Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Terni - Polizia - La squadra mobile: "Le ha preso le chiavi di casa, pretendeva di restarci dentro"

Giovane donna perseguitata per un anno, arrestato 33enne

Condividi la notizia:

Polizia

Polizia

Terni – Stalking, arrestato 33enne. 

Ieri pomeriggio la squadra mobile diretta da Davide Caldarozzi ha arrestato un cittadino 33enne di nazionalità tunisina, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip presso il tribunale di Terni Simona Tordelli su richiesta del pm Camilla Coraggio.

Secondo quanto riporta una nota della questura di Terni, “l’uomo pluripregiudicato, irregolare da anni sul territorio nazionale, si sarebbe reso responsabile di gravi atti persecutori dal mese di luglio 2019, nei confronti della donna, arrivando a commettere anche a vere e proprie aggressioni fisiche. Si sarebbe appropriato anche delle chiavi di casa pretendendo di rimanere all’interno dell’abitazione”.

I poliziotti, nel comunicato descrivono l’arrestato come “di indole particolarmente violenta” e “gravato da numerosi precedenti penali e di polizia per reati contro la persona, lesioni personali, resistenza e violenza a pubblico ufficiale e reati, anche associativi, in materia di stupefacenti commessi a Terni ed in Campania”.

La nota della questura di Terni spiega che era già finito sulla stampa locale. “Era assurto alle cronache – spiegano gli agenti – anche per la rocambolesca fuga a una pattuglia della squadra volante che la sera del 29 marzo 2019 lo aveva intercettato in un bar di via Lungonera; si era gettato nel fiume Nera ed era stato seguito da varie pattuglie nell’ambito di un servizio di polizia interforze, poi ‘ripescato’ e salvato dai sommozzatori dei vigili del fuoco”.

Un altro episodio riguarda un’aggressione per banali motivi. “In un’altra circostanza – conclude il comunicato della polizia – non aveva esitato ad aggredire con calci e pugni al volto un connazionale che si era rifiutato di dargli una sigaretta. Nell’ultimo periodo l’uomo era stato notato nel quartiere Sant’Agnese –Parco Rosselli anche in compagnia di altri soggetti dediti a traffici illeciti”.


Condividi la notizia:
27 giugno, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR