Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Il ministero dell'Istruzione: "Abbiamo messo a punto un software che incrocia il dato degli alunni con quello degli spazi e con il distanziamento indicato dal comitato tecnico-scientifico"

“Gli studenti avranno un’aula, ci sono 3 mila istituti dismessi da recuperare”

Condividi la notizia:

Lucia Azzolina

Lucia Azzolina

Roma – “Gli studenti avranno un’aula, ci sono 3 mila istituti dismessi da recuperare”.

Il giorno dopo la conferenza stampa, dove sono state illustrate le linee guida per il rientro in classe a settembre, il ministero dell’istruzione torna a parlare di lezioni e Coronavirus.

“Le linee guida prevedono il mantenimento del gruppo classe, tutte le studentesse e gli studenti avranno spazi per la didattica a settembre come garantito ieri dalla ministra Lucia Azzolina in conferenza stampa”. Così il ministero dell’Istruzione interpellato dall’Ansa. 

“In queste settimane il ministero ha messo a punto un software che – spiegano – consente di incrociare, scuola per scuola, il dato degli alunni con quello degli spazi e con il distanziamento indicato dal comitato tecnico-scientifico. Uno strumento nuovo, senza il quale sarebbe stato impossibile individuare le priorità di intervento. Secondo una prima analisi gli interventi più urgenti riguarderanno circa il 15% della popolazione studentesca, fatta eccezione per la scuola dell’infanzia che è esclusa da questo calcolo avendo altre indicazioni di distanziamento. Un dato significativo ma inferiore alle previsioni iniziali”.

E ancora. “Abbiamo l’elenco di circa 3mila edifici scolastici dismessi a causa del calo demografico e del dimensionamento, che possono essere ripristinati…All’interno degli Istituti il rinnovo dell’arredo scolastico potrà garantire il recupero di spazio”.  

Il ministero dell’Istruzione aggiunge che “dove necessario saranno costruiti patti con i territori per individuare ulteriori locali fuori dal perimetro scolastico”. 


Condividi la notizia:
27 giugno, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR