Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Il giornale di mezzanotte - Fase 3 - Il progetto "Bee safe" di Giorgia Tamantini prevede l'installazione di una serie di moduli che formano un alveare: "Uno studio a Montalto di Castro prevede 147 postazioni in una spiaggia 100 metri per 60"

Al mare in box di bambù e teli traspiranti, l’idea di un architetto viterbese

di Samuele Sansonetti

Condividi la notizia:

Montalto di Castro – L’emergenza sanitaria costringe a ripensare la vita secondo le regole di distanziamento sociale.

Anche il mare è coinvolto dalle misure di sicurezza predisposte dal governo e alcuni studi cercano di andare incontro alle esigenze di spiagge libere e stabilimenti balneari con soluzioni innovative.

Dopo la proposta delle cabine in plexiglas bocciata a gran voce dai social e dalle associazioni di categoria come Federbalneari, una nuova idea su come organizzare gli spazi in spiaggia arriva dalla Tuscia.



A pensarla è Giorgia Tamantini, giovane architetto viterbese che è partita proprio dal plexiglas per sviluppare un progetto diametralmente opposto. Lo studio si chiama “Bee safe” e prevede l’installazione di una serie di moduli che formano un alveare.

“Alcune delle soluzioni ideate finora sono valide ma la maggior parte di loro finisce per creare altri problemi – spiega Tamantini -. Penso ad esempio ai box in plexiglas che avrebbero portato in spiaggia delle serre oppure ad altri progetti che nonostante il buon risultato non riuscivano a ottimizzare bene lo spazio. Sono partita da questi elementi e ho sviluppato i moduli di forma esagonale, che è quella che sfrutta al meglio gli spazi. Mi sono ispirata all’immagine di un alveare per formare un box che può essere combinato con configurazioni differenti all’interno di ogni singola spiaggia: a filari oppure a grappoli”.



Uno studio più approfondito è stato effettuato su un tratto di spiaggia di Montalto di Castro, lungo 100 metri e profondo 60.

In quel punto specifico è possibile installare 147 moduli – prosegue Tamantini –. La capienza stimata è di 600 persone, visto che ogni modulo misura 16 metri quadrati e può contenere da quattro a sei persone. Gli spazi sono ampi e rispettano le distanze di sicurezza anti Covid. Allo stesso tempo non ti fanno sentire in gabbia”.



La caratteristica principale del progetto è l’ecosostenibilità, che punta alla costruzione dei moduli con materiali “a chilometro zero”.

I pali si possono realizzare in legno o in bambù – conclude Tamantini – e sarebbe ancor più bello riuscire a reperire materiali provenienti dalla nostra zona. I teli sono semitrasparenti e formati da un tessuto leggero e traspirante. No alla plastica e tantomeno al pvc. La zona d’ombra, infine, è personalizzabile e si può creare agganciando e sganciando i vari teli di copertura”.

Samuele Sansonetti


Condividi la notizia:
20 giugno, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR