno a Latina e Viterbo
  7. 77 ricoverati allo Spallanzani di cui 28 positivi
  8. Nessun nuovo caso e 7 guariti
  9. Parcheggi, verde e meno traffico, la nuova area commerciale a nord della città
  10. Zero casi nell'Alto Lazio, tre morti a Civitavecchia
  11. Sanificato B&B, aveva ospitato due persone in isolamento fiduciario per il Covid-19
  12. 78 ricoverati allo Spallanzani, 30 positivi
  13. Guarita dal Coronavirus fa causa alla Cina
  14. Guarita dal Coronavirus fa causa alla Cina
  15. Oggi 111 morti, continua il calo dei ricoveri
  16. Nessun nuovo caso e otto guariti
  17. "Abbiamo bruciato un anno e mezzo di lavoro"
  18. Due nuovi casi, quattro morti e ventuno guariti
  19. Coronavirus, un positivo e 6 nuovi guariti
  20. Un nuovo caso a Viterbo e quattro guariti nell'Alto Lazio
  21. Coronavirus, oggi 21 positivi e 7 morti nel Lazio
  22. Un altro positivo, scoperto col test di sieroprevalenza
  23. Riaprono stabilimenti termali e centri benessere
  24. "Abbiamo vissuto momenti drammatici, ma ora Villa Noemi torna alla normalità: solo tre anziani positivi"
  25. Sierologici su sanitari e forze dell'ordine, solo l'1,49% ha gli anticorpi al virus
  26. "L'emergenza ci ha fatto diventare più forti, siamo pronti per la Fase 2"
  27. Coronavirus, oggi zero nuovi casi e zero guariti
  28. Guariti 1434 pazienti, i malati sono 155
  29. L'indagine sierologica nazionale coinvolge nove comuni della Tuscia, tra cui due da sempre Covid-free
  30. Un positivo a Viterbo, 2 a Latina, nessuno a Rieti e Frosinone e 8 a Roma città
  31. Coronavirus, un nuovo positivo e quattro guariti
  32. Un solo nuovo caso di Coronavirus nell'Alto Lazio
  33. "Banca d'Italia, il 70% delle segnalazioni sul sistema bancario riguardano la sospensione dei mutui sulla prima casa"
  34. "Il dimensionamento scolastico va congelato"
  35. Zero casi accertati oggi e nessun nuovo guarito
  36. Coronavirus, paziente guarisce dopo oltre settanta giorni
  37. "La chiusura degli istituti può provocare un analfabetismo di ritorno"
  38. "Un periodo difficile per la nostra categoria, stiamo combattendo una battaglia enorme"
  39. Oltre 140mila i dimessi e guariti
  40. 20 nuovi casi, 8 morti e 19 guariti
  41. Allo Spallanzani 83 ricoverati, 38 dei quali positivi
  42. Allo Spallanzani 83 ricoverati, 38 dei quali positivi
  43. Coronavirus, nessun caso accertato e 15 guariti
  44. E' ripartita la movida, tanta la gente per le strade
  45. Quattro nuovi casi e diciotto guariti
  46. Corchiano tira un sospiro di sollievo: "Negativi i familiari di Ademo"
  47. "Ho scoperto di aver avuto il Coronavirus con il test sierologico"
  48. "Mercato del sabato, la città c'ha presi in giro..."
  49. "Negozi aperti nel centro storico per ridare fiato al commercio"
  50. "La mascherina non è un bavaglio..."
  51. Oggi più di duemila nuovi guariti
  52. Un caso a Viterbo, 2 a Frosinone e Rieti, 0 a Latina
  53. 19 nuovi positivi, 3 morti e 15 guariti
  54. Allo Spallanzani 88 ricoverati, la metà positivi
  55. Un nuovo caso a Sutri e tre guariti, tra cui un sanitario dell'ospedale di Tarquinia
  56. "Lockdown, multe a 16 attività commerciali e 5 ambulanti... ma i viterbesi sono stati bravi"
  57. Tornano a salire i morti, quattro nell'Alto Lazio
  58. 2737 test sierologici su sanitari e forze dell'ordine, al via anche quelli sui cittadini
  59. "Uomo asintomatico a Corchiano, azienda non fa andare a lavoro gli operai del paese"
  60. Coronavirus, un nuovo contagiato a Montefiascone e quattro guariti
  61. Un nuovo caso solo a Viterbo, a Ladispoli morta una donna
  62. "La moschea di Viterbo riaprirà il 29 maggio"
  63. 642 nuovi casi, 156 morti e 1792 guariti
  64. Coronavirus, oggi un nuovo positivo a Viterbo
  65. "La città è quasi vuota, ma ci aspettavamo di peggio"
  66. Coronavirus, giornalista Rai guarisce dopo più di due mesi
  67. Manifestazioni e funzioni religiose, il sindaco potrà disporre la chiusura di specifiche aree
  68. Più di 2mila test sierologici, in 35 hanno gli anticorpi al virus ma solo un sanitario è infetto
  69. Investito, finisce in ospedale e scopre di avere il Coronavirus
  70. Due casi a Viterbo, tre a Latina e nessuno a Rieti e Frosinone
  71. Coronavirus, due nuovi casi e undici guariti
  72. Nella Tuscia 92 malati, è il dato più basso di tutto l'Alto Lazio
  73. "Riapriremo questa sera, ma temiamo il peggio e il comune ci deve aiutare"
  74. Coronavirus, zero nuovi casi per il terzo giorno di seguito
  75. Nessun nuovo caso di Covid-19 nell'Alto Lazio, salgono i guariti
  76. "Le grandi aziende sono entrate sui nostri conti e hanno prelevato senza scrupoli..."
  77. Prosegue il calo dei contagi, oggi 451 nuovi casi
  78. Nessun nuovo caso oggi e altre due persone guarite nella Tuscia
  79. Aprono tutti, ma la gente in giro è poca
  80. "Fase 2, nella Tuscia si rischia l'indebitamento generale"
  81. Meno di cento malati nella Tuscia - A Rieti una donna di 104 anni ha sconfitto il Covid
  82. "675 nuovi casi, 145 morti e 2366 guariti"
  83. 50 nuovi positivi, 18 si sono contagiati a un funerale
  84. Coronavirus, 101 ricoverati di cui 55 positivi
  85. Coronavirus, nessun nuovo caso e un paziente anziano morto
  86. "Fase 2, dubbi, incertezze, sopravvivenza... e 15 mila euro al mese da pagare"
  87. "Ha fatto sempre del bene, senza chiedere niente a nessuno"
  88. Due nuovi casi e trentanove guariti nell'Alto Lazio
  89. "Oggi 32 positivi, 86 guariti e 12 morti"
  90. 104 ricoverati di cui 57 positivi
  91. Un nuovo positivo a Viterbo e 9 guariti
  92. Un metro di distanza al ristorante e al mare, due in palestra
  93. Dal 18 spostamenti solo nella regione e dal 3 giugno anche fuori, assembramenti vietati
  94. Ottavo morto a Villa Noemi, è una donna 63enne ed è la vittima più giovane della Tuscia
  95. "Le perdite non si calcolano, ma siamo felici di ripartire"
  96. "La riapertura della messa ai fedeli è una grande gioia e un'opportunità..."
  97. Due nuovi casi, uno è un sanitario di Belcolle - Morta 63enne, era ospite di Villa Noemi
  98. Oltre un milione e ottocentomila persone controllate in 10 giorni
  99. Decreto rilancio, novità anche magistrati, notai e avvocati
  100. "Le mascherine che ci mandano sono poche e spariscono subito"
  101. Due nuovi casi nell'Alto Lazio
  102. Juma map, il sito dell'Arci per rifugiati e migranti
  103. 992 nuovi positivi, 262 morti e 2mila 747 guariti
  104. Anticorpi al virus, in 13 persone rilevata la presenza
  105. Coronavirus, un positivo e 14 negativizzati tra cui 11 di Villa Noemi
  106. È Bernardina Bartoli la donna, già ospite di Villa immacolata, morta ieri
  107. “A Orte effettuati 390 test sierologici con 13 positivi”
  108. Decreto Rilancio, 55 miliardi di euro per far ripartire l'Italia
  109. "Oggi 888 nuovi casi, 3502 guariti e 195 morti"
  110. Tre nuovi casi oggi a Viterbo e nessuno a Latina, Rieti e Frosinone
  111. Tre contagi, morta una ospite di Villa Immacolata
  112. A Viterbo 3 morti in meno rispetto al 2019 nonostante il Coronavirus
  113. "Test sierologici, in ospedale non ci sono solo i sanitari..."
  114. Indagine sierologica, quasi seicento test tra poliziotti e sanitari
  115. "E' un dramma, così nel centro storico chiudiamo tutti"
  116. Dal color face al calzino, lo status symbol delle mascherine
  117. "Fase 2, bene che anche Nocchi chieda un tavolo con la Regione"
  118. Coronavirus, un positivo e dieci guariti
  119. Un solo nuovo caso di Covid-19 nell'Alto Lazio, 34 i nuovi guariti
  120. "Escludere i braccianti dal bonus provocherebbe una reazione esplosiva"
  121. Coronavirus - Oggi 744 nuovi casi, 179 morti e 1401 guariti
  122. Coronavirus, 900mila famiglie hanno chiesto di sospendere il pagamento dei prestiti
  123. È morto Antonio Costantini, il medico della cura del Parkinson
  124. "Chiuso in una stanza vedevo la mia famiglia da un vetro, ma ora sono più forte e innamorato della vita"
  125. Primo contagio a Valentano, il sindaco: "Proprio ora che guardavamo al futuro con ottimismo..."
  126. "802 nuovi casi, 165 morti e 2155 guariti"
  127. "Covid-19, oggi trend dei nuovi positivi allo 0,4%"
  128. Salgono a 176 gli over 65 guariti e dimessi
  129. Un nuovo positivo e cinque guariti
  130. Più di mille guariti nell'Alto Lazio
  131. "Coronavirus, se non stiamo attenti mandiamo all'aria salute e stagione estiva"
  132. Covid-19, cosa succede se non si ripaga un debito
  133. Oggi nessun caso a Viterbo, 1 a Rieti e Frosinone, 2 a Latina
  134. Coronavirus, 124 ricoverati allo Spallanzani
  135. Nessun nuovo positivo e cinque guariti
  136. Contagiata dopo essere rimasta bloccata sulla Costa Magica, guarisce operatrice turistica
  137. Mascherine, nessuna stretta di mano per il segno di pace e volontari all'ingresso
  138. "La mia iniziativa non è un invito alla disobbedienza civile"
  139. Coronavirus, nessun nuovo caso e altri 15 guariti nella Tuscia
  140. Guariti undici paesi "contagiati"
  141. Covid, le regole per rientrare a scuola a settembre
  142. "La zona industriale del Poggino rischia il collasso economico"
  143. Coronavirus, oggi 1401 nuovi casi con 3031 guariti e 274 morti
  144. Coronavirus, dieci guariti e nessun nuovo caso
  145. Fase 2, firmato un protocollo d'intesa contro le infiltrazioni mafiose
  146. "Sto pensando di rendere obbligatorie le mascherine in centro"
  147. Nella Tuscia meno malati di tutto l'Alto Lazio
  148. "1444 nuovi positivi, 369 morti e 8014 guariti"
  149. Coronavirus, oggi tre casi e nove guariti nella Tuscia
  150. La rivoluzione di velluto dello smart working, dai ministeri ai comuni
  151. Nonna Elvira guarita a 103 anni, era la paziente Covid più anziana della Tuscia
  152. Coronavirus, tre vittime nell'Alto Lazio
  153. "Facciamo San Pellegrino in fiore... on line"
  154. Morto un uomo, era negativo da una settimana
  155. Covid-19, ieri un nuovo guarito ad Acquapendente
  156. Vietato licenziare per i prossimi 5 mesi
  157. "E' stata una rinascita, una festa, una seconda inaugurazione..."
  158. Coronavirus, aumentano i guariti in tutto l'Alto Lazio
  159. Nessun caso a Rieti e Latina, 1 a Viterbo e 2 a Frosinone
  160. A Viterbo il 6,2% dei casi nel Lazio
  161. Arriva la Fase 2, pochi passeggeri in stazione
  162. La città s'è svegliata...
  163. Aumentano del 70% le richieste di aiuto al numero antiviolenza
  164. Nella Tuscia mai così tanti guariti in un giorno: 25... e il totale schizza a 207
  165. "Con la benedizione di san Lanno, il virus resti lontano da Vasanello"
  166. Fase 2 - Chi riapre e come
  167. "Siamo in libertà condizionata, la guerra non è ancora finita"
  168. "Il Coronavirus non ci tolga pure il diritto alla spiaggia libera"
  169. Fase 2 - Ecco la nuova autocertificazione che serve dal 4 maggio
  170. Oggi 174 morti, mai così pochi dai primi di marzo
  171. Coronavirus, 103 positivi ricoverati allo Spallanzani
  172. La regione Umbria conferma: "Stasera stop alla zona rossa di Giove"
  173. Il Coronavirus fa un'altra vittima: morta un'anziana di Villa Noemi
  174. Oltre 300 mila euro alle scuole della Tuscia per la didattica a distanza
  175. 15 mila euro per le case rifugio e 2500 per i centri antiviolenza.
  176. Quattro contagi e trenta guariti, Campagnano non è più zona rossa
  177. Pizza in regalo agli agenti della polizia
  178. "Nessun anziano deve rimanere solo"
  179. "1900 nuovi casi, 474 morti e 1665 guariti"
  180. Coronavirus, 94 positivi allo Spallanzani
  181. "I tarquiniesi devono riprendersi il loro territorio, lunedì riapro il mare"
  182. "Mascherine in luoghi pubblici al chiuso e pure all'aperto in presenza di più persone"
  183. Un nuovo contagio e undici guariti
  184. Disposto l'isolamento della clinica Latina
  185. Disposto l'isolamento della clinica Latina
  186. Due nuovi positivi, un'anziana morta e sessanta guariti
  187. "L'amore vincerà" - Viaggio nel reparto Covid di Belcolle, senza pazienti da tre giorni
  188. "Se non ci salva la Madonna, dal Coronavirus non ci salva nessuno"
  189. "1965 nuovi casi, 269 morti e 2304 guariti"
  190. Coronavirus, oggi un nuovo positivo e 11 persone guarite
  191. "Tante formiche, insieme, possono spostare l'elefante Covid"
  192. Morta una paziente dell'ospedale di Tarquinia, guarite due anziane di Villa Noemi
  193. "Luca è bellissimo come la mamma, non vedo l'ora di sconfiggere il virus per correre ad abbracciarli"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR